Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 269 visitatori e nessun utente online

ScuolaDeSanctis FG07052013Foggia, sabato 25 gennaio 2014
Non c’è più limite a nulla. Dopo la chiusura per inagibilità, gli incendi, l’occupazione abusiva, la depredazione di alcuni beni importanti e di documenti sensibili, il continuo via vai di senza tetto che trovano rifugio durante le ore notturne, la scuola media Francesco De Sanctis è ancora oggetto di visite furtive.
Oggi, 25 gennaio 2014, verso le ore 15:30 il plesso scolastico foggiano è stato oggetto dell’ennesimo atto furtivo da parte di due soggetti in cerca di ferro da vendere. L’allarme è stato dato da alcuni residenti che affacciandosi alle finestre delle proprie abitazioni hanno assistito a un andirivieni di due persone che, muniti di un treruote, portavano fuori dalla scuola materiale ferroso. Immediatamente sono intervenute due pattuglie della Polizia che hanno bloccato le due persone in flagranza di reato. Dopo i dovuti accertamenti, i due “predatori” son stati arrestati e la refurtiva, grazie al lavoro degli Agenti della Polizia Municipale, è stata riposta nel plesso scolastico. Questa volta è toccato a materiale di poca valenza economica, ferro in genere, piedistalli dei banchi e materiale similare, la refurtiva oggetto dell’ennesimo atto predatorio cui la De Sanctis è sottoposta da due anni. Fra poco anche le grate arrugginite delle finestre rimarranno un ricordo.
Il problema della scuola F. De Sanctis oramai è diventata un’incognita cui il Comune di Foggia deve dare risposte certe e risolutive. Tante le sollecitazione dei genitori dei circa 600 alunni che due anni fa son stati costretti a trasferire i propri figli nell’oramai funzionante comprensorio Parisi-De Sanctis. Un comprensorio voluto dalle leggi nazionali che hanno, paradossalmente e con un tocco di ambigua noncuranza dell’attuale amministrazione comunale, sancito la chiusura della De Sanctis. Rimaner zitti su tale importante problema non è edificante verso la riapertura della De Sanctis, che vuol dire ridare a Foggia un polo formativo primario e soprattutto legalità.
Ciò, ed e prioritario dirlo, dopo la relazione dell’Assessore al Bilancio del Comune di Foggia, Rocco Lisi, che nel “Bilancio di Previsione 2013” ufficializzato nel dicembre 2013 durante una seduta del Consiglio Comunale, disse, leggendo a pag. 10 nella relazione per gli investimenti cui il Comune si è impegnato a portare a termine «… manutenzioni straordinarie … con intervento di consolidamento strutturale ed adeguamento tecnico funzionale scuola De Sanctis di Piazza F.lli Bandiera per € 1.000.000. Tutti gli interventi sono finanziati con risorse art. 18 Legge n. 98/2013».
Dire altro sarebbe superfluo e ripetitivo. Si attende che il Comune di Foggia dia seguito, e presto, a ciò che è scritto nella suddetta relazione, sperando che il nuovo anno scolastico apri le porte della Scuola Media Francesco De Sanctis, sia per il ruolo che ha, sia per ridare legalità, sia a dimostrazione che quei fondi abbiano seguito la giusta via, e ciò non è poco.

NICO BARATTA