Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 402 visitatori e nessun utente online

Spettacolo, cinema, arte e cultura

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vicoIl paese del Gargano protagonista ad Assisi, Pinto: “Il nostro patrimonio è unico”

VICO DEL GARGANO Il “paese dell’amore” si è presentato a buyer, tour operator e giornalisti di tutto il mondo. Lo ha fatto ad Assisi, in occasione della Borsa del Turismo Religioso Internazionale che è terminata il 27 novembre. “In Umbria, davanti a centinaia di operatori turistici provenienti da tutto il mondo, abbiamo presentato Vico del Gargano con particolare riferimento al suo patrimonio culturale legato alla spiritualità, alle tradizioni religiose, all’architettura sacra e alle opere rappresentate all’interno delle chiese”, spiega Porzia Pinto, consigliere comunale con delega al Turismo e ai Borghi più belli d’Italia.
Ad Assisi, attraverso video e materiale turistico-informativo, Porzia Pinto ha incontrato gli organizzatori della Borsa, ha parlato con buyer e tour operator, illustrando loro, nel corso di una conferenza dedicata, i riti della Settimana Santa a Vico del Gargano.
LE CINQUE CONFRATERNITE. Vico del Gargano ha alcune peculiarità rispetto al proprio legame con fede e spiritualità. Una di quelle peculiarità è la profonda e antica tradizione delle sue cinque confraternite, tutte attive, ben inserite nel tessuto sociale e culturale vichese. Si tratta di sodalizi che, attraverso un impegno costante, contribuiscono con iniziative e lavoro volontario a promuovere tradizioni che si perdono nella notte dei tempi. Gli stemmi, i gonfaloni, la “vestizione” dei confratelli incappucciati, gli abiti utilizzati, tutto fa parte di un rituale suggestivo, che rievoca un legame ancestrale tra l’essere umano, il sacro e gli elementi naturali.
VIVERE IL BORGO. “La Settimana Santa a Vico del Gargano permette di vivere profondamente il borgo, sentirne gli aromi, restare affascinato dal coinvolgimento di tutta la popolazione”, racconta il sindaco Michele Sementino. “La missione di Porzia Pinto è importante, perché dà continuità a un lavoro che stiamo facendo ormai da molto tempo, quello di valorizzare i diversi e complementari attrattori turistici-culturali e ambientali di Vico del Gargano per destagionalizzare i flussi turistici”.
“L’EFFETTO E’ SCONVOLGENTE”. “Agli operatori turistici internazionali ho illustrato le caratteristiche che rendono unica la Settimana Santa di Vico del Gargano”, aggiunge Porzia Pinto. “Qui da noi c’è una partecipazione molto intensa, espressa anche attraverso il canto. Ogni manifestazione ha una sua peculiare espressione nei canti che accompagnano riti e processioni”. La ricerca etnomusicale riguardante la permanenza di musiche liturgiche e paraliturgiche di tradizione orale, nei riti popolari religiosi, ha evidenziato una ampia presenza di canti monodici e polivocali, in latino e in italiano, eseguiti soprattutto dalle confraternite laicali, e pone Vico in una situazione di particolare interesse rispetto ad altri paesi del Gargano, dove queste realtà si stanno estinguendo o sono più rare. Queste antiche peculiarità, negli anni, hanno portato a Vico del Gargano studiosi e cultori delle tradizioni popolari. I Canti della Passione di Vico sono stati registrati anche su un disco edito nel 2007 da Salvatore Villani. La più grande studiosa di tradizioni folk italiane, Giovanna Marini, ha descritto con entusiasmo nei suoi studi lo stupendo canto polivocale del Miserere eseguito a Vico del Gargano: "Partita la processione, il primo gruppo intona il Miserere, e così il secondo. Sfilano tutti con queste voci tuonanti di maschi forti: l’effetto è sconvolgente, ci mettiamo tutti a piangere, i battimenti sono troppi, non si regge a un’emozione del genere. Singhiozzando faccio il numero di telefono di un'amica perché senta che cosa straordinaria sia questo Miserere di Vico”, ha scritto Giovanna Marini.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

teatro regio di capitanataIl 1° e 2/12 la compagnia Alter Ego in scena al Teatro Regio di Capitanata. Repliche per Cavezette e grane cutte (8 e 9/12) e Statt attind è parind (15 e 16/12).

Una commedia brillante e spassosa scritta dal francese Francis Veber – La cena dei cretini – sarà la prossima messinscena in programma al Teatro Regio di Capitanata di Foggia. A portarla sul palcoscenico sabato 1 e domenica 2 dicembre (al Teatro Regio di Capitanata a Foggia, in via Guglielmi, 8a (c/o Chiesa Madonna del Rosario), nell’ambito della 18a stagione teatrale Enarché, sarà la compagnia lucerina Alter Ego. La regia dello spettacolo è affidata a Lello Di Gioia.
Attiva da molti anni, l’associazione Alter Ego ha presentato al pubblico commedie in dialetto di Scarpetta, Eduardo e Peppino De Filippo, Armando Curcio. Da alcuni anni ha diversificato la sua offerta teatrale mettendo in scena anche opere in lingua di grandi autori come Pirandello, Goldoni, De Benedetti, Veber.

La trama. La commedia racconta di un gruppo di ricchi borghesi parigini che, ogni settimana, organizzano una cena a cui ognuno invita un “cretino”. Chi avrà portato l’esemplare migliore sarà il vincitore della serata. Pierre Brochant, un ricco e arrogante editore, è convinto di aver trovato un vero campione nel suo genere e lo invita a casa sua per anticiparne la conoscenza con la scusa di parlare del suo hobby - costruire modellini con i fiammiferi -, magari per pubblicarne un libro. Ma proprio mentre sta per recarsi alla cena, il colpo della strega lo blocca in casa con la sua preda, Francois Pignon. Da qui una serie di situazioni esilaranti provocate proprio dal “cretino”, una girandola di gag con scambi di persone e telefonate e così, a fine serata, si ritroverà abbandonato dalla moglie e in casa un ispettore del Fisco, non certo l’ospite ideale per il nostro Pierre. Una sonora lezione per l’arrogante Pierre, vittima delle sue bugie e della sua cattiveria e un finale tutto per Francois Pignon, definito cretino ma che, in realtà, è un individuo che vive in un suo mondo, senza malizia e con un preciso ideale di giustizia e lealtà.

N. B. Prima delle rappresentazioni del 1° e 2/12 saliranno sul palco del Teatro Regio di Capitanata i rappresentanti dell’A.G.A.P.E. (Associazione Genitori e Amici Piccoli Emopatici), che presenteranno al pubblico la loro realtà associativa; l’appuntamento rientra nell’iniziativa Teatro Solidale, che va avanti da diversi anni ed è stata fortemente voluta dal presidente di Enarché Carlo Bonfitto.
Ricordo che prosegue il partenariato dell’associazione Enarché con l’Assessorato alla Politiche Sociali del Comune di Foggia retto da Erminia Roberto: il progetto – promosso da Carlo Bonfitto - Il teatro è cultura, la cultura è per tutti permetterà a persone in condizioni economiche svantaggiate (due i posti riservati per ogni messinscena) di assistere gratuitamente agli spettacoli del Teatro Regio di Capitanata. I destinatari del progetto saranno individuati dagli elenchi dell’Assessorato.

Comunico infine qui di seguito alcune modifiche nella programmazione teatrale della Compagnia Enarché.
Per soddisfare le numerose richieste del pubblico l’8 e 9/12 andranno in scena due repliche della commedia Cavezette e grane cutte; anche la commedia Statt attind è parind verrà replicata il 15 e 16/12. Entrambe le rappresentazioni andranno in scena naturalmente al Teatro Regio di Capitanata. Pertanto il calendario della stagione subirà una variazione, in quanto la “prima” de La tavernara (inizialmente prevista per l’8/12) andrà in scena il 12 gennaio 2019.

18a Stagione Teatrale 2018/19
L’Associazione Alter Ego di Lucera presenta
La cena dei cretini
Commedia brillante in due atti di Francis Veber
Regia di Lello Di Gioia
Con: Roberto Vicario, Rosanna Postorino, Luigi Sammartino, Tiziano Pilla, Rosanna Di Canio, Giuseppe Forte, Carlo Forteschi
Scenografia: N. Delli Carri; Costumi: E. Colia, A. M. Alfieri; Trucchi e pettinature: A. Di Iorio, L. Salinno; audio e luci: Andrea Longone, Silvano Finizio.
Sabato 1 e domenica 2 dicembre 2018
Porta: ore 20.30; inizio spettacolo: ore 21.00
Foggia, Teatro Regio di Capitanata – via Guglielmi, 8a (c/o Chiesa Madonna del Rosario)


Maria Cristina Sicilia

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

caritasPartita con la Caritas Incontro l’attività di outreaching sul territorio dell’Ambito di San Severo.


Il Presidente di Caritas Incontro don Andrea Pupilla ha comunicato al Sindaco avv. Francesco Miglio ed all’Assessore alle Politiche Sociali avv. Simona Venditti, di aver avviato dal mese di ottobre un’attività di outreaching sul territorio dell’Ambito di San Severo.
L’iniziativa finanziata all’interno del Progetto “PUGLIA INTEGRA AZIONE 2 - PROMOZIONE DELL’ACCESSO AI SERVIZI PER L’INTEGRAZIONE” vuole favorire l’inclusione delle comunità di immigrati attraverso la creazione di una rete di soggetti pubblici e privati operanti nei territori di San Severo e Nardò, che siano in grado di raggiungere gli utenti, con particolare attenzione a quelli coinvolti nelle attività lavorative stagionali agricole, per agevolarli nell’accesso ai servizi socio-sanitari e offrire loro informazioni e consulenza legale al fine di individuare e contrastare situazioni di sfruttamento, caporalato e tratta e proporre inserimenti in programmi di protezione. Il lavoro di OUTREACHING si svolgerà nell’arco temporale di ottobre- dicembre. L’outreach è un servizio di prossimità che intende incontrare le persone nei luoghi dove loro vivono e in particolare i migranti che vivono in condizione di emarginazione e che non conoscono o non si rivolgono ai servizi.
“Il progetto avviato in partenariato con l’Ambito di San Severo, il Baobab, la Social Start Apulia srl Impresa Sociale ha tra i suoi obiettivi – dichiarano il Sindaco Miglio e l’Assessore Venditti - quello della formazione di una equipe multidisciplinare composta da diversi operatori professionali quali: mediatore interculturale; psicologo; esperto legale; assistente sociale; educatore; e la creazione di una mappatura di servizi territoriali pubblici e privati già operanti. Le diverse professionalità che compongono l’equipe e la rete di servizi costituita consentiranno di adottare metodologie integrate di intervento in risposta alle diverse situazioni di bisogno, orientante ad una logica di case management volto ad individuare i bisogni unici di ciascun individuo ed a soddisfarli nella maniera più adeguata supportando il case manager territoriale nel coordinarsi con le diverse risorse disponibili”.
Tra gli obiettivi del progetto si vuole inoltre offrire assistenza e supporto indirizzando gli utenti verso i servizi di inclusione socio-lavorativa, identificando raccordi funzionali con il sistema delle politiche attive del lavoro e sperimentando nuove forme di iniziativa imprenditoriale come il microcredito e l’impresa sociale. Attualmente l’equipe multidisciplinare sta svolgendo il suo lavoro di unità mobile e relazione dei servizi con i comuni di Lesina e Serracapriola riscontrando la presenza di numerosi immigrati che vivono in modo isolato e in alloggi di fortuna (casolari abbandonati, vecchi ruderi..), e a breve partirà anche il servizio sl territorio di San Severo.
I primi dati acquisiti dalle dell’equipe operante sono tantissime richieste di aiuto per le pratiche legali, richieste di residenza fittizia così da poter accedere ai servizi di assistenza sociale e sanitaria, ma anche come e dove prendere la patente di guida e infine bisogni di prima necessità come la richiesta di coperte e indumenti per affrontare l’inverno.

Il Portavoce
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vicoPersonale ARIF e alunni dell’istituto comprensivo protagonisti
Nuove piantumazioni nella 167, 140 piantine donate ai ragazzi

VICO DEL GARGANO Si terrà martedì 20 e mercoledì 21 novembre, a Vico del Gargano, la “Festa degli Alberi”. “Saranno due giornate di iniziative, per promuovere l’amore per l’ambiente”, spiega Rita Selvaggio, assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Vico del Gargano. Il 20 novembre, alle ore 10, personale dell’ARIF, l’Agenzia Regionale per le attività irrigue e forestali, incontrerà gli alunni dell’istituto comprensivo Manicone-Fiorentino. “Ai bambini saranno illustrati i dati del patrimonio forestale pugliese e, a seguire, in Villa Comunale potranno assistere a una simulazione d’intervento antincendio. Saranno mostrati loro i mezzi impiegati per spegnere un incendio e le tecniche di intervento”, annuncia il sindaco di Vico del Gargano, Michele Sementino. Mercoledì 21, invece, gli alunni delle prime e delle quinte elementari saranno accompagnati nel quartiere 167, dove potranno collaborare alla piantumazione di nuovi alberi. Ai bambini, inoltre, saranno donate 140 piantine di cui potranno prendersi cura personalmente. Quelle piantine saranno piantumate nel giardino della scuola. La Giornata nazionale degli alberi (21 novembre) è stata istituita con legge nazionale nel 2013 al fine di perseguire, attraverso la valorizzazione dell'ambiente e del patrimonio arboreo e boschivo, l'attuazione del protocollo di Kyoto e richiamare l'attenzione dei cittadini sulla funzione degli alberi per l'ambiente, il territorio, la vivibilità delle città. Gli alberi permettono la proliferazione della vita, assorbendo l’anidride carbonica e rilasciando ossigeno, prevenendo il dissesto idrogeologico e proteggendo la biodiversità. Tutte le regioni italiane sono coinvolte in iniziative dedicate a celebrare l’occasione. Il 20 novembre, primo giorno della Festa degli Alberi, ricorre inoltre il trentesimo anniversario dell’istituzione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. L’attenzione al rispetto e all’amore per l’ambiente, in un momento storico caratterizzato da cambiamenti climatici che mettono a rischio l’equilibrio dell’ecosistema, è un modo per far crescere nei più piccoli la consapevolezza di quanto sia importante maturare un rapporto corretto con la natura.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

ascolisatrianoTroia, Orsara di Puglia e Ascoli Satriano viaggiano online grazie ad un press tour
I blogger indicano la strada per promuovere il territorio: "La sfida è puntare sul marketing"

I riti di Ognissanti sui Monti Dauni sono diventati social per un'intera settimana grazie ad un press tour organizzato dal Comune di Troia. Giornalisti, blogger e instagrammer arrivati dalle province di Lodi, Genova, Lucca, Rimini, Napoli e dalla Costiera Amalfitana hanno promosso attraverso i loro canali e account le tradizioni legate al primo novembre e alla Commemorazione dei defunti, assieme al grande patrimonio storico, artistico, culturale ed enogastronomico delle aree interne della provincia di Foggia. "Abbiamo scelto di valorizzare usanze antiche che perpetuiamo di generazione in generazione - ha spiegato l'assessore al Turismo del Comune di Troia Margherita Guadagno - La nostra cittadina ci tiene a promuoverle e tramandarle. E l'intera comunità si è dimostrata come sempre partecipe e accogliente".
L'ITINERARIO Il viaggio slow tra le bellezze della Daunia è partito il 29 ottobre. La grande meraviglia di Troia, la Cattedrale con il suo rosone, ha subito catalizzato l'attenzione degli influencer che hanno potuto ammirare gli Exultet, preziosi rotoli miniati di epoca medievale. Lo storytelling di usanze come la calza dei morti e della processione delle anime che nella notte tra l'uno e il due novembre attraversa le vie del paese con le tavole imbandite per loro nelle case ha impreziosito l'itinerario. Nel MED, il Museo Ecclesiastico Diocesano, gli ospiti del tour hanno potuto apprezzare la parte più genuina della religiosità popolare. Preziosa la collaborazione dei volontari che operano all'interno delle strutture museali e dei beni, a partire dallo Iat, il centro di informazione e accoglienza turistica. Gli ospiti del press tour “I Murticill e i Riti di Ognissanti" hanno visitato anche Ascoli Satriano, uno dei comuni inseriti nel progetto di promozione del territorio, e il suo Polo Museale che custodisce i magnifici Grifoni.
Esaltante l'esperienza del gruppo ai Fucacoste e Cocce Priatorje di Orsara di Puglia, il più grande evento di Ognissanti. Gli ospiti del press tour si sono cimentati nell'intaglio delle zucche e hanno partecipato alle attività organizzate dal Comune nella notte dei falò e delle anime del Purgatorio.
A spasso tra le viuzze di graziosi borghi dei Monti Dauni hanno catturato scorci caratteristici e paesaggi, hanno scoperto i tesori nascosti e hanno diffuso live in una serie di Stories su Instagram i momenti topici.
Il progetto, realizzato in collaborazione con Daunia Press Tour, è stato finanziato dal “Programma operativo Regionale FESR-FSE 2014 – 2020” “Attrattori culturali, naturali e turismo” Asse VI – Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali - Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche Avviso pubblico per la organizzazione di iniziative di ospitalità di giornalisti e opinion leader promosse dai Comuni o Unioni di Comuni della Regione Puglia 2018 finalizzate alla conoscenza del territorio e dei suoi attrattori materiali ed immateriali”.
IL FOOD Le eccellenze agroalimentari sono state protagoniste dei laboratori sensoriali degustativi. Notoriamente imbattibili a tavola, i Monti Dauni hanno preso per la gola gli influencer affermandosi tra le migliori cucine d'Italia. Il Nero di Troia bio Decanto, le dieci etichette delle Cantine Elda e le Eccellenze Giannelli hanno fatto il giro del mondo tramite post e tweet. I partecipanti al Daunia press tour si sono cimentati nella preparazione del grano cotto, il dolce tipico di questo periodo di festa. "Al Sud non si può digerire" ha giustamente osservato l'assessore Margherita Guadagno salutando gli ospiti che hanno particolarmente apprezzato le specialità locali.
COSA DICONO DEI MONTI DAUNI GLI INFLUENCER "È una terra fatta principalmente di particolari "notevolmente discreti", di tradizioni "silenziosamente radicate". E ogni volta che ne ascolto una nuova voce, mi lego a lei un po' di più" www.vocedelverbopartire.com.
"La Puglia che amo, i Monti Dauni che già a marzo mi fecero innamorare follemente di questa terra, ecco ieri mi hanno travolta. Perché è questo ciò che fanno. Mi travolgono col il loro calore, con quel farti "stare bene" che due parole non riescono a spiegare" www.oltreleparoleblog.com
"Il progetto del Comune di Troia, a cura dell'assessore Margherita Sara Guadagno, è ambizioso ma possibile. Il territorio è caratterizzato da una gestione turistica che sta muovendo i primi passi, ma che presenta eccellenze enogastronomiche con un potenziale incredibile. La sfida da affrontare e vincere è puntare su un marketing oggi quasi inesistente ma che ha tutte le carte in regola per imporsi nel panorama regionale e nazionale" www.travelstelling.com
"È meraviglioso l'attaccamento alla terra e al territorio che si respira, mi ricorda tanto la mia amata Toscana. Al di là delle visite di questo Press Tour, starei delle ore ad ascoltare le storie delle persone" www.ingegnererrante.com
"Porto a casa nuove amicizie, nuove conoscenze, nuove esperienze e qualche chilo in più! Perché "purtroppo" la cucina pugliese è troppo buona e molto generosa! Come si fa a rifiutare tutte quelle bontà? Tra taralli, mozzarelle, salumi, pancotto, primi, secondi, dolci e vini meravigliosi, è un continuo mangiare!" www.oggidoveandiamo.com
"Anche quest’anno il piccolo Comune del foggiano ha vinto la sfida della destagionalizzazione con l’invasione pacifica di migliaia di persone richiamate dalla festa dei Fucacoste e cocce priatorje" www.ilsudonline.it

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)