Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 336 visitatori e nessun utente online

Che Foggia sarà quello che vedremo in campo con il Pisa lunedì sera nel posticipo di Lega Pro.

Il tecnico, Paolo Stringara, ci ha abituato a parecchi cambi nelle ultime partite, ma sembra che l’impianto tattico visto nell’ultima uscita con la Pro Vercelli sarà confermato.

Tornato a disposizione De Leidi si aspetterà ancora per sapere quando sarà finalmente arruolabile definitivamente e quindi vestire la casacca rossonera.

Dopo l’arrivo in prova del portiere, classe 1990, De Sena e l’addio del giovane argentino Amoroso, che non ha colpito particolarmente la dirigenza, Peppino Pavone ha sempre l’occhio attento al mercato, ma ormai è risaputo che se non si piazzano prima alcuni colpi in uscita, non si potrà lavorare per degli arrivi.

Nelle ultime ore Tiboni, uno degli attaccanti dati in partenza, sarebbe stato avvicinato dal Monza, ma il calciatore non gradirebbe la destinazione, mentre Giovio, l’altro attaccante con le valigie in mano piace al Viareggio. Bianchi piace alla Pro Patria, club di Seconda Divisione che potrebbe garantire un maggiore minutaggio al giocatore, rispetto al Foggia. La cosa farebbe piacere soprattutto al Novara, proprietaria del cartellino del giovane calciatore.

Intanto Velardi strizza l’occhio al suo ritorno al Foggia. Le trattative sarebbero ben avviate e il ritorno in Capitanata sarebbe gradito al ventiquattrenne giocatore, che ha già vestito la maglia rossonera per due stagioni dal 2008 al 2010, collezionando 44 presenze e due reti. Nasce centrocampista, ma a Foggia lo si è visto anche giocare da terzino, potrebbe essere inserito nell’affare Tiboni, visto che il Monza è proprietario del suo cartellino.

Per ora queste sono solo voci e finché non si concretizzerà il trasferimento di qualcuno in uscita, non si potrà avere neanche l’ufficialità di questo movimento.

A Pisa, invece, le condizioni non perfette di Benedetti, vicino al rientro dopo lo stop nella gara persa 1-0 con l’Avellino, lasciano qualche dubbio al tecnico nerazzurro. Difficile che il terzino sinistro riesca a recuperare per Foggia. Oltre a lui hanno lavorato a parte anche Favasuli e Nicastro.