Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 161 visitatori e nessun utente online

Politica


inaugurazioneForzaItaliaGiandiego Gatta: “La Capitanata non deve essere più la Cenerentola di Puglia”

Il settore lapideo, le progettualità per rinnovare l'Alto Tavoliere e la necessità di valorizzare la Capitanata, oggi Cenerentola della Puglia, sono stati al centro dell'intervento del consigliere regionale Giandiego Gatta in occasione dell'inaugurazione del nuovo circolo di Forza Italia ad Apricena.
Al taglio del nastro in via Roma n. 37/B alla presenza del Consigliere Regionale forzista e del commissario cittadino Angelo Lo Zito, era presente una foltissima platea di simpatizzanti. Accorsi all'evento anche esponenti politici ed amministratori forzisti dei circoli vicini, per rendere omaggio al neonato Circolo apricenese, che si prefigge di attuare nuove linee programmatiche e progettuali per il futuro della città della pietra.
Protagonista della serata è stata la Capitanata, il suo rilancio, la sua difesa, l'amore per il territorio, dimenticato in questi cinque anni dal governo regionale di centro sinistra, che ne ha fatto la "cenerentola di Puglia."
“La Puglia deve parlare anche il foggiano – spiega il consigliere regionale Giandiego Gatta -. La moda dilagante del civismo è un frullato che contiene vari ingredienti, talvolta dallo sgradevole sapore dell’opportunismo, ma che poco rispecchia le esigenze del territorio”. Il Consigliere Regionale forzista ha anche annunciato la sua disponibilità a farsi portavoce presso le istituzioni delle esigenze del territorio per rilanciare una nuova stagione forzista ad Apricena e rispondere alle esigenze del territorio.
“Apricena è una realtà produttiva – conclude il consigliere regionale Giandiego Gatta – importante per lo sviluppo dell'intera Capitanata. Nella futura programmazione regionale il settore lapideo dovrà essere il perno principale di uno sviluppo teso a rilanciare le professionalità locali e l'intero indotto”.

Il Coordinamento F.I. Apricena