Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 208 visitatori e nessun utente online

Spettacolo, cinema, arte e cultura

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

turco napulitanoAl Teatro Regio di Capitanata la compagnia foggiana “La Farsa” porta in scena la commedia di Eduardo Scarpetta il 14 e 15 aprile 2018

Una commedia notissima, soprattutto perché interpretata negli anni Cinquanta sul grande schermo dal principe della risata, Totò: sabato 14 e domenica 15 aprile al Teatro Regio di Capitanata di Foggia (in via Guglielmi, 8a – Chiesa Madonna del Rosario), la compagnia teatrale foggiana La Farsa metterà in scena ’Nu turco napulitano, scritta dal grande commediografo partenopeo Eduardo Scarpetta.
Lo spettacolo rientra nel cartellone della 17a stagione teatrale Enarché (associazione e compagnia teatrale presieduta da Carlo Bonfitto) che, come di consueto, nel corso della stagione dà spazio a numerose compagnie ospiti. La prossima messinscena (rivisitata in “salsa foggiana”),’Nu turco napulitano appunto, avrà per protagonista un gruppo teatrale foggiano attivo da molti anni, la compagnia La Farsa, che è strettamente legata alle attività dell’associazione culturale Le Opere dell’Opera. Impegnata da molti anni in attività culturali e soprattutto nei laboratori teatrali – con una particolare attenzione ai più giovani –, la compagnia ha la sua “base” presso l’Opera San Michele di Foggia, dove i tanti componenti del gruppo (nonché dell’Associazione Le Opere dell’Opera) si impegnano in una lodevole opera socioeducativa, che ha l’obiettivo di limitare l’evasione scolastica, aiutare le famiglie in stato di disagio socioeconomico e dare una mano a quanti (specie i bambini e i ragazzi in età scolastica) hanno difficoltà a seguire con regolarità l’indispensabile percorso di istruzione. E dunque, racconta il regista della commedia Roberto Ruggiero, l’associazione propone laboratori teatrali, teatro di burattini, una sorta di “teatro della liberazione” che viene svolto anche presso le istituzioni scolastiche.

La trama. Felice Sciosciammocca (Antonio Ruggiero), incarcerato ingiustamente per un delitto, in galera familiarizza con un lestofante, Faina (Roberto Ruggiero). Sciosciammocca mostra subito una forza straordinaria. Quando capisce di essere stato condannato a morte, accetta la proposta di evasione di Faina, piegando senza problemi le sbarre della cella.
Usciti di prigione, i due incontrano un forestiero turco che chiede indicazioni per la stazione, poiché deve recarsi a Sorrento per lavoro. Compreso che nessuno conosce l’uomo, Faina e Felice lo stordiscono e lo derubano. Il primo convince il secondo ad andare a Sorrento con i documenti del forestiero per prenderne il posto di lavoro e l’identità. Felice scopre che il turco sarebbe dovuto andare a bottega di don Pasquale Catone (Angelo Ruggiero), uomo ricco ma gelosissimo della moglie Giulietta (Loredana Mele) e della figlia Lisetta (Alessia Di Corcia). Don Pasquale attendeva il forestiero che gli era stato promesso dall'On. Cocchetelli, il quale vuole ingraziarselo in vista delle prossime elezioni.
L'onorevole invia una lettera a Pasquale che, casualmente, giunge poco dopo l'arrivo di Felice, lettera in cui comunica all'uomo che il turco è un eunuco. Pasquale, per delicatezza, non chiede conferma all'ignaro Felice e anzi, su suggerimento dell'amico don Ignazio (Luigi Papa), lo mette a guardia di moglie e figlia, garantendogli anche uno stipendio. L'uomo non comprende il motivo di tanta generosità ma accetta l'offerta e si fa benvolere da Giulietta, Lisetta, dalla moglie di Ignazio, Angelica (Rosanna Rabaglietti), e dalla cameriera Concetta. Durante il suo lavoro a casa Catone arriva Faina, al quale non dice nulla dello stipendio, e scopre l'amore tra Lisetta e un giovane poeta, amore tenuto nascosto poiché Pasquale l’aveva promessa a don Carluccio (Antonio Castucci), rozzo nipote di don Ignazio.
Durante la cerimonia di fidanzamento tra Lisetta e Carluccio, Felice seduce sia Giulietta che Angelica, mentre tutti sono in fermento per l'arrivo dell'On. Cocchetelli e della moglie (che in realtà è l'amante, una ballerina francese che Felice aveva già visto a teatro). Mentre Lisetta rompe il fidanzamento, mandando su tutte le furie Carluccio, Cocchetelli trova Felice in atteggiamento intimo con l'amante, scoprendo che l'uomo non è il turco che aveva promesso a don Pasquale. Il politico però non può rivelare nulla a Catone perché la cosa lo metterebbe in cattiva luce con il ricco ed influente padrone di casa.
La verità viene ugualmente svelata a Pasquale da Faina che, scoperto il ricco compenso percepito da Felice, decide di vendicarsi e farlo cacciare. Pasquale va su tutte le furie sia con Felice che con l'Onorevole, ma in quel momento arriva anche Carluccio, che grida vendetta per l'affronto subìto da parte di Lisetta. Il prepotente nipote di Ignazio viene messo in fuga dalla forza sovrumana del falso turco. La storia si conclude con Don Pasquale che ringrazia Felice per l'aiuto offertogli e concede a Lisetta di fidanzarsi col suo innamorato, mentre Cocchetelli riceverà l'aiuto di don Pasquale e degli altri elettori per vincere le elezioni.

La regia della commedia è affidata a Roberto Ruggiero; scenografie di Giovanna La Gatta e Giovanni Di Corcia; costumi di Claudia Russo e Maria Petrillo; audio e luci a cura di Matteo l’Altrelli.

17a Stagione Teatrale 2017/18
’Nu turco napulitano
Commedia comica in due atti
Testo di Eduardo Scarpetta
Regia: Roberto Ruggiero
Con: Antonio Ruggiero, Alessia Di Corcia, Angelo Ruggiero, Roberto Ruggiero, Antonio Castucci, Luigi Papa, Rosanna Rabaglietti, Loredana Mele
Sabato 14 e domenica 15 aprile 2018
Foggia, Teatro Regio di Capitanata – via Guglielmi, 8a (c/o Chiesa Madonna del Rosario)
Porta: ore 20.30, sipario ore 21.00

Maria Cristina Sicilia
Addetta stampa Teatro Regio di Capitanata - Compagnia teatrale Enarché di Foggia
Info: Compagnia Enarché - Teatro Regio di Capitanata: prenotazioni 347/8381608, informazioni: 338/8466762

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

foggiafilmfestivalPubblicato il bando Student Film Festival dedicato agli studenti, àmbito VIII edizione Foggia Film Festival, scadenza 14 luglio 2018. La kermesse si terrà a Foggia dal 18 al 24 novembre 2018.

Parte l’avviso Student Film Festival, concorso nazionale rivolto agli studenti iscritti alle Università pubbliche e private riconosciute, Accademie di Belle Arti e Scuole secondarie di II grado e paritarie, che abbiano un’età compresa tra i 16 e i 26 anni.

La scheda d’iscrizione e il regolamento sono disponibili sul sito www.foggiafilmfestival.it;
la partecipazione è gratuita.

Previsto il conferimento di 2 premi: University Award e High School Award, àmbito VIII edizione del Foggia Film Festival, in programma dal 18 al 24 novembre 2018 presso l’Auditorium Santa Chiara e in altri luoghi della Città di Foggia.

Si ammettono cortometraggi della durata massima di trenta minuti.

Student Film Fest è un luogo d’incontro e di confronto che si propone di dare visibilità ai prodotti audiovisivi realizzati dalle giovani generazioni, nel contempo si propone quale vetrina delle opere di qualità sul mondo socio-culturale, attraverso la proposta di proiezioni, incontri, dibattiti e programmi speciali dedicati al “cinema giovane”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

uniLa nutrizione e lo sport al centro degli incontri, ma sempre a sostegno delle scuole e contro la microcriminalità.
Torna il FRI – Festival della Ricerca e dell’Innovazione dell’Università di Foggia, torna l’importante appuntamento che apre le porte universitarie alla città e pensa ai più piccoli del Territorio. Gli eventi organizzati quest’anno, dal 28 maggio al 1° giugno 2018, pongono al centro del programma un tema importante: “Sport, nutrizione, e benessere", incoraggiando la riflessione e la sensibilizzazione di tematiche con finalità preventive e sociali.

Oltre il tema portante, l’edizione 2018 manterrà, invece, la stessa mission: combattere la micro-criminalità, la devianza minorile e la dispersione scolastica raccogliendo fondi da devolvere all'amministrazione comunale foggiana, per sostenere e implementare gli arredi di scuole periferiche, oggetto di atti criminosi e vandalici. Così come resteranno uguali i principali interlocutori: gli studenti delle scuole primarie e secondarie per gli eventi divulgativi, l’intera città per gli appuntamenti culturali.

Il programma delle principali iniziative sono state presentate nel corso di una Conferenza stampa organizzata oggi, lunedì 26 marzo, nella Sala Consiglio di Palazzo Ateneo. All’incontro riservato alla stampa sono intervenuti il Magnifico Rettore prof. Maurizio Ricci, il Delegato alla “Ricerca Scientifica e Tecnologica, Terza Missione” e Coordinatore del FRI prof. Giovanni Messina, l'Assessore comunale alla Pubblica Istruzione avv. Claudia Lioia, il dott. Giuseppe Nuzzo, odontoiatra e regista autore di un cortometraggio dedicato al tema della salute che sarà girato a Foggia e nelle varie sedi Unifg e il duo comico formato da Pio D'Antini e Amedeo Grieco, direttori artistici di questa III edizione del Festival made in Unifg.

“Sport e nutrizione come filo conduttore della III edizione del FRI che renderà protagonista il tema con una serie di eventi divulgativi capaci di fare arrivare in Città i massimi esponenti del settore – afferma il prof. Giovanni Messina Delegato alla “Ricerca Scientifica e Tecnologica, Terza Missione” e Coordinatore del FRI -. Il Festival permetterà di conoscere e incontrare figure professionali che si occupano di benessere a 360°, come il prof. Fabio Pigozzi, Magnifico Rettore ‘Uniroma 4 Foro Italico’, presidente della federazione internazionale medicina dello sport, il prof. Pasquale Strazzullo, presidente della società italiana di nutrizione umana e la prof.ssa Sabrina Diano della Yale University e prima donna al mondo a ricevere l'Helmholtz Diabetes Award. Tra gli incontri divulgativi troverà spazio anche la musica, con la presentazione ufficiale alla comunità del Coro Unifg, diretto dal maestro Luciano Fiore. Ma il grande evento cittadino è certamente la partita di solidarietà che vedrà scendere sul campo dello Zaccheria la Nazionale Magistrati, la Nazionale Attori italiana e la comunità Unifg. Un appuntamento dedicato all’intera Città, capace, certamente, di sostenere proficuamente le finalità del FRI, dotando le scuole anche di impianti di video-sorveglianza è questa l’ambizione dell’edizione 2018. Con la presentazione del programma, voglio ringraziare il Magnifico Rettore, prof. Maurizio Ricci che crede e supporta l’intera squadra del Festival: gli studenti e i rappresentanti del personale docente e tecnico amministrativo che, a vario titolo, mi stanno aiutando in questa avventura e il già coordinatore del FRI prof. Cristoforo Pomara, sempre presente con noi”.

Soddisfatti e orgogliosi si sono definiti Pio e Amedeo per la nomina a direttori artistici del FRI: “Da questo momento inizia il nostro lavoro per individuare testimonial in grado di supportare le finalità del FRI – ha affermato Pio D’Antini –. Ancora una volta ci piace dare un segno, abbiamo un Territorio ricco di eccellenze che vanno promosse – ha proseguito Amedeo Grieco - indosseremo le maschere dei nostri personaggi per fare arrivare forte e chiaro il messaggio del Festival dell’Università di Foggia”.

Alla conferenza stampa sono intervenuti, inoltre, i rappresentati delle associazioni e aziende che sosterranno e sponsorizzeranno la III edizione del Festival, di seguito tutti i supporter del FRI: CIA - Agricoltori Italiani, Foggia Calcio, CUS Foggia, Tamma, Proraso, Doemi, Ristorante Al primo piano, Unifg Store, Gruppo Telesforo, Apulia Film Commission, Mediafarm, Radio Nova Ions, Cat-Confesercenti Foggia, C.C.I.A.A., Confcommercio Foggia, Confindustria, Gianni Rotice, AIGA Foggia, Inner Wheel, Rotary Club Foggia, Rotary Club Foggia "Umberto Giordano", Rotary Club Foggia Capitanata, Lions Club Foggia HOST, Lions Club Foggia Arpi, Lions Club Foggia “Umberto Giordano", AMMI e UNESCO.


Addetto stampa FRI
Concetta Fioretti

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

monteleone di pugliaPress tour con visite guidate a Troia, Ascoli Satriano, Candela e Biccari
Gli ospiti prepareranno il pranzo pasquale secondo gli usi del made in Puglia
Ecco gli hashtag e il social lab per la cronaca “minuto per minuto” del tour

TROIA La processione delle catene, quella del bacio, la splendida cattedrale di Troia e i meravigliosi Grifoni di Ascoli Satriano: si chiama “Il tesoro e i riti della Pasqua” il press tour che per cinque giorni, da giovedì 29 aprile a lunedì 2 maggio, porterà un gruppo di blogger, giornalisti e influencer alla scoperta di Troia, Ascoli Satriano, Biccari e Candela. Il progetto, presentato dall’Amministrazione comunale di Troia e condiviso dagli altri comuni, è stato finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del bando dedicato all’ospitalità di giornalisti e influencer per la promozione del patrimonio culturale e la destagionalizzazione dei flussi turistici regionali.
LA PROCESSIONE DELLE CATENE. Venerdì 30 marzo, obiettivo di telecamere, smartphone e fotocamere sarà la Processione delle Catene, un rito antichissimo che caratterizza il venerdì santo a Troia. Sempre nella giornata di venerdì, giornalisti, blogger e influencer visiteranno il centro storico della Città del Rosone, si soffermeranno ad ammirare la Cattedrale e il Museo Diocesano. In serata, la partecipazione alla Processione dei Misteri.
I GRIFONI DI ASCOLI SATRIANO. Sabato 31 marzo, il press tour approderà ad Ascoli Satriano: visita al centro storico e, subito dopo, al Polo Museale dove sono custoditi i Grifoni policromi di Ascoli Satriano, una scultura unica al mondo, ammirata da milioni di visitatori in occasione dell’Expo di Milano e di importanti mostre in tutto il mondo. Nel pomeriggio, la visita al centro storico di Candela.
PASQUA E PASQUETTA MADE IN PUGLIA. Domenica 1 aprile, gli ospiti del press tour vivranno in tutto e per tutto la Pasqua secondo usanze, riti, profumi e sapori della tradizione troiana. Raccolta di erbe spontanee al mattino, poi laboratorio enogastronomico dedicato alla preparazione del pranzo tipico di Pasqua: giornalisti, blogger e influencer saranno ospitati in una casa e coinvolti a 360 gradi nella preparazione del pranzo pasquale. Sempre domenica 1 aprile, in serata, la partecipazione alla Processione del Bacio. Il gruppo, con professionisti provenienti da tutta Italia, trascorrerà la Pasquetta al Parco Avventura di Biccari, in un contesto naturale dominato dalle vette più alte della Puglia e dal vicino Lago Pescara.
GLI HASHTAG E IL SOCIAL LAB. Il press tour sarà promosso attraverso post, foto e video su facebook, twitter e instagram grazie agli account ufficiali di dauniapresstour. Gli hashtag che saranno utilizzati saranno #dauniapresstour #weareinpuglia #pasqua2018, #troia e #montidauni. I contenuti veicolati saranno ripresi e condivisi anche da Io amo i Monti Dauni, We are Foggia e gli account twitter Foggia 2024 e 140 notizie. L’obiettivo è quello di promuovere paesaggi, storie e cultura dei paesi interessati dal press tour “Il tesoro e i riti della Pasqua” offrendo una vera e propria cronaca minuto per minuto, in diretta, di quanto sarà ammirato da giornalisti, blogger e influencer giunti sui Monti Dauni da tutta Italia.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

coralesantalfonso
La Passione in un musical della Corale Sant'Alfonso al Parco Iconavetere
A Foggia domenica 25 marzo, alle 18.30, in scena "Un uomo di nome Gesù"
Partecipano la Comunità redentorista e l'Associazione Pompieri "A. Gramazio"

FOGGIA - La storia di Cristo, dall'ingresso a Gerusalemme fino a quando dimostrerà al popolo di Israele di essere lui il Messia, in un musical: domenica 25 marzo, alle 18.30, la Corale Sant'Alfonso presenta una nuova versione del suo recital "Un uomo di nome Gesù oltre la passione e la croce", per la prima volta nella suggestiva cornice del Parco Iconavetere di via Ciano a Foggia. Non è semplicemente una Via Crucis ma ripercorre tutta la predicazione di Gesù, dal momento in cui assume la sua natura divina fino all'apparizione nel cenacolo.
La prima edizione risale al lontano 2003, nella Parrocchia di Sant'Alfonso al rione Candelaro. È il progetto più corposo e di lunga data della storica formazione musicale che è ormai al suo ventottesimo anno di vita. Dalla sua fondazione, il gruppo originario è rimasto praticamente lo stesso, con qualche innesto, conta circa trenta elementi tra musicisti e cantori e si occupa dell'animazione liturgica. Nasce proprio all'interno della Comunità redentorista di via Capitanata che da sempre partecipa attivamente alla rappresentazione.
Il cast si compone di oltre cinquanta figuranti tra attori protagonisti, comparse e popolo. Ad interpretare Gesù di Nazareth sarà Salvatore De Gelidi. La regia è affidata alla responsabile del coro, Rosaria Curcetti, affiancata da Antonio Desideri. "Abbiamo inserito danze, pezzi cantati, abbiamo implementato il nostro progetto per presentarlo in una chiave più dinamica - spiega Rosaria Curcetti - Nato come un recital, anno dopo anno, abbiamo cercato di farlo avvicinare il più possibile ad un musical. Grazie alla preziosa collaborazione con l'Associazione Pompieri-Volontariato e Protezione Civile "A. Gramazio" quest'anno la rappresentazione avrà una location che si presta come scenografia naturale e contribuiremo a restituire alla cittadinanza un bene riqualificato dall'Associazione con grande passione".
L'Associazione Pompieri-Volontariato e Protezione Civile "A. Gramazio", che gestisce il parco e il suo anfiteatro dopo averlo riportato al suo antico splendore, offrirà il suo supporto logistico e il servizio d'ordine e sicurezza.
L'ingresso è gratuito e tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)