Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 207 visitatori e nessun utente online

premiazione2011Per la poesia edita, primo premio a Annamaria Di Pietro con l’opera “Magdeburgo in Ratisbona”.
Per i componimenti inediti, sul gradino più alto del podio il romano Umberto Vicaretti.
Alla cerimonia di premiazione del 25 agosto arriveranno oltre 100 poeti da tutta Italia.

ALBERONA – L’ottava edizione di “Borgo d’Alberona”, premio internazionale di poesia dedicato ai componimenti in lingua italiana, ha i suoi vincitori: nella sezione “edita”, trionfa Annamaria Di Pietro con l’opera “Magdeburgo in Ratisbona”; secondo posto a Valerio Agricola con “Terra Data”; terzo gradino del podio per Paola Fenini con “Aloni”. In questa stessa sezione, la giuria ha decretato segnalazioni di merito per: Francesco Onirige, Pietro De Bonis, Antonio D’Elia, Ottaviano De Biase, Luciana De Palma e Maria Antonetta Cocco. Il primo posto, nella sezione “inedita”, se lo aggiudica il poeta romano Umberto Vicaretti; secondo posto per la poetessa calabrese Maria Natalia Iriti; sul terzo gradino del podio lo scrittore siciliano Rosario Aveni. In questa sezione, segnalazioni di merito per: Flavio Almerighi, Ugo Capezzali, Enzo Tommasone, Mario Barbetti, Giovanni Sangiorgio, Luigi Antonio Barone e Adriana Lozza. Saranno 104 i poeti che, il prossimo 25 agosto, arriveranno ad Alberona da tutta Italia per partecipare alla cerimonia di premiazione di “Borgo d’Alberona”, il concorso che nel 2012 è stato insignito della “Medaglia di rappresentanza” conferita dalla Presidenza della Repubblica Italiana, un prestigioso riconoscimento assegnato a iniziative e progetti ritenuti meritevoli in virtù del loro alto significato sociale e culturale. Al premio, quest’anno, sono stati presentati 20 volumi di poesie edite e 267 componimenti inediti. Il concorso fu istituito nel 2006 per valorizzare la lunga e importante tradizione letteraria alberonese. Una tradizione celebrata anche all’ingresso del paese con un “muraglione della poesia” che rende omaggio ai poeti e agli scrittori più importanti del borgo: Giacomo Strizzi, Vincenzo D’Alterio, Camillo Civetta e Michele Caruso. I poeti alberonesi, lungo tutto l’arco del ‘900, si sono fatti apprezzare in tutta Italia per le loro opere. A loro sono state dedicate vie, piazze e antologie. Una “vena poetico-letteraria” rinnovata ogni anno dal Premio di poesia “Borgo d’Alberona”. Una tradizione la cui continuità è rappresentata attualmente non solo da Michele Urrasio, scrittore-poeta e intellettuale cui la Società di Storia Patria per la Puglia ha recentemente dedicato la pubblicazione “La Puglia nella poesia di Michele Urrasio” (libro di Francesco D’Episcopo, docente dell’Università Federico II di Napoli), ma anche da decine di giovani scrittori della Capitanata che ogni anno partecipano al concorso con le loro liriche. Dall’anno in cui è stato istituito il premio, “Borgo d’Alberona” ha registrato la partecipazione di circa 1000 poeti. In questi anni sono stati premiati scrittori di livello internazionale come Maria Luisa Spaziani, Remo Fasani, Claudio Angelini e Dino Carlesi.

Info: 0881.592022

comunicato stampa, mercoledì 7 agosto 2013