Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 192 visitatori e nessun utente online

Nel “Laboratorio delle Zucche” con adulti e bambini: una zucca, un lume e tanta fantasia
Lo slogan dell’evento del primo novembre: “Togliete le maschere, qui NON è halloween”
Il rintocco delle campane, alle 19, darà il via a fuochi, concerti, spettacoli e degustazioni

ORSARA DI PUGLIA (Fg) – Una zucca, un lume al suo interno e tanta fantasia: per la notte dei “Fucacoste e cocce priatorje”, l’evento-ricorrenza che si celebrerà a Orsara di Puglia giovedì 1 novembre, bambini e adulti potranno partecipare al concorso che premierà la zucca più bella, quella lavorata e trasformata con più abilità e fantasia. Alla gara potranno partecipare tutti, cittadini e visitatori, senza alcun limite di età. Basta portarsi una zucca da casa e, magari, farsi dare una mano dai volontari che apriranno il Laboratorio delle Zucche (dalle ore 15 alle 17 al Centro Visite di Palazzo Varo, dalle 17 alle 18.30 in Piazza San Pietro). Non è questa l’unica iniziativa in cantiere per onorare al meglio la notte di Tutti i Santi. Ci sarà un concorso anche per decretare quale sarà il falò più bello. Ecco perché, per quanti hanno intenzione di godere appieno della manifestazione, è importante arrivare in paese già dal mattino o dal primo pomeriggio. L’infopoint a disposizione dei visitatori aprirà i battenti dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20; stesso orario per le visite guidate che condurranno i turisti alla scoperta del centro storico, dell’Abbazia e della Grotta di San Michele, lungo un percorso ricco di palazzi storici, archi, luoghi d’interesse storico, culturale e architettonico. Arrivare prima delle ore 19, quando i rintocchi della campana della Chiesa Madre daranno il via all’accensione dei falò, significa anche evitare code e difficoltà nel trovare un parcheggio per le proprie automobili. Gli spettacoli, inoltre, cominceranno ancora prima del countdown previsto per “l’esplosione” dei fuochi. Alle ore 18.30, la parata degli artisti di strada del gruppo Liu.bo di Lucera, con giocolieri e mangiafuoco, attraverserà il paese fino ad arrivare in Piazza Madonna della Neve dove si svolgerà lo spettacolo “Tra il bene e il male”. Alle ore 20.30, invece, partirà la carovana musicale della Conturband Street Parade. Alle ore 22, sarà la volta della Coquette Band in Largo San Michele. A Orsara di Puglia, la notte dei falò e delle “teste del purgatorio” sarà anche quella dei grandi numeri: 10mila visitatori attesi, un falò per ogni nucleo familiare del borgo, oltre 100 persone tra volontari e agenti delle forze dell’ordine a vigilare sul sereno svolgimento degli eventi, 20 punti di ristoro per i visitatori, quattro diversi momenti di spettacolo. Uno degli aspetti che sta più a cuore alla gente di Orsara è la condivisione del vero significato dei “Fucacoste” con i visitatori che giungeranno da ogni parte d’Italia. A questo proposito - in continuità con quanto fatto anche nelle scorse edizioni da Comune, Pro Loco, altre associazioni e singoli cittadini – ci si adopererà per illustrare ai turisti le differenze tra l’evento che si svolge nel “paese dell’Orsa” ogni primo novembre e halloween. Eloquente, in tal senso, è messaggio riportato sul manifesto ufficiale: “Togliete le maschere, qui NON è halloween”. Ci sono le zucche, è vero, e anche a Orsara di Puglia prendono sembianze umane, ma le similitudini tra halloween e "Fucacoste e cocce priatorje" (Falò e teste del purgaorio) finiscono qui. A Orsara di Puglia, falò e zucche antropomorfe accendono la notte del primo novembre. E' diverso il significato dei due eventi. Da un lato le tenebre e la plastica di un appuntamento consumistico; dall'altro, ci sono la luce della fede, il culto dei defunti, il gusto genuino di tavole imbandite in ogni strada, la condivisione di un momento di comunione, la magia autentica del legame misterioso e pieno di rispetto tra il mondo dei vivi e quello di quanti sono vivi nella nostra memoria.
Info e programma: www.comune.orsaradipuglia.fg.it

comunicato stampa, lunedì 29 ottobre 2012