Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 352 visitatori e nessun utente online


parchiDopodomani saggio conclusivo dell'esperienza, bilancio molto positivo anche per la seconda edizione.
L'auspicio del Delegato alle pari opportunità: «La speranza rimane quella di rendere permanente questa attività
che non solo è utile ma qualifica l'intera Università di Foggia».
Inaugurato lo scorso 2 luglio (con una sobria ma allegra e chiassosa cerimonia alla presenza tra gli altri del Rettore dell’Università di Foggia prof. Maurizio Ricci, dell'ex direttore del Dipartimento di Studi umanistici prof. Saverio Russo, del Delegato rettorale alle Pari opportunità prof.ssa Antonella Cagnolati e della consigliera di Parità della Provincia di Foggia avv.ssa Antonietta Colasanto) Spazio Gioco è una iniziativa socio-pedagogica destinata ai figli dei dipendenti dell'Università di Foggia che offre un qualificato servizio educativo finalizzato alla conciliazione dei tempi di vita tra famiglia e lavoro. Giunto alla seconda edizione – quest'anno ubicata presso il Dipartimento di Studi umanistici in via Arpi 176 a Foggia, sotto la direzione delle prof.sse Anna Grazia Lopez e Barbara De Serio – Spazio Gioco ha ospitato 28 bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni per circa due mesi e mezzo (fermo restando la chiusura di tutti gli uffici dell'Università di Foggia, dall'8 al 18 agosto). L’iniziativa è stata curata, su proposta della Delegata rettorale alle pari opportunità prof.ssa Antonella Cagnolati, dal Laboratorio di ricerca e studio per l'Infanzia del Dipartimento di Studi umanistici in collaborazione con la consigliera di Parità della Provincia di Foggia avv.ssa Antonietta Colasanto. Dopodomani (giovedì 11 settembre) Spazio Gioco chiude i battenti, per quest'anno, sostanzialmente in concomitanza con la riapertura delle scuole. E in occasione di questa sorta di “arrivederci all'anno prossimo”, alle ore 16,30 e sempre presso il piano terra del Dipartimento di Studi umanistici, è stata organizzato un saggio finale: una recita di fine progetto a cui prenderanno parte, oltre ai bambini, anche i loro genitori. «Siamo molto soddisfatti di come sono andate le cose – dichiara il Delegato rettorale alle Pari opportunità prof.ssa Antonella Cagnolati – e dobbiamo ringraziare proprio tutti, coordinatori del progetto ed educatori volontari, per la passione e la competenza che hanno dimostrato nel portare a compimento tutte le attività. Questi bambini lasciano Spazio Gioco con un bagaglio di esperienze e di conoscenze senza dubbio arricchito, alcuni di loro ci torneranno il prossimo anno e magari altri ancora se ne aggiungeranno: ma, come tutti sanno, il vero obiettivo che ci poniamo resta non solo quello di rendere permanente questo laboratorio didattico ma addirittura potenziarlo. Sarebbe utile non solo per i dipendenti dell'Ateneo, ma per la stessa Università di Foggia visto che questo genere di attività rappresenta certamente l'avanguardia del rapporto tempo lavoro – tempo famiglia». Alle considerazioni per la riuscita del progetto si unisce anche il Rettore prof. Maurizio Ricci, che per prima cosa ha inteso «ringraziare l'ex Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici prof. Saverio Russo, per la pronta disponibilità con cui ha accolto l'idea di ospitare Spazio Gioco presso le stanze della struttura di via Arpi. Sono certo, altresì, che questa disponibilità verrà prontamente ribadita dal nuovo direttore del Dipartimento, il prof. Marcello Marin, poiché Spazio Gioco rappresenta non solo un modo evoluto e moderno di stare vicino ai propri figli ma anche una conquista sociale per tutta l'Università». Le attività dello Spazio Gioco sono dirette dalla prof.ssa Anna Grazia Lopez ma a farle svolgere materialmente è un gruppo di lavoro formato da volontari, studenti, tirocinanti, dottori in Scienze della formazione, dottorandi, dottori di ricerca, musicisti ed esperti di arte che si alternano nel corso della settimana nella conduzione di laboratori e di attività libere. Si tratta di Alessandra Altamura (studentessa, volontaria), Carmela Barretta (volontaria), Katia Caposseno (studentessa, volontaria), Antonella Cascavilla (studentessa, volontaria), Rossella Caso (dottoressa di ricerca, volontaria), Margherita D’Alessandro (tirocinante), Loreta D’Angelo (studentessa corso di perfezionamento, tirocinante), Silvana Di Corcia (studentessa corso di perfezionamento, tirocinante), Maria Chiara Del Grosso (studentessa, volontaria), Cristina Iorio (studentessa, volontaria), Vanessa Losacco (studentessa, volontaria), Cristina Mainieri (studentessa, volontaria), Filomena Mischitelli (studentessa magistrale, volontaria), Valentina Mustone (dottoranda, volontaria), Nicla Ognibene (dottoranda, volontaria), Sonia Paparesta (studentessa, volontaria), Michela Petti (studentessa, volontaria), Sabrina Piacenza (studentessa, volontaria), Incoronata Placentino (studentessa, volontaria), Pasquale Randinella (studente, volontario), Angela Raspatelli (studentessa, volontaria), Francesco Ricci (studente, tirocinante), Federica Ricco (studentessa, volontaria), Martina Valeno (studentessa triennale, volontaria).

Davide Grittani, portavoce Università di Foggia • Via Gramsci 89/91 Foggia • 340.6017860