Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 253 visitatori e nessun utente online

Politica

comunesanseveroApprovato dal Consiglio Comunale un documento in difesa del Gal Daunia Rurale

Il Consiglio Comunale ha approvato all'unanimità il documento di sostegno alla continuità programmatica del Gal Daunia Rurale.
“Il Gal Daunia Rurale nella programmazione 2007-2013 – ha spiegato il vicesindaco Francesco Sderlenga – è stato un importante punto di riferimento e di sostegno per l'economia rurale ed agro-alimentare, turistica e culturale del Comune di San Severo e dell'intero territorio dell'Alto Tavoliere, contribuendo alla promozione di investimenti per lo sviluppo delle attività di diversificazione agricola, delle attività di ricezione extra-alberghiera, delle micro-imprese non agricole, della promozione e valorizzazione della produzione tipica e del patrimonio locale nel quadro della creazione di itinerari turistici e di marketing territoriale, favorendo lo sviluppo di numerose aziende e la nascita di nuove. Pertanto è necessario che la Regione tenga conto di tale impegno”. Al consiglio comunale monotematico hanno presenziato anche il Presidente del Gal Daunia Rurale, Simone Mascia, gli esponenti dei Comuni di Poggio Imperiale, Lesina e Serracapriola, oltre ai rappresentanti di categoria Cia, Confagricoltura, Coldiretti e Confesercenti al fine di ribadire l'importanza del Gruppo di Azione Locale Daunia Rurale per il territorio.
“Il Gal Daunia Rurale – aggiunge il vice sindaco Francesco Sderlenga – è il più grande della Provincia con un bacino di 100 mila abitanti ed è secondo in Puglia per estensione territoriale. Inoltre la sua presenza é utile garantire un'opportunità di continuità programmatica e strategica dell'azione del Gal Daunia Rurale per promuovere il marketing territoriale con il supporto del PSR 2014-2020 nell'interesse dell'intero territorio dell'Alto Tavoliere”.
Il documento approvato dal Consiglio Comunale sarà trasmesso alla Regione affinché nella sua programmazione tenga conto delle esigenze del territorio.