Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 161 visitatori e nessun utente online

comunesanseveroL’Amministrazione Comunale incontra il direttore generale dell’Asl Foggia, dott. Vito Piazzolla per fare il punto sui servizi sanitari locali


Nei giorni scorsi una rappresentanza istituzionale composta dal Sindaco Francesco Miglio, da assessori, consiglieri comunali e da rappresentanti delle forze politiche ha incontrato il direttore generale dell’Asl Foggia, dott. Vito Piazzolla, per fare il punto sui servizi sanitari del territorio.
“Il presidio ospedaliero di San Severo – spiegano i consiglieri comunali della IV commissione consiliare Socio Sanitaria – rappresenta un importante punto di riferimento per i cittadini di tutto il comprensorio. Una eventuale ipotesi di ridimensionamento appare non adeguata poiché la città di San Severo ha una posizione geografica strategica per molti servizi destinati all’utenza”. I rappresentanti dell’Amministrazione Comunale hanno pertanto deciso di costituire un consorzio di Comuni dell’Alto Tavoliere, affinché i sindaci raccolgano le varie esigenze in tema di sanità a supporto dell’ospedale Teresa Masselli.
I rappresentanti della IV commissione socio-sanitaria hanno da tempo, infatti, avviato momenti di ascolto con i vari dirigenti del nosocomio locale.
“Da questi momenti di ascolto – continuano i rappresentanti della IV commissione consiliare – sono emerse una serie di criticità e proposte che sono state oggetto di discussione con il direttore generale Piazzolla. Tra queste si è messa in evidenza la carenza di personale medico ed infermieristico del presidio ospedaliero; il necessario adeguamento di strumenti e logistica dei vari reparti e diverse proposte per migliorare i servizi offerti all’utenza, come il potenziamento dei percorsi per le dipendenze patologiche, l’attivazione di residenze psichiatriche notturne, l’attivazione della guardia-medica pediatrica e l’ipotesi di recuperare lo stabile di via Turati per creare le unità territoriali o strutture alternative che consentano lo sgravio di accessi al Pronto Soccorso”. Iniziative che serviranno ad evitare ridimensionamenti al presidio ospedaliero e a migliorare la qualità e la quantità dei servizi offerti all’utenza dell’Alto Tavoliere.

Il Portavoce
Marilia Castelli