Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 253 visitatori e nessun utente online

fuente1Comunicato Stampa di giovedì 23.05.2013
    
Fuente Foggia: Si continua con Sabino Samele
Non c’erano dubbi ma «è sempre importante mettere nero su bianco». Il sodalizio di Tiso guarda al futuro con il diesse sipontino per il terzo anno consecutivo.

«Il proseguimento della collaborazione non era mai stata messa in dubbio, ma era giusto mettere nero su bianco». Esordisce così Sabino Samele, qualche istante dopo l’incontro con il presidente Giuseppe Tiso che ne ha sancito la permanenza per il terzo anno consecutivo quale Direttore Sportivo della società Blancos.
Un passo dovuto, la formalizzazione di tale permanenza, che consente alla dirigenza foggiana di cominciare a costruire le basi per la squadra che verrà.
«Così potremo iniziare a parlare delle situazioni di rinnovi di vecchi giocatori – continua Samele - innesti di nuovi e della situazione economica. Abbiamo fissato un incontro per stabilire queste cose per la nuova stagione. Anche la situazione del campo su cui giocheremo è importante e va valutata attentamente».
Dalle parole del Direttore, quindi, evince che non ci sono stati ancora movimenti di mercato e tutte le situazioni da chiarire saranno fatte nei prossimi giorni.
Poi anche uno sguardo sul calcio a 5 che cambia, probabilmente, con i nuovi regolamenti sui giocatori comunitari.
«Tutto si saprà nel comunicato numero 1 di luglio, ma probabilmente ci sarà la possibilità di mettere sotto contratto 2 giocatori comunitari e 1 extra-comunitario (a differenza di adesso che è possibile soltanto avere 1 tra extra e comunitari). Con l’opportunità di vincolare i 2 comunitari e farli diventare parte del progetto, differentemente da quanto succede on gli extra-comunitari ai quali si possono fare soltanto contratti annuali.
Questo aiuterà le società nella scelta dei calcettisti da vincolare, perché molte di esse che puntano a  valorizzare i giovani, potrebbero andare a trovare qualche ragazzo interessante fuori dal territorio italiano, ma comunitario, e farlo diventare un ottimo calcettista, il tutto per “rinforzare” le casse, in caso di vendita futura. Si entra realmente in quello che è il mercato calcettistico internazionale.

FABIO LATTUCHELLA - UFFICIO STAMPA FUENTE FOGGIA