Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 233 visitatori e nessun utente online

Annullata la partita del campionatori B1 di pallavolo maschile tra la Zammarano SportLab Foggia e il Brolo, in programma domenica sera.

I foggiani avrebbero dovuto raggiungere la località, in provincia di Messina, già nella giornata di domani ma il maltempo non permetterebbe un viaggio sicuro ai ragazzi di coach Bruno De Mori.

La FIPAV, Federazione Italiana Pallavolo, ha così deciso di rinviare la gara al 22 febbraio.

Annullata la gara della Zammarano SportLab Foggia che avrebbe dovuto giocarsi a Brolo, in provincia di Messina. Una gara fondamentale per il prosieguo del campionato. La sconfitta nella precedente giornata, ad Ugento, non avrebbe permesso e comunque non permetterà ai rossoneri ulteriori passi falsi fuori dalle mura del PalaPreziuso.

Ma la seconda ondata di maltempo che ha colpito l’Italia intera ha condizionato il nomale svolgimento della gara, già rinviata al 22 febbraio.

Si ritornerà a giocare, comunque, prima del prossimo turno casalingo contro Casandrino, proprio il recupero della partita con i siciliani. Un ulteriore sconfitta pregiudicherebbe ancor più il cammino di Di Noia e compagni.

In casa rossonera si punta a ritrovare la verve e il passo avuto nelle prime giornate, dove sono arrivati anche successi importanti in trasferta, come a Potenza e Napoli e cercare di mantenere quel passo imponente in casa, dove non si è perso per strada neanche un punto.

Il presidente Arturo Zammarano e l’intera dirigenza foggiana avevano richiesto il rinvio della gara per le condizioni non proprio agevoli delle strade ma la Federazione, inizialmente, non aveva accettato tale richiesta. La neve scesa copiosa nelle scorse ore ha fatto cambiare idea a chi dirige il palazzo del volley di serie B e si è compreso bene che il pullman foggiano non avrebbe viaggiato in condizioni di massima sicurezza per i componenti dello stesso.

C’erano da affrontare oltre mille e duecento chilometri e circa diciassette ore di viaggio tra andata e ritorno.

Non proprio un viaggio di piacere.

Fabio Lattuchella