Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 216 visitatori e nessun utente online

La squadra di Trallo abbandona il sogno si rigori.

Tiene in mano per oltre 70 minuti la partita il Cerignola, ma non basta. La squadra di Gigi Trallo perde ai calci di rigore dopo essere stata rimontata nella seconda parte di gara.

In campo anche un ex rossonero, Claudio De Rosa, in formazione con il Foggia all’epoca di Raffaele Sergio.

Parte subito forte l’Audace che si rende pericolosa in un paio di occasioni. Poi la sgroppata vincente di un ottimo Colucci, che mette al centro e trova la deviazione vincente di un difensore avversario. 1-0 e il pubblico di casa esplode di gioia.

Il primo tempo si conclude con una conclusione fallita da Rossi-Finarelli da centro area e con il partenopeo Rosario De Rosa vicino al gol beffa. Città de la Cava inesistente e Cerignola determinato.

La ripresa si apre con lo stesso motivo e ancora una sgroppata di Colucci (migliore in campo) mette Di Pinto in condizione di raddoppiare, complice anche una indecisione del portiere cavese.

L’arbitro sente la pressione della gara e il blasone del Cava, ex Cavese, e fischia a senso unico per tutta la partita. Prima Rossi-Finarelli, poi Di Pinto falliscono la rete del match point, fino al gol che porta le due squadre ai supplementari, ad opera di Rosario De Rosa.

Ai supplementari le due squadre temono il peggio e non si colpiscono, anche se il Cava colpisce una traversa, mentre il Cerignola fallisce alcune ripartenze in contropiede lasciando il risultato sul 2-1. Le ultime occasioni sono per Piccirella, per i partenopei, mentre per l’Audace un colpo di testa di Di Pinto va vicino al bersaglio, senza che nessuno sul secondo palo tocchi a rete.

Ai rigori Audace mai domo e dopo aver fallito il primo rigore con Cossu, pareggia i conti proprio all’ultimo penalty con una grande parata di Vurchio su Claudio De Rosa. Ad oltranza la rete di Riontino ed il doppio errore di Colangione, pareggiato da quello cavese, e di Colucci. Il Cava segna e porta a casa la finale che potrebbe valere la serie D. Il Cerignola fallisce ancora una volta, ma riceve gli applausi di tutti per la bellissima prova in campo.

AUDACE CERIGNOLA: 1 Vurchio, 2 Colucci, 3 Papagno, 4 D’Arienzo, 5 Colangione, 6 Millan, 7 Russo, 8 Riontino, 9 Rossi-Finarelli, 10 Di Pinto, 11 Malerba. 12 Cirulli, 13 Modesto (esp dalla panchina 13’), 14 Malera, 15 Maffucci, 16 Lombardi, 17 Cossu, 18 Auciello. All. Gigi Trallo

CITTA’ DELLA CAVA: 1 Adinolfi, 2 Amendola, 3 Moccia, 4 Calabrese, 5 Manzi, 6 Marandino, 7 Lordi, 8 Rosario De Rosa, 9 Tranfa, 10 Vitagliano, 11 De Rosa Claudio. 12 D’Antuono, 13 Ercolano, 14 Laudato, 15 Balzano, 16 Trapani, 17 Piccirella, 18 Lupico.

ARBITRO Colinucci (Cesena)

SOST. AUDACE CERIGNOLA: 42’ Lombardi-Papagno, 54’ Auciello-Russo, 70’ Cossu-Millan

SOST. CITTA’ DE LA CAVA: 47’ Lupico-Moccia, 53’ Piccirella-Vitagliano, 96’ Laudato-Amendola.

AMM. Malerba, De Rosa

ESP Modesto panchina, Malerba

RETI. 34’ Aut. Calabrese (Cer), 48’ Di Pinto (Cer), 65’ De Rosa (Cav).

Tempi regolamentari 2-1, calci di rigore 5-6 per il Città della Cava.

Fabio Lattuchella