Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 219 visitatori e nessun utente online

Politica

forza italiaE' una vittoria della partecipazione democratica e di chi si è speso in prima persona concretamente per le ragioni del ‘No
Referendum costituzionale, la soddisfazione del coordinatore provinciale di Forza Italia, Raffaele Di Mauro “
“Ora al lavoro per accelerare il processo di costruzione di una coalizione di centrodestra forte e coesa per tornare al Governo del Paese”
“L’esito della consultazione referendaria è un segnale di speranza per il nostro Paese, un risultato che premia impegno e passione, dentro una contesa che ha restituito valore alla partecipazione democratica. La bocciatura della riforma costituzionale, per dimensioni e significato, scandisce ora l’inizio di percorso nuovo. È la vittoria di chi ha speso il suo tempo per difendere la nostra Costituzione da un cambiamento pasticciato e dannoso, di chi si è speso in prima persona tra la gente e non solo attraverso i click sul web e sui social. È la vittoria di chi ha girato in lungo e in largo la nostra provincia, dando all’impegno politico un senso concreto e reale. Un fronte in cui Forza Italia è stata in prima linea, con convinzione e determinazione, affiancando alle ragioni del ‘No’ anche un giudizio sull’operato del Governo guidato da Matteo Renzi. Perché è evidente che una componente rilevantissima del voto espresso dai cittadini in questo referendum sia stata anche il frutto di un confronto che il presidente del Consiglio, ormai dimissionario, ha voluto testardamente personalizzare, attribuendo così un contenuto chiaramente politico al risultato finale. Sul piano locale i parziali sono d’altro canto univoci: le ragioni del ‘No’ hanno prevalso dovunque, anche in centri come Manfredonia in cui la concentrazione di esponenti di primissimo piano del Partito Democratico a favore del ‘Sì’ era fortissima. A Foggia, dove il centrodestra è alla guida della città, la forbice è stata poi così larga da configurare un vero e proprio plebiscito a favore del ‘No’, con uno scarto di circa 40 punti percentuali. Il giorno dopo lo spoglio elettorale, dunque, è doveroso esprimere un ringraziamento sincero a tutti coloro i quali si sono spesi per questa vittoria, che impone adesso l’accelerazione del processo di costruzione di una coalizione di centrodestra forte e coesa per tornare al Governo del Paese”.