Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 137 visitatori e nessun utente online

schermaCAMPIONATI ITALIANI MASTER A COURMAYEUR, I RISULTATI DEGLI ATLETI PUGLIESI: ARGENTO PER LO MUZIO E LATTANZIO,
BRONZO PER NICASTRO, ZURLO ED ANNICCHIARICO

COURMAYEUR - Ai Campionati Italiani Master di Courmayeur la scherma pugliese manca per poco l’acuto vincente ma ottiene comunque un buon numero di piazzamenti sul podio.
Sfiora il titolo italiano Gabriella Lo Muzio del Circolo Schermistico Dauno nella sciabola femminile categoria 2: dopo aver sconfitto 10-2 Daniela Pascale (Petrarca Scherma) e 10-3 Monica Stocco delle Lame Gialloblu, in finale cede all’ultima stoccata nei confronti di Costanza Drigo delle Lame Tricolori.
Secondo posto nel fioretto femminile categoria 2 per Maria Grazia Lattanzio del Club Scherma Bari, che dopo aver sconfitto 10-5 Lavinia Martini (Circolo Ramon Fonst Torino) e 10-1 Doina Stefania Buca (Circolo della Spada Cervia) ha perso la finale con Elena Benucci del Circolo della Scherma Terni per 10-1.
Terzo posto nel fioretto femminile categoria 1 per Francesca Zurlo del Daunia Fencing Club, che ha battuto 10-3 Cecilia Pingelli (Giulio Verne Roma) ma in semifinale è stata superata col punteggio di 10-6 da Francesca Maria Facioni del Circolo della Scherma Terni.
Terzo posto nella sciabola maschile categoria 2 per Carlo Nicastro del Circolo Schermistico Dauno: il pluridecorato atleta foggiano sconfigge per 10-4 Marco Ettore Mazzoni (Piccolo Teatro Milano) e per 10-2 Maurizio Nani (Scherma Dolomiti) ma si arrende in semifinale a Stefano Lanciotti del Club Scherma Roma col punteggio di 10-6.
Roberta Annicchiarico, sciabolatrice foggiana tesserata per il Club Scherma Torino, ottiene un secondo posto a squadre ed un terzo nell’individuale categoria 0.
Nelle prove a squadre si ferma a un passo dal podio il Club Scherma Taranto nella spada maschile a squadre categoria A: chiude infatti al quarto posto il terzetto formato da Simone Falerno, William Venza e Michele Zonno.

Per conto di:
Ufficio Stampa
Federazione Italiana Scherma