Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 193 visitatori e nessun utente online

fuenteComunicato Stampa di sabato 29.06.2013
    
Fuente Foggia: Nato per difendere la porta.
Il giovane numero 1 dell’Under 21 Dino Piccinno racconta le emozioni di un anno pieno di soddisfazioni.

Una fantastica stagione, nata semplicemente con la partecipazione al campionato Under 21 con la maglia della Fuente Foggia, ma che è sfociata con un campionato da protagonista nella stessa selezione e qualche apparizione fugace in prima squadra, fino alla conquista della nazionale di categoria.
Dino Piccinno, classe 95, portiere. Un foggiano doc a difesa della porta della squadra che sta rappresentando l’intera Capitanata in A2. Una crescita velocissima, che gli fornisce quasi l’etichetta del “predestinato”, e un futuro roseo per il giovane foggiano.
«Spero di riuscire a ritagliarmi più spazio in prima squadra – esordisce Piccinno. So che sarà difficile perché d'avanti a me c'è un portiere forte ed esperto, ma ce la metterò tutta per riuscire ad avvicinarmi al livello di Jonathan».
Un binomio, De Melo-Piccinno, che rappresenta il presente e il futuro della Fuente, con un ruolo importantissimo del brasiliano nella crescita proprio di Piccinno, come ammette lo stesso foggiano: «Jonathan per la mia crescita è stato fondamentale perché quest'anno mi ha dato molti consigli e alcune volte a fine allenamento rimanevamo io e lui. Mi faceva fare degli esercizi per migliorare la tecnica in porta».
Non solo De Melo nei ringraziamenti di Piccinno, ma un rapporto speciale anche con lo staff tecnico. «Il rapporto con il mister è ottimo, con lui si dialoga facilmente e in alcuni momenti si scherza anche. Gli devo tanto se quest'anno ho potuto farmi vedere in porta, perché non è semplice avere fiducia in un ragazzo di 17 anni nel campionato Under 21 e lui ha avuto coraggi. Poi mi ha portato anche in prima squadra facendomi fare qualche presenza. Volevo ringraziare anche il mister Natale Coccia perché anche lui mi ha aiutato molto nella mia crescita».
Un futuro roseo per il giovane portiere foggiano che, però, preferisce mantenere un profilo basso, nonostante l’epilogo stagionale che lo ha visto tra i convocati nella nazionale di categoria Under 21: «è stata un esperienza bellissima che porterò con me per tanto tempo e spero di riuscire a proseguire su questa strada».
 
FABIO LATTUCHELLA - UFFICIO STAMPA FUENTE FOGGIA