Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 218 visitatori e nessun utente online

PIETRAMONTECORVINO (Fg) – E’ stato affidato a Saverio Lamarucciola, sindaco di Pietramontecorvino (Fg), il nuovo coordinamento creato dall’Anci Puglia che mette insieme i 40 comuni delle province di Foggia e Bari con meno di 5mila abitanti. Il coordinamento che unisce i restanti 44 piccoli comuni del Salento, invece, è stato affidato ad Annalisa Stifani, sindaco di Palmariggi. La nomina di Lamarucciola è stata decisa nell’ambito dell’incontro convocato per fare il punto sulla situazione dei centri minori pugliesi in vista della Conferenza Nazionale dei Piccoli Comuni che si terrà ad Arona, in Piemonte, il 6 e 7 luglio prossimi. Nell’ultimo incontro con l’Anci, il Governo ha annunciato un imminente decreto che sarà proposto nel prossimo Consiglio dei ministri e che prevede novità in materia di piccoli comuni e città metropolitane. I provvedimenti del governo devono rispondere alla esigenza di riorganizzazione istituzionale territoriale, chiarendo le funzioni degli enti intermedi, e risolvere le sovrapposizioni di competenze. I Piccoli Comuni pugliesi, sulle gestioni associate, chiedono che l'accorpamento delle funzioni dei centri con meno di 5mila abitanti non deve essere obbligatorio ma avvenire in maniera volontaria e incentivata. Chiedono di essere sottratti dai vincoli del patto di stabilità e l’ordinamento differenziato, con norme e sostegno specifici. I Piccoli Comuni pugliesi chiedono il rifinanziamento dei fondi ad essi destinati (Fondo Nazionale Ordinario investimenti), per consentire investimenti di natura ambientale, per le opere di riassetto idrogeologico e protezione civile. I fondi si potrebbero sicuramente attingere dalla abolizione della famosa “legge mancia” che continua a essere approvata in Parlamento e a stanziare fondi a pioggia. I comuni pugliesi con meno di 5mila abitanti, inoltre, ritengono importante affrontare e ridurre il divario digitale che interessa i centri minoti e alcune aree montane, per migliorare l'efficienza della Pubblica Amministrazione e favorire il libero accesso alle informazioni della rete. I piccoli comuni della Puglia ritengono necessaria l'istituzione di un fondo per il potenziamento dei collegamenti e lo sviluppo del trasporto pubblico locale, per consentire la fruibilità dei territori a fini turistici e per assicurare ai cittadini dei centri minori l'accessibilità al diritto primario alla mobilità. Alla Regione Puglia chiedono una Legge Regionale sui piccoli comuni e facilitazioni di accesso ai fondi comunitari per i piccoli enti, attraverso l’impegno dell’Ente regionale a farsi carico di cofinanziamento, spese tecniche e IVA.
Pietramontecorvino (Fg) ‘capitale’ dei piccoli comuni pugliesi
Lamarucciola coordinatore dei 40 paesi di Foggia e Bari con meno di 5mila abitanti
Ecco le richieste dei centri minori al governo nazionale e alla Regione Puglia