Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 158 visitatori e nessun utente online

comunetroiaNegli scorsi mesi il Comune di Troia ha aderito al progetto regionale “Deep Impact”, assieme ad altri 90 comuni pugliesi per la consegna di oltre 190 defibrillatori.
Ritirato ieri, 15 luglio, a Bari, presso la sede regionale dell’Agenzia regionale sanitaria (A.Re.S.) il defibrillatore previsto dal progetto regionale “Deep Impact”.
197 defibrillatori messi a disposizione di 90 Comuni pugliesi che ne hanno fatto richiesta negli scorsi mesi, al fine di poter dotare le strutture sportive locali di quello che è un imprescindibile presidio. Un’iniziativa per implementare su tutto il territorio della Regione Puglia strategie intese a ridurre l’incidenza di morte improvvisa cardiaca, attualmente attestata a circa 1 caso ogni 1000 abitanti.
Il progetto prevede la diffusione delle informazioni per la prevenzione della cardiopatia ischemica, principale causa di morte improvvisa, la preparazione di personale (anche non sanitario) in grado di effettuare le manovre di rianimazione cardio-polmonare, la diffusione delle stazioni DAE (i defibrillatori automatici, appunto) e la informatizzazione e centralizzazione del sistema.
“Disporre di un defibrillatore all’interno di una struttura sportiva” riferisce il sindaco Leonardo Cavalieri, sindaco di Troia “può molto spesso fare la differenza tra la vita e la morte. Mi auguro non debba mai poterci servire, ma disporre di un simile presidio sanitario è evidente possa rappresentare una maggiore sicurezza maggiore per quanti desiderano dedicarsi alla pratica sportiva”.


Domenico De Felice
Ufficio Stampa Comune di Troia