Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 148 visitatori e nessun utente online

Politica

votiIl 4 Dicembre sarà una data fondamentale per il futuro del nostro paese. E' in gioco il destino della nostra Costituzione, che è alla base della convivenza democratica. I social e le piazze sono pieni di informazioni o, meglio, di false informazioni, frutto di una propaganda menzognera da parte del sì, che portano a conclusioni superficiali, spesso scorrette e, soprattutto, confusione nell'elettore. Per questo, in questi ultimi giorni, è importante ancora una volta sottolineare le ragioni del NO.
Anche Ascoli Satriano si mobilita, con l'organizzazione di un incontro-dibattito che si terrà venerdì 25 novembre alle 19:00 presso l'Aula Consiliare nel quale verranno esposte le ragioni del no ad una riforma costituzionale inaccettabile, votata da un Parlamento eletto con una legge incostituzionale, una riforma che farebbe inorridire i nostri padri costituenti.
Una riforma che stabilisce la supremazia del governo in campo ambientale e, di fatto, escluderebbe i cittadini e i territori dal processo decisionale.
Referendum consultivi come quello tenutosi in Ascoli lo scorso marzo in merito all'Ecofuel (impianto di depolimerizzazione per la produzione di gasolio e cherosene), diventerebbero carta straccia. Il Governo avrà il massimo potere e la volontà del popolo non conterà più niente.
Per questo è necessaria la massima informazione e partecipazione.
Introduce:
Emanuela Mitola
Link Foggia - dipartimento di studi umanistici
Studenti per il NO-Foggia

Intervengono:
Mario Nobile
Comitato per il NO- provincia di Foggia
Sinistra italiana

Daniele Calamita
Segretario provinciale- Camera del Lavoro Territoriale CGIL-Foggia.

La cittadinanza tutta è invitata a partecipare e dare il proprio contributo.

Comitato per il NO - Ascoli Satriano
Studenti per il NO - Foggia
Camera del Lavoro Territoriale CGIL - Ascoli Satriano

“Dietro ogni articolo della Carta Costituzionale stanno centinaia di giovani morti nella Resistenza. Quindi la Repubblica è una conquista nostra e dobbiamo difenderla, costi quel che costi.”
Sandro Pertini