Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 337 visitatori e nessun utente online

Cronaca

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vigilidelfuocoIeri mattina i residenti del quartiere Ferrovia di Foggia si sono spaventati nel sonno, pensando ad un ennesimo attentato.
Un boato ha fatto risalire alla memoria i numerosi attentati contro attività commerciali di Foggia, per fortuna questa volta non è stato così. Un incendio ha distrutto l'interno di un bar via Piave. Le fiamme, divampate all'interno del locale, hanno provocato anche l'esplosione di un recipiente sotto pressione, il quale ha creato molti danni all'interno del locale ed ha annerimento la facciata dello stabile, provocando anche interruzione dell'energia elettrica per alcune ore.
Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, che hanno provveduto a spegnere le fiamme e dopo aver ispezionato il locale, non hanno rinvenuto tracce utili a risalire alle sue cause.
Il bar in questione è stato per ben anche chiuso, dalle forze dell'ordine, poichè abituale ritrovo di pregiudicati pericolosi.
Il titolare, un cittadino albanese ha diversi precedenti per spaccio di stupefacenti e assunzione di dipendenti non in regola.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

118

Erano da poco passate le 05:00, quando in Viale degli Aviatori a Foggia, c'è stato un incidente mortale.
Un 45enne, Bruno Russolillo, che era alla guida della sua Grande Punto e, viaggiava in direzione Foggia dalla circonvallazione, ha perso il controllo dell'auto e si è schiantato contro il muro perimetrale di un terreno agricolo, nella corsia opposta.
Nell'impatto l'auto è carambolata verso il centro della carreggiata.
Sul posto sono giunti i vigili del fuoco ed i sanitari del 118, i quali non hanno potuto far altro che constatarne la morte.
Sulla strada non ci sono segni di frenata, quindi si può pensare o ad un malore o ad un colpo di sonno.

 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)


vigilifuoco
In un garage in via Pietro Micca a San Severo, è scoppiato un incendio. Dal garage, posto al livello della strada, si sono alzate delle fiamme di fumo nero.
Tanta paura per i residenti della zone ed in strada. Sul posto è giunta una squadra dei vigili del fuoco, i quali hanno provveduto a spegnere le fiamme ed a mettere in sicurezza la zona. 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)


guardiacostiera
Uno degli stabilimenti balneari più noti della zona sipontina è stato posto sotto sequestro.
Stamattina, dopo delle indagini, coordinate con la Procura della Repubblica e la capitaneria di porto di Manfredonia, hanno posto i sigilli al lido, di proprietà della società BIESSEMME S.r.l..
La concessione demaniale dello stabilimento balneare era stata revocata il 13 novembre 2018, dal Comune di Manfredonia, in seguito ad informazione interdittiva antimafia a carico dell'amministratore unico della società, Francesco Romito.
Con la revoca della concessione, la società doveva sgombrare l’area occupata, portando via i manufatti realizzati, ristabilendola allo stato originale.
Le indagini hanno accertato che nulla era stato fatto, così, i militari hanno apposto i sigilli a tutta la struttura con l'accusa di occupazione abusiva del demanio marittimo ed invasione di terreni pubblici ed inosservanza di provvedimenti delle Autorità.
Il legale rappresentante della società concessionaria è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

carabinieri 4
E ci risiamo, dopo soli due giorni di calma apparente ecco che nella notte, sono ritornate ad esplodere le bombe in città.
Questa volta è toccato ad una nota catena di elettrodomestici ed hi-fi del Villaggio Artigiani a Foggia.
A piazzare il potente ordigno ai piedi della saracinesca è stato un ragazzo, il quale è arrivato sul posto in auto, insieme ad un complice.
I due sono stati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza poste nel piazzale dell'attività.
Le immagini, mostrano un giovane con il volto parzialmente coperto, che si lascia ai piedi della saracinesca un secchio con dentro l'ordigno.
Una volta accesa la miccia, il giovane si allontana e dopo 1 minuto circa avviene l'esplosione. Altre videocamere hanno immortalato, il ragazzo che si allontanava a bordo di un'auto, guidata da un complice, che lo attendeva a circa 100 metri.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)