Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 244 visitatori e nessun utente online

Comunicato stampa, lunedì 13 agosto 2012

 

ROSETO VALFORTORE – “Il Comune di Roseto Valfortore ha una delle tariffe più basse d’Italia per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. E’ una tariffa, peraltro, che non ha subito rialzi e adeguamenti da ben 11 anni, restando immutata dal 2001. L’eventuale aumento della Tarsu sarà adottato per ottemperare agli obblighi imposti dalla legge in materia di raccolta differenziata dei rifiuti. Sono obblighi ai quali tutti i Comuni devono adeguarsi nei tempi e nei modi previsti dalle leggi dello Stato”. E’ Nicola Apicella, sindaco di Roseto Valfortore, a chiarire i termini della ‘questione rifiuti’ sollevata recentemente dalla minoranza consiliare e oggetto di una manifestazione di protesta organizzata dal centrodestra. “E’ del tutto legittimo che l’opposizione manifesti pubblicamente per criticare il nostro operato”, prosegue il primo cittadino, “ma è ugualmente legittimo che io faccia rilevare alla stessa minoranza che, se oggi si trovasse ad amministrare il paese, sarebbe obbligata dalla legge ad adeguare la Tarsu per ampliare i servizi di raccolta e ottemperare agli obblighi inerenti alle percentuali di differenziata da raggiungere entro il 2012 e il 2015. Lo Stato e l’Unione Europea ci impongono di migliorare il servizio dal punto di vista quantitativo e qualitativo. Sono obblighi ai quali non possiamo sottrarci, a meno che non si voglia andare incontro a sanzioni economiche e amministrative che sarebbero incommensurabilmente più pesanti di un adeguamento”. “Il nostro servizio di raccolta differenziata”, continua Apicella, “è ancora in una fase sperimentale e questo, in parte, spiega alcuni disagi che si sono verificati. C’è, inoltre, da evidenziare che non tutti i cittadini si sono completamente adeguati alla novità e molti rosetani continuano a conferire l’umido nei cassonetti della indifferenziata. Ecco perché, con il gran caldo di questi ultimi due mesi, spesso dai cassonetti si diffonde un cattivo odore. La ditta incaricata, tuttavia, ha proceduto e sta procedendo correttamente con le disinfestazioni e tutte le attività necessarie a ridurre al minimo qualsiasi disagio. Per quanto riguarda i cittadini che risiedono solo nel periodo estivo a Roseto Valfortore, stiamo studiando le possibilità concesse dalla legge per sgravare su di loro una percentuale della tarifaa”. “Tutti gli atti relativi a questa importante questione”, conclude Apicella, “sono e saranno presi dalla maggioranza nel bene esclusivo della Comunità Rosetana”.