Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 241 visitatori e nessun utente online

La sfida con il Sorrento si avvicina e i guai societari, stadio compreso, passano quasi in secondo piano.

Bonacina vuole i suoi uomini concentrati sulla sfida di domenica e su una salvezza ancora da conquistare.

Troppi punti persi per strada in una stagione dalle molteplici facce. Dall’inconsistenza del primo Bonacina, alla maggiore incisività di Stringara, soprattutto in trasferta, poi il crollo che ha portato alle 4 sconfitte consecutive e al nuovo esonero e al ritorno del primo condottiero stagionale.

Ora il tecnico cresciuto nella primavera dell’Atalanta prova a tirare un riga in fondo e a ripartire.

Dal modulo, sicuramente diverso, anche se l’unica cosa certa è che si giocherà con la difesa a 4. Sembra delinearsi comunque un 4-3-3 all’orizzonte.

Da un Cortesi inserito nel centrocampo a 3 e quindi con poca facoltà di spinta, con Velardi esterno d’attacco e Pompilio centravanti. Tanti indizi avuti finora ma non certezze sul Foggia che sarà nelle prossime, decisive, gare.

Si ferma anche Ferreira, ma è ancora da valutare se ci sarà lo stop e di che entità, mentre è vicino al rientro il brasiliano Cruz.

Il Sorrento, dal canto suo, vuole continuare a spingere verso i playoff. Al momento i rossoneri campani sono posizionati all’ultima casella disponibile per entrarvi, ma il Benevento è sempre a 3 punti, pronto a scalzarlo.

Fabio Lattuchella