Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 303 visitatori e nessun utente online

uniComunicato stampa del 14 novembre 2013

Programma LEONARDO DA VINCI 2013/2015. Presentata la seconda edizione del progetto di mobilità studentesca “SOUTH”, 120 borse di studio per tirocini formativi all'estero.

Il Rettore Ricci: un'opportunità di crescita professionale e personale per i nostri giovani  laureati.

è stata presentata questa mattina, giovedì 14 novembre 2013, presso l’Auditorium Bruno Di Fortunato di Palazzo Ateneo, la seconda edizione del progetto di mobilità studentesca “SOUTH" grazie al quale l’Università degli Studi di Foggia ha ottenuto finanziamenti comunitari per la realizzazione di tirocini formativi presso enti presenti all'estero e a favore di giovani laureati.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il Magnifico Rettore dell’Università di Foggia prof. Maurizio Ricci, la Prorettrice prof.ssa Milena Sinigaglia, la Responsabile del Settore Relazioni Internazionali dott.ssa Valeria Puccini e la Referente del progetto per il Politecnico di Bari dott.ssa Maria Fanelli.

Il progetto "Southern Universities for Training Harmonization II”, promosso nell'ambito del programma  Leonardo da Vinci, è coordinato dal Settore Relazioni Internazionali dell'Ateneo di Foggia in partenariato con l'Università di Bari Aldo Moro, il Politecnico di Bari, l'Università del Salento, l'Università della Basilicata e l'Università del Molise.

Molto positivo il risultato ottenuto dall'Ateneo di Foggia per questo progetto lanciato nell'anno accademico 2011/2012 con un finanziamento di euro 416.305,83 e 105 borse di studio. Per il 2013/2015 l’Università di Foggia ha ottenuto, infatti, un incremento del finanziamento comunitario che ammonta a euro 454.760,00 con la possibilità di erogare n. 120 borse di mobilità a giovani laureati provenienti dalle Università aderenti al partenariato per la realizzazione di tirocini della durata di 16 settimane presso imprese situate in altri Stati membri dell’Unione Europea. Le 120 borse di mobilità sono così ripartite:

·        Università di Foggia: n. 30

·        Politecnico di Bari: n. 18

·        Università degli Studi di Bari Aldo Moro: n. 18

·        Università degli Studi della Basilicata: n. 18

·        Università del Salento: n. 18

·        Università degli Studi del Molise: n. 18

"In un contesto di crescente mobilità internazionale il finanziamento di questo progetto costituisce un risultato molto positivo  per la nostra Università impegnata a potenziare la sua attrattività nel panorama nazionale, oltre che per la qualità dell'offerta formativa, anche per le interessanti opportunità di studio e di tirocinio all'estero a favore degli studenti e dei giovani laureati. -  Ha dichiarato il Magnifico rettore, prof. Maurizio Ricci -  I programmi di mobilità internazionale, come Leonardo da Vinci, costituiscono un efficace strumento  per la realizzazione di un percorso formativo in grado di valorizzare il connubio tra competenze possedute e Know How e favorire, al contempo, un'esperienza per ampliare i propri orizzonti, accrescere la comprensione dei differenti linguaggi e culture, apprendere innovativi modelli di vita e lavoro. Inoltre, sul piano della competitività non dobbiamo dimenticare che la mobilità studentesca, unitamente a quella dei ricercatori e dei docenti, è una delle attività principali nella sfera delle politiche di attrattività internazionali costituendo uno degli indicatori nei ranking mondiali delle istituzioni universitarie. Ecco perché è necessario intensificare gli sforzi, insieme agli enti e alle istituzioni, per l'attuazione di strategie e azioni comuni in grado di accrescere la nostra capacità di attrarre talenti, fattore tra i più determinanti per la crescita e lo sviluppo del Territorio".

Il Programma settoriale Leonardo da Vinci si propone di sviluppare le abilità e le competenze dei giovani laureati, al fine di promuovere la loro partecipazione al mercato del lavoro europeo, nonché il loro sviluppo personale attraverso l’acquisizione e l’utilizzo di conoscenze, competenze e qualifiche. L'Università di Foggia attualmente vanta circa 300 aziende ospitanti, situate in diversi Paesi dell’Unione Europea : Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Spagna, UK, Slovenia.

"Si tratta di un progetto importante che conferma con questa seconda edizione il suo valore in quanto opportunità unica e stimolante di crescita professionale e personale per i nostri giovani laureati. Le testimonianza dei nostri studenti che hanno partecipato al primo bando di mobilità offerto dal progetto SOUTH sono tutte molto positive. Dal punto di vista personale, infatti, uno stage all’estero aiuta i giovani a confrontarsi con realtà culturali e linguistiche diverse, ad interagire in un contesto internazionale e ad aprirsi a nuove prospettive. - Ha dichiarato la dott.ssa Puccini - Sul piano professionale, un giovane laureato che ha svolto uno stage all’estero avrà senza dubbio una marcia in più da spendere nel mondo del lavoro, avendo arricchito il suo curriculum con competenze specifiche e con la conoscenza di una lingua straniera. Anche per questa seconda edizione nel rispetto delle disposizioni comunitarie in materia di trasparenza e riconoscimento dei percorsi di formazione all'estero, alla fine del tirocinio sarà rilasciato a tutti i partecipanti il documento EUROPASS-Mobilità, nel quale sono riportati, in italiano e nella lingua del Paese ospitante, i contenuti del tirocinio e le competenze professionali e linguistiche acquisite" .

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande è il 12 dicembre p.v.

Si allega il Bando e una fotografia della Conferenza stampa.

Per maggiori informazioni:

 www.unifg.it