Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 193 visitatori e nessun utente online

Politica

logoPDLe proposte del PD per l'emergenza: controlli per strada, sospensione dei tributi locali, assistenza ad anziani e persone non autosufficienti
"Nessuna polemica nei confronti del sindaco; stiamo vicini ai foggiani"
Dichiarazione del segretario cittadino del Partito Democratico di Foggia, Davide Emanuele, e dei consiglieri comunali del Partito Democratico Lino Dell'Aquila, Lia Azzarone, Franceso De Vito, Michele Norillo e Annarita Palmieri

Attivarsi per fronteggiare il diffondersi dell'epidemia da coronavirus e per alleviare le inevitabili difficoltà economiche generate dalla chiusura d'interi settori produttivi e dalla generale contrazione dei consumi è un dovere che sta in capo anche al governo della città di Foggia, come di ogni città.
Per tale ragione e senza alcuna volontà di polemizzare, invitiamo il sindaco a valutare l'opportunità di adottare le misure che riteniamo necessarie ed urgenti:
 attivare la Polizia locale per il controllo del rispetto delle prescrizioni in ordine all'organizzazione del servizio e gli orari di chiusura dei locali pubblici commerciali (bar, pub, ristoranti, pizzerie, ecc.), nonché per l’assembramento di persone;
 adottare regole chiare e precise per lo svolgimento dell'attività di vendita nei mercati rionali e nel mercato settimanale "del venerdì";
 rinviare l'emissione delle cartelle dei tributi locali IMU e Tasi;
 predisporre un sistema di sostegno alle persone anziane e non autosufficienti partendo dalla consegna a domicilio di generi alimentari e medicine;
 attivare un piano d'informazione efficace a promuovere il buon senso e la responsabilità dei cittadini.

Riteniamo opportuno che a coordinare tutte queste attività sia il Centro Operativo Comunale di Protezione civile, eventualmente potenziato, così da ottenere maggiore efficacia ed efficienza nell'attuazione delle prescrizioni governative.

La comunità foggiana, come tutte le comunità italiane, è inevitabilmente provata da quanto sta accadendo e necessita di cura e sostegno.
Il Comune è l'istituzione di prossimità e ha il dovere di sostenere i cittadini nell'impegno che ciascuno di noi deve responsabilmente profondere per fare in modo che al più presto si possa tornare ad essere e vivere sereni.