Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 1789 visitatori e nessun utente online

comune foggia 01L'assessore Galasso: “Le attività non possono determinare un disagio per i cittadini”

Tutte le aziende che operano nel sottosuolo devono, a fine lavori, completare il ripristino dell’asfalto stradale o dei marciapiedi secondo le buone regole dell’arte.
L’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di foggia, Giuseppe Galasso, ha incontrato le aziende che ciclicamente effettuano interventi nel sottosuolo, lungo strade e marciapiedi comunali. Presenti alla riunione i rappresentanti di AQP, Amgas, Enel, TIM, Wind-Tre, Fastweb e Open Fiber Spa (unica assente Vodafone).

“Ringrazio tutte le società ed enti gestori di sottoservizi in città per essere intervenuti all’incontro convocato giovedì 2 presso gli uffici dell’assessorato. È stata l’occasione per conoscerci e anticipare quello che è un cambio di passo che, come amministrazione, auspichiamo di conseguire in città nelle modalità e nei tempi di ripristino delle pavimentazioni stradali e pedonali, in corrispondenza delle aree interessate dai lavori di sottoservizi – spiega Galasso -. In modo particolare, abbiamo fatto un po' il punto della situazione, esaminando specificità di ogni tipologia di scavo e problematiche operative, anticipando che ci sarà grande attenzione da parte del comune di foggia nell’esaminare ed evadere con rapidità tutte le richieste che verranno presentate per nuove manomissioni del sottosuolo, soprattutto in quei casi in cui c’è la necessità averle in tempi ristretti compatibili con quelli stringenti correlati a taluni finanziamenti di cui gli enti gestori sono titolari.
Ma così come noi saremo rapidi nel rispondere a un legittimo diritto delle aziende, abbiamo necessità che anche loro siano rapidi puntuali nell'effettuare tutte le attività di ripristino conseguenti ai loro lavori di scavo e manomissione del suolo pubblico, che sono suddivise in due momenti temporali esecutivi differenti: uno subito dopo l'esecuzione dello scavo e il secondo a distanza di qualche settimana/mese, talvolta anche da novanta a centoventi giorni. a volte, purtroppo, mai. Per questo motivo, abbiamo anticipato che da subito ci daremo una modalità operativa di lavoro che prevede l'istituzione di chat dedicate tra il comune di Foggia e ciascuno dei soggetti titolari dei sottoservizi, al fine di veicolare direttamente e con immediatezza tutte le anomalie, segnalazioni, doglianze, riscontri inerenti le attività di sottoservizi, in modo da poter favorire il ripristino definitivo in tempi ristretti o eventualmente il correttivo di interventi di manutenzione che riguardano quelle zone su cui magari c'è stato un ripristino non a regola d’arte, ma il problema si è ripresentato. Questa modalità operativa smart – continua Galasso - non sarà sostitutiva di quella formale a cura dei tecnici comunali preposti, bensì ausiliaria e di supporto per favorire una immediata condivisione delle problematiche e consentire agli enti gestori di poter intervenire con immediatezza riferendone notizia con eguale rapidità. resta inteso che nei casi che permarranno irrisolti, gli uffici si attiveranno con un formale sollecito e diffida al corretto ripristino fino ad arrivare, se dovesse essere necessario, all'utilizzo delle polizze fideiussorie presentate dai gestori a garanzia della bontà dei lavori eseguiti”.

Nell’incontro è stato altresì riferita la disponibilità del Comune di Foggia ad esaminare favorevolmente aggiornamenti e modifiche di autorizzazioni tipo redatte specificatamente per ogni singola tipologia di sottoservizi stradali (acqua, fogna, fibra, gas, ecc.), ben consapevoli delle differenze degli scavi per tipologia di intervento (ad esempio, gli interventi per cavi di fibra ottica sono sensibilmente più stretti e meno profondi di quelli per le condotte fognarie), valutando e concordando modalità di ripristino che considerano sia le direttive nazionali emesse in questo settore, sia le esigenze dei singoli gestori anche correlate alle lunghezze più o meno estese dei tratti di intervento, ma sempre con la finalità impregiudicabile di conseguire un ripristino a regola d’arte della pavimentazione danneggiata.
Il comune, inoltre, ha anticipato che, compatibilmente alla riorganizzazione della tecnostruttura comunale di prossima esecuzione e all’incremento della dotazione organica di personale che si auspica di conseguire nei mesi prossimi, attiverà specifica attività di vigilanza, organizzando controlli sulle attività eseguite dai gestori a seguito delle autorizzazioni rilasciate. L'obiettivo è garantire che i lavori di ripristino siano eseguiti nei giusti tempi e a regola d'arte, evitando problemi e disagi per i cittadini.
Infine, in continuità con le attività già poste in essere dagli uffici comunali, si implementerà il coordinamento della gestione delle richieste con l'obiettivo di evitare scavi su aree recentemente interessate da riparazioni o lavori di manutenzione, anche ipotizzando incontri monotematici tra il Comune di Foggia e le società di sottoservizi che chiedono di operare contemporaneamente nelle medesime aree.
“Questo – aggiunge l’assessore Galasso - permetterà di affrontare tutti i problemi correlati ai lavori eseguiti dei gestori sottoservizi su suolo comunale spesso interferenti anche con quelli comunali, motivo per cui è stato fondamentale nell’incontro il contributo, oltre che dei rappresentanti delle società, anche i tecnici comunali presenti - che ringrazio - tra cui il direttore e funzionario del settore ambiente che rilasciano le autorizzazioni e i tecnici del settore lavori pubblici preposti al controllo e all’esecuzione dei lavori pubblici talvolta interferenti. Al termine dell’incontro, abbiamo consegnato a ciascuna società un piccolo book che raccoglie tutte le situazioni critiche di nostra conoscenza, afferenti alle diverse tipologie di sottoservizi, e che, ci auguriamo, possano trovare rapida soluzione già nelle prossime settimane”.