Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 635 visitatori e nessun utente online

Foibe12“Non se ne parla nemmeno” nel Giorno del Ricordo presso la Biblioteca “Minuziano gli studenti della “Petrarca-Padre Pio” ricordano i martiri delle foibe

Martedì 10 febbraio 2015, in occasione del “Giorno del Ricordo” alle ore 9.30, la Biblioteca Comunale di San Severo “Alessandro Minuziano”, in collaborazione con l’Istituto Istruzione Secondaria di Primo Grado “Petrarca-Padre Pio”, favorirà una riflessione, storico-geografico-letteraria-documentale, in ricordo dei martiri delle foibe dal titolo “Non se ne parla nemmeno”, tratto da un’opera teatrale dell’avvocato Giuliano Torrebruno di Roma.
Il “Giorno del Ricordo”, istituito con legge n.92 del 30 marzo 2004, vuole ricordare e onorare le migliaia di persone istriane e triestine, italiane e slave, antifasciste e fasciste che, negli anni drammatici a cavallo del 1945, furono torturate e uccise a Trieste e nell’Istria controllata dalle milizie di Tito.
“L'incontro – spiega la direttrice della Biblioteca, Concetta Grimaldi -, sarà dedicato all'immane tragedia delle foibe, e, dunque, a quegli italiani che furono trucidati poco prima e dopo la fine della seconda guerra mondiale e gettati, talora ancora vivi, in cavità naturali dei territori carsici”.
Le stragi avvennero all'indomani dell'armistizio dell'8 settembre 1943, ma il massacro più vasto fu messo in atto a guerra finita, nel maggio del 1945, per costringere gli italiani a fuggire dalle province istriane, dalmate e della Venezia Giulia. Secondo le fonti più accreditate le vittime furono almeno 5000, ma diversi storici parlano di diecimila e più.
Il 10 febbraio, importante ricordare, è una data simbolica che si riferisce al 1947 quando entrò in vigore il trattato di pace con cui le province di Pola, Fiume, Zara, parte delle zone di Gorizia e di Trieste, passarono alla Jugoslavia.
La manifestazione, ideata dalla Direttrice della Biblioteca “A. Minuziano”, dott.ssa Concetta Grimaldi e dai collaboratori della Biblioteca, dott.ssa Carmen Antonacci, dott. Paolo Calvo e dott. Vito Dinicoluccio, vedrà la partecipazione e l’intervento non solo degli stessi ma anche del Sindaco di San Severo, avv. Francesco Miglio, della dott.ssa Mariella Di Monte, Assessore alle Politiche Sociali, Welfare e Terzo Settore, Politiche Sanitarie, Mense, della dott.ssa Simona Venditti, Assessore alla P.I. e del dott. Augusto Ferrara, Dirigente della II Area, quali rappresentanti dell’Amministrazione Comunale.
L’Istituto Istruzione Secondaria di Primo Grado “Petrarca-Padre Pio” parteciperà, con le sue delegazioni provenienti dai plessi di via San Rocco e via Togliatti, con interventi artistici, letterari e video-musicali.
Per favorire l’approfondimento del tema “Foibe”, presso la Sala Reference della Biblioteca, verrà allestito un tavolo espositivo di testi, per adulti e ragazzi, un fondo unico in tutto il Sud, attraverso cui si intende ricordare un imperdonabile orrore contro l'umanità, superando, così, la "congiura del silenzio".
“È importante – conclude il Sindaco, Francesco Miglio – trasmettere ai giovani attraverso la collaborazione con le scuole il ricordo di tali tragici eventi, affinché le nuove generazioni ne custodiscano memoria ed evitino in futuro simili tragiche circostanze”.

Il Portavoce
Marilia Castelli

COMUNICATO STAMPA