Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 678 visitatori e nessun utente online

Politica

logoPDDichiarazione del segretario cittadino del Partito Democratico Davide Emanuele

Un nuovo grave episodio di intimidazione, contro una persona con ruoli di responsabilità in aziende pubbliche che si occupano di servizi essenziali per la cittadinanza, deve suscitare attenzione e vigilanza attiva in tutta la cittadinanza.
Il Partito Democratico di Foggia esprime solidarietà e vicinanza a Stefania Piarullo, responsabile del Personale di ATAF SpA, la società partecipata dal Comune di Foggia che si occupa del trasporto urbano delle persone, bersaglio di un attentato che ha incendiato la sua auto privata. Un gesto che riecheggia un analogo attentato incendiario indirizzato, dieci giorni fa, contro un’altra donna, anche lei con responsabilità nella gestione del personale, in qualità di caposervizio dell'unità operativa di Foggia di Amiu Puglia, la società pubblica che invece si occupa del ciclo dei rifiuti.
Stiamo parlando di due realtà che si occupano dei servizi di base di una grande città capoluogo e che, per di più, attraversano una fase di riorganizzazione e razionalizzazione. Una fase che, a sua volta, procede mentre sta per chiudersi la lunga e dolorosa fase di commissariamento per mafia del Comune di Foggia, con la città mobilitata affinché la piena ripresa della cita democratica si accompagni a una rigenerazione complessiva all'insegna della legalità e del buon governo.
Non possiamo permetterci di lasciare soli nessuno di coloro che si impegnano, a ogni livello, per la rinascita di Foggia. È un dovere che dobbiamo avvertire tutti, alla vigilia della Giornata nazionale della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime delle mafie che, il 21 marzo 2018, portò l’Italia intera a sfilare a Foggia, e del 31 marzo, data simbolo dell’impegno civile per la legalità in ricordo dell’assassinio di un servitore dell’Amministrazione finanziaria dello Stato come Francesco Marcone, barbaramente ucciso nel 1995 per motivi connessi alle sue responsabilità di direttore dell’allora Ufficio del Registro.
Il PD è certo di interpretare il sentimento di tutta comunità foggiana nel confidare che gli autori di attentati così odiosi e vigliacchi siano perseguiti e puniti con la massima severità.