Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 295 visitatori e nessun utente online

Comunicato stampa del 25 giugno 2012


Importanti iniziative dell’Università degli Studi di Foggia per le Pari Opportunità. Firmata la Carta
delle Pari Opportunità e dell’uguaglianza sul lavoro. Avvio del corso di formazione “Donne,
politiche e istituzioni. Itinerari formativi per la cultura di genere e le buone prassi nelle pari
opportunità”
________________________________________________________________________________
Il 18 giugno, nella sala del Consiglio Regionale a Bari, anche l’Ateneo daunio ha partecipato alla cerimonia
per la sottoscrizione della “Carta delle Pari Opportunità” alla presenza del Presidente della Regione Puglia
Nichi Vendola, dell’Assessore al Welfare Elena Gentile e della Consigliera di Parità Serenella Molendini.
La “Carta per le Pari Opportunità” intende porsi come una dichiarazione di obiettivi etici quali la lotta contro
ogni forma di discriminazione sui luoghi di lavoro, la valorizzazione delle diversità, la parità di genere. Tali
finalità non devono tuttavia rimanere meri intenti, al contrario ci si deve fortemente attivare per porre in
essere azioni concrete e condivise quali il superamento degli stereotipi, la doverosa azione di sensibilizzazione
operata a tutti i livelli, un attento controllo per valutare l’impatto e la diffusione di nuovi modelli di
comportamento nel settore del lavoro.
In Puglia è stato istituito un Tavolo Regionale che si occuperà della diffusione delle buone pratiche nell’ambito
lavorativo – sia privato che pubblico – ed effettuerà un monitoraggio nei confronti delle organizzazioni
aderenti, siano esse aziende o pubbliche amministrazioni.
A sottoscrivere l’atto la prof.ssa Antonella Cagnolati, Delegata del Rettore per gli Affari istituzionali, la
Governance e le Pari Opportunità in quanto il Rettore era impegnato all’estero per una conferenza scientifica
programmata dallo scorso anno.
Questo importante obiettivo si pone in linea con altre iniziative di notevole interesse che l’Università di Foggia
sta varando nell’ambito delle Pari Opportunità: in particolare siamo lieti di segnalare che a breve partirà il
Corso di formazione “Donne, politiche e istituzioni. Itinerari formativi per la cultura di genere e le buone prassi
nelle pari opportunità”. Il progetto del corso, finanziato completamente dalla Presidenza del Consiglio –
Dipartimento delle pari opportunità – e dunque gratuito per coloro che si iscriveranno, è stato elaborato dalla
prof.ssa Antonella Cagnolati ed è stato sottoposto al vaglio del Dipartimento Pari Opportunità che lo ha
giudicato positivamente e lo ha quindi inserito nell’elenco dei progetti finanziabili.
“L’Università di Foggia – ha dichiarato la prof.ssa Cagnolati - avrà la possibilità di svolgere due edizioni
successive del corso e formare ogni anno 40 fra studenti e studentesse, e 40 persone che lavorano negli enti
locali e nella pubblica amministrazione. I temi trattati spaziano dai diritti al mondo della comunicazione, dalla
storia culturale dell’identità alla sociologia, dalla disabilità alla medicina di genere, allo scopo di fornire una
panoramica ampia e interdisciplinare sulle tematiche che verranno affrontate dai docenti, tutti validi esperti
nel loro settore”.
“La sottoscrizione della Carta e il Corso di formazione – ha dichiarato il Rettore, prof. Giuliano Volpe –
evidenziano la grande attenzione che l’Ateneo riserva alle tematiche di genere. Ringrazio la prof.ssa
Cagnolati per il grande impegno con il quale svolge le funzioni da me delegatele. Mi fa enorme piacere che il
Dipartimento governativo per le pari opportunità abbia apprezzato l’originalità e l’efficacia potenziale
dell’approccio metodologico del nostro progetto rivolto non solo ai nostri studenti ma anche ai funzionari
degli enti locali. L’adozione della Carta e il corso di formazione sono due tasselli dai quali potranno diramarsi
altre importanti iniziative”.
La prima edizione del corso inizierà il 10 settembre e proseguirà fino a metà dicembre.
Università degli Studi di Foggia
Ufficio Stampa e Comunicazione