Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 232 visitatori e nessun utente online

olioolivaextravergine"La legge salva olio si sta dimostrando una delle più efficaci normative di settore approvate nella legislatura passata, con positive ed immediate ricadute su un settore in crisi che oggi torna a remunerare i produttori ed a competere sui mercati italiano ed internazionale". Lo afferma l'onorevole Colomba Mongiello, promotrice della legge ‘Norme sulla qualità e la trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini', commentando i dati del settore olivicolo nel 2012, diffusi da Coldiretti. Il prezzo all'origine dell'olio extravergine aumentato del 30% rispetto al 2011. Importazioni ridotte del 4,5% (il 20% a dicembre) ed esportazioni cresciute del 2,5% (416.000 tonnellate, nuovo record), con un saldo positivo di 114 milioni. Nessuna variazione di costo del prodotto finale e maggiore qualità in bottiglia. "I dati mostrano che l'inversione positiva inizia con l'intensificarsi del dibattito, in Parlamento e negli ambienti economici, sulla ‘salva olio' - continua Mongiello - Fino all'exploit della riduzione di un quinto delle importazioni nel mese in cui la legge veniva approvata prima al Senato e poi alla Camera. Le tanto avversate norme sull'etichettatura o sugli alchil esteri, come quella che hanno determinato l'inasprimento delle sanzioni nei confronti degli agro pirati hanno indotto gli operatori del settore ad assumere comportamenti virtuosi. A vantaggio dei produttori, ai quali è stato riconosciuto un prezzo superiore a quello ‘imposto' dai mediatori agendo sulla leva dell'importazione, e dei consumatori, che possono acquistare un prodotto qualitativamente superiore senza apprezzabili differenze di costo. La soddisfazione personale è poca cosa rispetto alla consapevolezza di aver contribuito, con il sostegno di tanti parlamentari e delle organizzazioni agricole, alla ripresa del comparto olivicolo - conclude Colomba Mongiello - Con la ‘salva olio' è stato sperimentato una sorta di modello legislativo che può e deve essere replicato in altri settori dell'agroalimentare per valorizzare concretamente il Made in Italy e chi ci investe risorse e lavoro".

comunicato stampa