Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 534 visitatori e nessun utente online

comune-foggia-01‘Straordinarie ragioni emergenziali' hanno giustificano l'affidamento del servizio di raccolta rifiuti in deroga al ‘confronto concorrenziale'. Servizio che non sarebbe stato affidato comunque alla società SMAT ‘in quanto il numero di abitanti della città (Foggia, ndr) sarebbe superiore a quello relativo a centri urbani per cui è autorizzata'. Sono le motivazioni che hanno indotto il TAR Puglia a respingere il ricorso della SMAT per l'annullamento, previa sospensione, degli atti da cui discende l'affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani all'AMIU SpA ed a negare la sospensione dello stesso, perchè ‘è assolutamente prevalente l'interesse pubblico' rispetto a quello dei potenziali concorrenti ad una gara. "Quella del TAR è l'ultimo di una serie di pronunce della magistratura ordinaria e amministrativa sulla legittimità e legalità degli atti prodotti dal Comune e dalla Regione per la soluzione dell'emergenza ambientale e della vertenza occupazionale derivante dal fallimento di AMICA SpA - commenta il sindaco Gianni Mongelli - Nel caso specifico, fin da subito abbiamo rilevato l'impossibilità dell'affidamento a SMAT del servizio proprio a causa della mancanza dei requisiti ed inutilmente lo abbiamo fatto rilevare alla stessa società, alle organizzazioni sindacali e alle associazioni dei consumatori. Due di queste ultime sono intervenute al fianco della società nel giudizio dinanzi al TAR per non meglio precisate ragioni di tutela dei contribuenti foggiani, evidentemente inconsistenti ed ancor più evidentemente avvantaggiati dall'efficace riorganizzazione del servizio operata da AMIU. I cumuli di immondizia sono scomparsi, le strade e i marciapiedi sono regolarmente spazzati, si stanno dislocando nuovi cassonetti, la raccolta differenziata è ripartita e presto sarà potenziata. Questi erano gli obiettivi di Comune e Regione, raggiunti grazie alla collaborazione istituzionale del Comune di Bari - conclude Mongelli - Dopo aver superato l'esame dei tribunali, attendiamo il giudizio dei cittadini e sulla base di questo orienteremo gli eventuali interventi correttivi per meglio servire la città".

comunicato stampa