Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 236 visitatori e nessun utente online

Politica

 miranda

"E' passato quasi un anno da quando gli amministratori locali lanciarono il loro accorato grido d'aiuto affinchè si tentasse il tutto per tutto per non far chiudere i battenti alla facoltà d'ingegneria di Foggia, ed era maggio quando il Rettore Costantino annunciava la decisione di mantenere attiva la sezione staccata del Politecnico barese, ma da allora la situazione è passata, come tante, in secondo piano. - così il Consigliere Comunale e Presidente Associazione Qualità della Vita Miranda, che continua - Nel più assoluto silenzio generale i circa 70 studenti ancora iscritti alla facoltà di ingegneria civile hanno continuato a frequentare le loro lezioni negli scantinati dell'Istituto Tecnico Industriale 'Altamura', una sede fatiscente, tutt'altro che a norma, con bagni inagibili e sempre a rischio di allagamento nei periodi di forti piogge. La sede foggiana, che già nel 2009 si era vista sopprimere i corsi di laurea in ingegneria meccanica, elettrica e gestionale, sopravvive ora solo grazie al corso di laurea triennale in ingegneria civile, e non si sa nemmeno per quanto. Si parlò agli inizi dello scorso anno di fondi che sarebbero stati stanziati a favore della nuova sede, di ulteriori servizi che avrebbero consentito agli studenti di frequentare i corsi in maniera idonea, e invece nulla: biblioteca chiusa, laboratori di informatica trasformati in depositi merce e nessuna forma di tutoraggio da parte del personale docente, solo il minimo indispensabile. Tutto questo nemmeno a costo zero, poichè i malcapitati studenti foggiani continuano a pagare regolarmente le stesse identiche tasse universitarie dei loro colleghi baresi e tarantini, dove vi è un'altra sede staccata perfettamente funzionante. Peccato che protagonista di questa balorda vicenda sia un importante contenitore culturale e formativo come la Facoltà di Ingegneria, un Politecnico che a livello nazionale è secondo solo a quello di Torino.
E' necessario quanto prima riportare alla luce questa situazione, richiamare nuovamente l'attenzione degli amministratori, dei nostri rappresentati a livello regionale e del Rettore dell'Ateneo barese, perchè così si continuano a penalizzare soltanto gli studenti, i docenti e il personale tecnico-amministrativo, e si corre il rischio di un sicuro di un impoverimento dal punto di vista culturale e manageriale, a causa di un'offerta formativa non idonea - conclude Miranda".

comunicato stampa