Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 259 visitatori e nessun utente online

premiolupoPrimo posto per il foggiano Luigi Paglia nella sezione dedicata alle liriche inedite
Premi e segnalazioni di merito per le poetesse Giusi Fontana e Maria Del Vecchio di Lucera
Riconoscimenti della giuria a Lucia Macro (Bovino) e Michele Prencipe (Troia)

ALBERONA – La giuria di “Borgo d’Alberona – Premio Internazionale di Poesia” ha reso noti i vincitori della nona edizione del concorso. Per la poesia edita, il gradino più alto del podio e il premio da 1.000 euro sono stati conquistati da una poetessa di Ancona, Anna Elisa De Gregorio, per la silloge-raccolta intitolata “Dopo tanto esilio” (Raffaelli Editore-Rimini). Paolo Bartalini, di Poggibonsi, è il secondo classificato con “Rampe del buon pane” (Florence Art Edizioni – Firenze). Il terzo posto è stato assegnato alla poetessa Giusi Fontana, di Lucera, che ha presentato la silloge “Impercettibili” (Edizioni del Rosone-Foggia). Nella sezione della poesia edita, segnalazioni di merito per: Gianni Mazzei, da Trebisacce (Cosenza), per la silloge “Dante Maffia: l’esercizio dell’ingegno” (Ferrari Editore-Rossano); Giuseppe Vetromile, da Madonna dell’Arco (Napoli) per la silloge “Percorsi alternativi” (Marcus Edizioni-Napoli); Antonio D’Elia, da Lecce, per la silloge “Le ombre affrettano la sera” (senza editore) e Cesare Giacomo Toso, da Portoferraio, per la silloge “La Rosa dei venti” (Florence Art Edizioni”-Firenze). Va a un foggiano, Luigi Paglia, il primo premio per la poesia inedita, grazie alle tre liriche presentate: La stanza di Emily, L’orizzonte di Mahler e La notte di Borges. Nella stessa categoria, secondo posto al romano Pietro Catalano e terzo gradino del podio a Loretta Stefoni, di Civitanova Marche. Nella sezione degli inediti, le segnalazioni di merito sono andate a: Lucia Macro, di Bovino; Alla Melnychik, di Perugia; Maria Del Vecchio, di Lucera; Michele Prencipe, di Troia; Pasquale Balestriere, di Barano d’Ischia.
NOVE EDIZIONI, MILLE POETI. Nelle prime nove edizioni, sono stati ben oltre 1000, complessivamente, le poetesse e i poeti che hanno misurato il loro talento al “Borgo d’Alberona”, con partecipanti provenienti da 20 nazioni diverse che hanno presentato, tra testi editi e inediti, più di 3000 poesie. In questi anni il premio è stato assegnato a poeti e poetesse di livello internazionale come Maria Luisa Spaziani, Remo Fasani, Claudio Angelini e Dino Carlesi. Nel 2012 il concorso è stato insignito della “Medaglia di rappresentanza” conferita dalla Presidenza della Repubblica Italiana, un prestigioso riconoscimento assegnato a iniziative e progetti ritenuti meritevoli in virtù del loro alto significato sociale e culturale. Il Premio fu istituito nel 2006 per valorizzare la lunga e importante tradizione letteraria alberonese. Una tradizione celebrata anche all’ingresso del paese con un “muraglione della poesia” che rende omaggio ai poeti e agli scrittori più importanti del borgo: Giacomo Strizzi, Vincenzo D’Alterio, Camillo Civetta e Michele Caruso. I poeti alberonesi, lungo tutto l’arco del ‘900, si sono fatti apprezzare in tutta Italia per le loro opere. A loro sono state dedicate vie, piazze e antologie. Una “vena poetico-letteraria” rinnovata ogni anno dal Premio di poesia “Borgo d’Alberona”. La cerimonia di premiazione della nona edizione si terrà ad Alberona il prossimo 7 settembre.

comunicato stampa