Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 186 visitatori e nessun utente online

ascolitifosiSi chiude l’anno solare anche in Promozione con la squadra di De Masi “gigante” ad Andria. Male le altre. Derby al Celle che inguaia il San Giovanni.

Continua la corsa al vertice dell’Ascoli Satriano di mister De Masi. La sfida sul campo della Nuova Andria era un banco di prova interessante, contro una della squadre che deve salvarsi e che deve fare del proprio campo di casa il fortino per ottenere tale risultato.

Ma i gialloblu non conoscono ostacolo e il momento di forma impone ai suoi una condotta “regale” in campo.

Ottima prestazione e tre punti che permettono all’Ascoli (1-3 ad Andria) di chiudere in bellezza questo 2012 che ha regalato tantissime soddisfazioni.

Dal buon campionato scorso a questo inizio di stagione che ha visto collezionare ben 35 punti e la seconda piazza consolidata.

Il bomber Porcelluzzi resta in vetta alla classifica dei cannonieri, anche grazie alla doppietta di domenica scorsa, mentre ottima anche la prova di capitan Montemorra, a segno nel gol dell’1-2.

Si ferma il Carapelle di mister Ciccone che impatta (0-0) con il Victoria Locorotondo. Questo stop non permette ai dauni di restare in scia delle squadre di vertice (27 punti), con il Melphicta che si assesta in terza posizione a quota 30 punti.

Continua il periodo nero del San Giovanni Rotondo che resta in fondo alla classifica con soli 11 punti. Il derby con il Celle sorride alla squadra di mister Giulio Forte, che si porta leggermente fuori dalla zona “rossa”, ad un punto dal Gargano (sconfitto e superato in classifica 3-2 dal Real Alberobello).

I gialloblu garganici, invece, sono ultimi in classifica e hanno bisogno di una grandissima scossa per uscire da questa situazione, mentre per le altre resta lo stato di allerta per le posizioni basse che incombono.

Non era questa la partita del rilancio del Nuova Lucera, e questo era chiaro a tutti sin dal pre-gara. Ma la situazione che si è creata in casa biancoceleste non è delle migliori e la classifica impone ai ragazzi di Mendolicchio di cominciare a fare punti, indipendentemente dall’avversario.

Sul campo della capolista Sudest (la squadra schiacciasassi del campionato), non si poteva pretendere di più e la sconfitta 4-2 è già un buon risultato, soprattutto per il segnale lanciato. Non è semplice segnare ad una delle migliori difese del campionato e il Lucera è andata a segno ben due volte.

Un buon punto di partenza, ma ora c’è bisogno di fare punti.

Fabio Lattuchella