Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 156 visitatori e nessun utente online

Cronaca

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

miglio1IERI SERA SPARATA UNA BATTERIA ALLA SANSEVERESE SENZA ALCUNA AUTORIZZAZIONE: LA CONDANNA DEL SINDACO MIGLIO. IL PREFETTO CONVOCA TEMPESTIVAMENTE IL COMITATO PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA.


Ha destato enorme sconcerto e forte preoccupazione in tutta la popolazione la batteria alla sanseverese che ieri sera è stata incendiata in un quartiere periferico di San Severo.
“Appare quasi superfluo dire – dichiara il Sindaco Francesco Miglio – che non vi era alcuna autorizzazione per l’accensione di questo “FUOCO”, si tratta di un fatto di gravità inaudita, una sfida inaccettabile alla città ed allo Stato che non può passare sotto traccia. Il Prefetto Grassi ha immediatamente convocato il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si riunirà tra poco in videoconferenza. Siamo fortemente costernati, la Festa del Soccorso, a causa della pandemia COVID 19, non si è tenuta, ma questa lunghissima batteria, che ha coinvolto centinaia di persone che vi “correvano” dietro, può avere ricadute spaventose per il rischio contagio, vanificando gli sforzi di migliaia di concittadini perbene che hanno osservato scrupolosamente le prescrizioni. Occorrerà verificare anche chi ha fornito il materiale pirico e chi ha impiantato la batteria. Domande alle quali bisognerà dare una risposta al fine di individuare i responsabili. Condanno nella maniera più ferma l’accaduto, assicurando alla nostra gente tutto il mio personale impegno e quello del Comune di San Severo ed intanto ringrazio il Prefetto Grassi per aver convocato tempestivamente il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica”.

l’Addetto Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

polizia di statoIeri intorno alle 13:00, è giunta alla centrale della polizia una segnalazione, dove si allertava le forze dell'ordine di un tentativo di furto di un'autovettura in Viale Michelangelo, un uomo stava armeggiando vicino ad un’auto Alfa Romeo Giulietta.
Una pattuglia che era in zona, è giunta sul posto, ed hanno trovato il malvivente seduto al posto di guida.
Accortosi della volante, il delinquente si è disfatto dei grimaldelli, poi recuperati e sequestrato ed ha tentato di scappare a piedi. Subito bloccato l'uomo, è stato sottoposto a perquisizione personale, e gli venivano ritrovato in suo possesso un lettore Obd II che viene utilizzato per eludere i codici di sicurezza delle centraline originali di autoveicoli.
L’uomo un 48enne foggiano, già noto alle forze dell'ordine, è stato messo agli arresti domiciliari.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

carabinieri 2A Cerignola, una figlia stava minacciando con un grosso coltello da cucina, la madre, obbligandolo a farsi dare 200 euro.
Solo intervento dei carabinieri ha evitato il peggio, mettendo fine all’incubo dell'anziana, vessata dalle minacce e richieste di denaro della figlia.
Entrati in casa, i militari hanno bloccato ed identificato la donna, che poco prima stava minacciando con un grosso coltello da cucina, nascosto nella borsa, la madre.
Questo non sarebbe il primo episodio con cui la figlia, già in altre circostanze aveva costretto sotto minacce i suoi genitori a farsi consegnare somme di denaro, gettando i genitori in uno stato di paura e preoccupazione. La ragazza è accusata di maltrattamenti in famiglia, ed è stata arrestata, e denunciata per estorsione.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vigilifuoco
Questa mattina a Foggia, in viale Di Vittorio, ci sono stati momenti di paura per via di un denso fumo e fiamme che si sono levate al cielo, a causa di un'auto andata a fuoco, parcheggiata in strada.
Alcuni passanti, hanno allertato i vigili del fuoco, avvisando che una colonna di fumo bianca e densa, si stava levando al cielo.
Giunti sul posto, i vigili del fuoco, hanno messo in sicurezza la zona, spegnendo le fiamme dell'auto andata in fiamme. Da un primo rilievo, l'auto si sarebbe incendiata a causa di un corto circuito.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

118
Ieri sera, intorno alle 19:50, in via Occidentale, angolo via Lucera a Foggia, due fratelli sono stati feriti da alcuni colpi di pistola.

Le vittime, due fratelli, Antonio e Vito Calabrese di 58 e 48 anni, colpiti una alle gambe e l'altro al viso da colpi di pistola una pistola calibro 7.65.
Le vittime venivano trasportate al pronto soccorso, entrambi in codice rosso, il primo ferito da quattro colpi di pistola in più parti del corpo, verrà  sottoposto da un intervento chirurgico, il secondo, è stato dimesso nella serata di ieri con una prognosi di 25 giorni, ferito da un colpo alla gamba destra.
Giunti sul posto le forze dell'ordine, dopo aver 
acquisito, elementi probatori, da alcuni testimoni, identificavano nel possibile aggressore un uomo 78enne, Benito Insalata. Il soggetto, a seguito di un litigio verbale avvenuto in serata, per futili motivi con le due vittime, avrebbe estratto la pistola, una marca Beretta modello 70, legalmente detenuta, ed esplodeva diversi colpi all’indirizzo dei fratelli foggiani, per poi scappare a bordo della propria auto.
Iniziate le attività di ricerca, il 78enne si è presentato spontaneamente dopo qualche ora in questura con il suo avvocato, consegnando l’arma con la quale aveva colpito i due fratelli. Insalata è accusato di duplice tentato omicidio. 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)