Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 261 visitatori e nessun utente online



congressoprovfoggiaTutti i numeri del Congresso provinciale: 37 assemblee, 7mila persone coinvolte nei dibattiti
Altissima la partecipazione delle donne, tanti i momenti di confronto su lavoro, welfare e diritti

FOGGIA – Ci sono anche i numeri a testimoniare la partecipazione e l’entusiasmo che hanno caratterizzato il Congresso provinciale Spi-Cgil: hanno votato 17.486 iscritti, vale a dire il 65% degli aventi diritto; “abbiamo svolto 37 assemblee”, ha detto Franco Persiano, Segretario Generale Spi-Cgil Foggia, presentando la sua relazione. Il congresso provinciale Spi-Cgil Foggia si concluderà oggi, mercoledì 26 febbraio, all’Hotel Holiday di Foggia (via Napoli, km 2,8). L’inizio del dibattito è in programma alle ore 9.30. Alle ore 11, è previsto l’intervento di Filomena Trizio, Segretario Generale Cgil Foggia. Le conclusioni saranno affidate a Claudio Cola, della Direzione Nazionale Spi-Cgil.
“Siamo riusciti a coinvolgere 6.951 pensionati nel dibattito, con un’altissima partecipazione delle donne. Sono stati fatti 351 interventi nei nostri congressi delle leghe, e di questi 147 ad opera di donne”. “E’ stato un bel viaggio partecipare a questi congressi di base”, continua Persiano. “Un risultato che abbiamo raggiunto grazie all’impegno straordinario della segreteria, dei nostri segretari delle leghe, di tutti quelli che ancora una volta non si sono risparmiati. Ecco, questo è lo Spi-Cgil in Capitanata, la più grande organizzazione sociale della provincia, un sindacato che rimane ‘confederalmente’ attivo continuando ad avere una sua carta d’identità. Lo diciamo a coloro che pensano di confinare lo Spi in un recinto di testimonianza o di soli servizi”.
RADICAMENTO E INNOVAZIONE. Lo Spi-Cgil è presente con una propria sede, dirigenti e attivisti in 34 paesi e città della Capitanata. Sui Monti Dauni, l’area dove maggiore è la presenza di anziani e la necessità di sostegno ai pensionati, Spi-Cgil è attivo con 10 sedi. “Dobbiamo accettare la sfida del cambiamento e dell’innovazione”, ha detto Franco Persiano. “Allo stesso tempo, dobbiamo continuare a essere un sindacato che si sporchi le mani con i problemi di tutti i giorni, sapendo indicare una prospettiva nel territorio”.
SINDACATO DI PROPOSTA E DI DENUNCIA. Nei prossimi mesi, così come negli ultimi anni, lo Spi-Cgil Foggia continuerà a proporre le proprie idee come ha fatto anche in queste settimane promuovendo dibattiti e confronti su lavoro, welfare, condizione delle donne, liste d’attesa, contrattazione sociale. Temi che riguardano la vita delle persone, la determinazione a costruire un futuro che restituisca peso specifico ai diritti, alla buona occupazione e allo sviluppo sociale ed economico per tutti. Il Sindacato Pensionati della Cgil, anche in questi giorni, è tornato a denunciare i gravissimi ritardi e le risorse inutilizzate dei Piani Sociali di Zona, i drammatici disagi dovuti alle liste d’attesa nella sanità, le crescenti difficoltà delle famiglie.
CONTRATTAZIONE SOCIALE STRATEGICA. “La contrattazione sociale”, ha spiegato Franco Persiano nella sua relazione, “deve diventare nei territori e nella strategia della Cgil un’attività di difesa dei diritti di cittadinanza, per l’inclusione sociale e l’accesso di tutti ai diritti sociali. Una negoziazione sociale territoriale efficace ci impone un impegno quotidiano con gli interlocutori istituzionali: solo così è possibile condividere una responsabilità di governo della cosa pubblica”.
L’APPELLO UNITARIO AL GOVERNO RENZI. “Non siamo tutti sulla stessa barca: nel mare agitato della crisi, c’è chi naviga su un panfilo e chi, invece, rema a fatica su una zattera. I pensionati italiani, quegli stessi che sempre più spesso aiutano figli e nipoti e intere famiglie ad arrivare alla fine del mese, hanno già contribuito pesantemente al risanamento dei conti pubblici con 12 miliardi di euro attraverso il blocco della rivalutazione previdenziale. Basta tagli alle pensioni. Vogliamo una legge nazionale sulla non-autosufficienza. Lottiamo per il lavoro ai giovani, per un’Italia più giusta e solidale. E’ questo l’appello che, assieme a Fnp-Cisl e Uilp-Uil, lanciamo al Governo Renzi per una svolta nella politica economica e sociale del Paese”. Info: www.spicgilpuglia.it - www.cgilfoggia.it

comunicato stampa