Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 272 visitatori e nessun utente online

La Cia Puglia ha inviato una nota urgente all'assessore alla risorse agroalimentari della Regione Puglia Dario Stèfano per chiedere di intraprendere tutte le iniziative utili a chiedere al Governo la dichiarazione dello stato calamità per la siccità, che tanti danni sta creando al comparto agricolo pugliese, ed in particolare alle coltivazioni di pomodoro da avviare alla trasformazione industriale. I cambiamenti climatici stanno ulteriormente pregiudicando l'agricoltura pugliese. All'aumento esponenziale dei costi aziendali si aggiungono ora i cali produttivi provocati dalla siccità che in questa estate l'ha fatta da padrone in ogni angolo della Puglia. Nelle campagne pugliesi si sta vivendo una situazione davvero difficile. Le avverse condizioni climatiche stanno portando a una generalizzata contrazione dei volumi prodotti che supera il 25-30 per cento, con punte del 50 per cento per alcuni comparti. Insomma mentre la terra brucia, per l'agricoltura italiana "piove sul bagnato": senza interventi di sostegno si rischia il crack. E a complicare ancora di più la vita nei campi ora è il caldo asfissiante di questa estate di fuoco. Oltre alle riduzioni di produzione di uva e di olive, la forte siccità e il caldo hanno di fatto decretato la fine del pomodoro da industria mettendo in ginocchio la produzione di oro rosso, soprattutto nelle zone del foggiano, dove si registra un calo di produzione rispetto allo scorso anno di oltre il 30 per cento. Oltre a ciò il rischio per gli agricoltori dauni è quello di pagare salate penalità per il mancato rispetto dei quantitativi contrattati, a causa proprio della scarsa produzione determinata dalla siccità. Oltre il danno, la beffa, dunque, per i produttori di pomodori foggiani che, senza l'intervento decisivo di Regione e Governo, rischiano ulteriori penalizzazioni. E' assolutamente necessario provvedere, con la massima urgenza, ad attivare le misure finalizzate a dimostrare che, per motivi indipendenti dalla propria volontà, i produttori interessati non potranno rispettare le condizioni contrattuali sottoscritte con le industrie di trasformazione ad inizio stagione. Pertanto è necessario che le istituzioni competenti, sia a livello nazionale che regionale, attivino con urgenza la procedura volta alla dichiarazione dello stato di calamità naturale e a valutare ed ufficializzare le perdite subite dalle Organizzazioni di Produttori e permettere loro di acquisire gli elementi probanti per evitare situazioni di contenziosi con le industrie di trasformazione che potrebbero determinare situazioni penalizzanti per i produttori agricoli. La Cia Puglia, inoltre, chiede alla Regione che vengano rilasciati dei supplementi straordinari di assegnazione di carburante agricolo per far fronte alle irrigazioni di soccorso che in tutta la Puglia si stanno effettuando.



comunicato stampa