Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 192 visitatori e nessun utente online

fai1COMUNICATO STAMPA

14 febbraio 2013
FAI, “I luoghi del cuore” 2012:
una valanga di voti per i beni culturali di Capitanata

Sono stati oltre un milione le persone che –via web o con le schede cartacee in distribuzione nelle delegazioni FAI e nelle sedi di Intesa Sanpaolo- hanno partecipato alla sesta edizione de “I luoghi del cuore”.
Si tratta del censimento che ogni due anni raccoglie le segnalazioni sui beni culturali italiani che più hanno bisogno di interventi di restauro e valorizzazione.
La conferenza stampa di presentazione dei risultati si è tenuta questa mattina a Milano, alla presenza dei rappresentanti nazionali del Fondo per l’Ambiente e dell’istituto bancario che organizzano, in collaborazione, il biennale “sondaggio”.
La mobilitazione popolare è stata notevole: il primo Censimento, nel 2003, raccolse 24.200 segnalazioni. Lo scorso anno, dal 23 maggio al 30 novembre, il numero di voti giunti è aumentato di oltre 40 volte.
Una conferma di quanto sia sentita l’iniziativa del FAI e di Intesa Sanpaolo, che viene vista sia come strumento per far conoscere l’opinione del “pubblico”, italiano e non, sull’importanza della tutela dei beni culturali più trascurati che come “scambio di idee, esperienze, comunione di sentimenti e speranze”, come è stato detto questa mattina nella conferenza stampa.
La novità dell'edizione 2012 è stata proprio l’introduzione della possibilità del voto anche da parte degli stranieri. Sono giunte segnalazioni dal Canada, dall'Olanda, dal Malawi, dalla Cina e da tanti altri Paesi: in totale, ben 123.
Ancora una volta c’è stato un vero e proprio “trionfo” per la Capitanata, che ha fatto registrare ben tre beni nei primi dieci posti che hanno raccolto in totale di 128.159 segnalazioni: per tutti i beni della provincia di Foggia, invece, sono giunti altre 173.000 voti.

CLASSIFICA – PRIMI 10 POSTI
1°     Cittadella di Alessandria, Piemonte         Sito archeologico     53953
2°     Chiesa di S. Nicola in S.Paolo di Civitate, Puglia     Chiesa         53394
3°     Abbazia Benedettina SS. Trinità di Monte Sacro, Mattinata, Puglia             50071
4°     Rione Sanità - Museo di Totò, Napoli, Campania     Area urbana             43126
5°     Reggia di Carditello, San Tammaro (CE), Campania,             32438
6°     Faro del Monte della Guardia, Ponza (LT), Lazio, Torre             31123
7°     Parco e Castello di Miramare, Trieste, Friuli Venezia Giulia            25771
8°     Eremi della Valle di Stignano, San Marco in Lamis (FG), Puglia,             24694
9°     Tempio della Congregazione Olandese Alemanna, Livorno, Toscana            23685
10°     Cattolica di Stilo, chiesa in  Stilo (RC), Calabria                20009
Per un soffio la Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate, con 53. 394 voti, non è risultata la più segnalata: ha dovuto cedere il passo, per poche centinaia di preferenze (53.953) alla Cittadella di Alessandria, uno degli esempi più importanti di fortificazione settecentesca in Europa dove sventolò il primo tricolore del Risorgimento italiano, attualmente invasa da piante infestanti e bisognosa di manutenzioni urgenti.
La chiesa di San Paolo, luogo molto amato dagli abitanti della zona, è chiusa da tempo perché ripetutamente danneggiata dai sismi che hanno colpito il Tavoliere Nord e le aree limitrofe.
Straordinario anche il terzo posto, con 50.071 voti, dell'Abbazia Benedettina della SS. Trinità di Monte Sacro, nel territorio del Comune di Mattinata: costruita tra il X e l'XI secolo, è una delle più importanti del Sud Italia, ma ne restano solo ruderi che, sebbene spesso frequentati da studiosi di Storia, di Arte e di Architettura, sono invasi dalla vegetazione e non sono fruibili dai visitatori.
All’8° posto, gli Eremi della Valle di Stignano: erano rifugi nei quali gli asceti che sceglievano la meditazione e la solitudine, avevano ricavato lungo la via dei pellegrini tra il Convento francescano di Santa Maria di Stignano e il sito di Castelpagano; furono scavati o edificati tra medioevo e metà ‘700. La gran parte è ormai ridotta in rovina, mentre una decina è ancora discretamente conservata.

Altri beni della Capitanata sono stati segnalati: ad esempio, la Chiesa delle Croci di Foggia si è classificata al 20° posto, con 10711 segnalazioni.
Per conoscere i dettagli dei beni “foggiani, basta collegarsi al link http://www.iluoghidelcuore.it/classifica
che riporta la classifica completa.
 
Oltre 10.000 i luoghi votati nel Censimento del 2012: tantissime realtà dimenticate che grazie a “I Luoghi del Cuore” tornano in primo piano. Come nelle precedenti edizioni il FAI si farà, infatti, portavoce delle segnalazioni ricevute e, anche attraverso l'azione capillare delle sue oltre 100 Delegazioni provinciali, solleciterà le istituzioni preposte affinché tengano in considerazione i luoghi che “muovono” il cuore dei cittadini, sensibilizzando Sindaci, Soprintendenze e Presidenti di Regione. Per la prima volta il monitoraggio dei luoghi segnalati, volto a capire dove poter intervenire concretamente, sarà fatto in accordo con la collaborazione delle Direzioni Regionali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e a giugno di quest'anno saranno annunciati gli interventi previsti.
    
Giorno 18, alle 10, nella Sala Giunta della Provincia di Foggia, i risultati del sondaggio saranno analizzati in una conferenza stampa che vedrà protagonisti il Vice Capo Delegazione del FAI Foggia Nico Palatella, la Vice Presidente della Provincia Maria Elvira Consiglio e i responsabili dei comitati che si sono impegnati per far votare i beni del territorio.

                                Il Portavoce della Delegazione
                                         Loris Castriota Skanderbegh