Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 164 visitatori e nessun utente online

Politica

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

amonteVILLA COMUNALE, GRAZIE ALL’OPPOSIZIONE I LAVORI AVRANNO DA SUBITO UN’ACCELERATA
Durante la seduta di Consiglio Comunale “Question Time” del 30 gennaio scorso, richiesta dal Gruppo A Monte, è stata posta ancora una volta un’interrogazione per avere spiegazioni in merito ai lavori in Villa Comunale. Come si ricorderà, già nel luglio 2022 chiedemmo notizie, perchè eravamo convinti che, se la situazione non fosse cambiata, quei lavori non avrebbero trovato mai fine.
All’interrogazione l’Amministrazione ha risposto che, grazie all’attenzione che l’Opposizione ha messo su quell’intervento, il Comune ha deciso di revocare dall’incarico la Ditta vincitrice dell’appalto, prima arrivata nella gara, e che i lavori saranno affidati a breve alla ditta che si è posizionata seconda nella stessa gara.
Come chiaro, ogni volta che l’Opposizione e i cittadini hanno ritenuto di sollevare la questione non lo hanno fatto per polemica ma perchè era evidente che qualcosa, in quei lavori, non andava, come lo stesso Responsabile del procedimento ha inteso sottolineare in una dettagliata relazione inviata all’Amministrazione. Infatti, la ditta non solo non ha rispettato i tempi, ma ha proceduto, in un anno e mezzo circa, con un numero di operai troppo ridotto rispetto agli interventi da eseguire.
Nella replica all’intervento dell’Assessore ai lavori pubblici, il gruppo A Monte, dopo aver ricordato che avevamo ragione sui dubbi posti da noi e dai cittadini, ha invitato l’Amministrazione ad essere attenta quando vengono affidati lavori pubblici: tempi certi e qualità dei lavori e del materiale utilizzato sono obblighi da far rispettare.

Gruppo A MONTE Monte Sant’Angelo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

campo
Mi auguro sia l’ultima volta che a votare non siano i cittadini”
Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente della Regione Puglia

L’elezione di Giuseppe Nobiletti alla Presidenza della Provincia è un ottimo risultato politico della coalizione che governa la Regione Puglia, ottenuto con un tasso di sofferenza maggiore di quanto ci aspettassimo e che ho condiviso con il candidato fino alla tarda sera di ieri.
Agli auguri di buon lavoro, sinceri e per nulla formali, che rivolgo al neo presidente di Palazzo Dogana, certo che saprà interpretare nel migliore dei modi possibili il suo ruolo istituzionale, credo sia necessario aggiungere una riflessione politica.
È tempo che i cittadini tornino a decidere con il proprio voto chi debba governare le Province, oggi diventate il teatro di accordi e scontri politici che poco o nulla interessano alle comunità amministrate.
Fu un errore, lo dicevo allora e lo ribadisco ora, svilire la rappresentatività e ridurre le competenze e la capacità finanziaria di questi enti. Errore commesso anche dal Partito Democratico che, non a caso, oggi sta ripensando quella scelta e ha avanzato le proprie proposte per porvi rimedio.
In attesa che il Parlamento decida come modificare l’attuale normativa, sono certo che il presidente Nobiletti e l’intero Consiglio provinciale sapranno valorizzare le importanti competenze che sono chiamati ad esercitare agendo con efficacia sulle urgenze presenti - a partire dal garantire agli studenti delle medie superiori di seguire le lezioni in ambienti caldi e sicuri, non in aule gelide in cui spesso si sta con il piumino o non si entra proprio - e le proiezioni future - programmando e investendo con efficienza i fondi del PNRR ed europei.
Inizia una nuova fase amministrativa a Palazzo Dogana e mi auguro sia l’ultima volta che ad eleggere il presidente e i consiglieri non siano i cittadini di Capitanata.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

campo
Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale

Trivellare l’Adriatico non ha alcuna convenienza economica, ambientale e sociale. Lo affermo condividendo quanto detto, durante la seduta della V Commissione, dagli scienziati che affiancheranno l’assessore regionale all’Ambiente Anna Grazia Maraschio nell’opposizione alle trivelle e nella definizione delle linee guida per la transizione ecologica.
L’Italia, negli ultimi 15 anni, ha condiviso e adottato le direttive europee che indicano l’obiettivo strategico dell’abbandono delle fonti fossili, così come i documenti su cui si fonda il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che include la transizione ecologica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili.
È indiscutibile, infatti, che avviare le indagini geologiche alla ricerca di gas e petrolio o, peggio, mettere in funzione le trivelle inevitabilmente altererebbe il buono stato ambientale delle acque e i fondali marini, patrimonio tutelato da specifiche direttive dell’Unione Europea.
Gli stessi scienziati ci dicono che tutta l’energia ottenibile costruendo le piattaforme in mare può essere ottenuta da fonti alternative ambientalmente sostenibili e anche più convenienti economicamente, basterebbe utilizzare tecnologie già oggi esistenti e ampiamente disponibili.
Realizzare la conversione ecologica è uno degli obiettivi che la Regione Puglia deve perseguire e centrare, ascoltando con attenzione la scienza e tutelando concretamente l’ambiente.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

articolo1I sindaci e i consiglieri comunali che aderiscono e si riconoscono nei valori e nelle idee di Articolo Uno, 16 in tutto, distribuiti tra comuni grandi, medi e piccoli, sosterranno attivamente la candidatura di Giuseppe Nobiletti alla Presidenza della Provincia di Foggia.

La decisione è maturata all’esito dell’incontro tra il Segretario Provinciale di Articolo Uno, Gianluca Ruotolo, e lo stesso candidato, a cui ha partecipato anche il sindaco di San Marco in Lamis Michele Merla, svoltosi con il dichiarato e comune intento di favorire la ricomposizione del centrosinistra ed allargare la coalizione a sostegno del sindaco di Vieste.

“Il punto d’incontro è stato trovato su alcuni punti programmatici strategici – dichiara Gianluca Ruotolo – utili a promuovere un protagonismo più spiccato della Provincia di Foggia come Ente di area vasta e istituzione di positivo raccordo tra Comuni e Regione Puglia”.

Tra questi spicca la richiesta di maggiore coinvolgimento dei consiglieri provinciali eletti tra i consiglieri comunali nella programmazione dell’Ente, anche a prescindere dall’attribuzione di specifiche deleghe, anche con l’intento di allargare ai Consigli comunali della Capitanata la condivisione delle scelte di fondo dell’Amministrazione provinciale.

Una più stretta relazione tra presidente della Provincia e sindaci è l’altra istanza di cui si è fatto portatore Articolo Uno, con l’obiettivo di promuovere una più efficace integrazione delle politiche di sviluppo territoriale e di rafforzare il protagonismo degli Enti locali nella positiva relazione con la Regione Puglia e nella fase di spesa dei fondi europei e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

“Il contributo di valori, proposte e idee di Articolo Uno è parte fondamentale della proposta di cui sono interprete con la mia candidatura e su cui si fonda l’alleanza che la sostiene – aggiunge Giuseppe Nobiletti –. In piena sintonia si è concordato di porre una particolare attenzione ai temi politici e amministrativi che discendono dalla transizione ecologica ed energetica, forse il settore di governo su cui più e meglio la Provincia di Foggia può intervenire per promuovere un modello di sviluppo sostenibile e un’equilibrata localizzazione degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili”.

Con queste premesse, l’apporto politico degli amministratori di Articolo Uno contribuirà a cogliere un importante risultato elettorale e ad avviare un ciclo nuovo di governo della Capitanata.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

giovanidemocraticiAppena annunciata la candidatura di Gianni Cuperlo i Giovani Dem della Federazione Provinciale hanno avuto sin da subito le idee chiare su chi sostenere al Congresso Nazionale del Partito Democratico. “Una scelta politica e ideologica”, afferma il Segretario Provinciale Stefano Pastucci. “Ciò che ha spinto la nostra giovanile a sostenere Cuperlo sono soprattutto l’esigenza di un Partito che guardi al popolo della sinistra e ai giovani”. “Con Gianni Cuperlo avremmo la combo perfetta di esperienza e idee”, continua il Segretario, dando in questo modo, finalmente, spazio ai Giovani; riportando le battaglie ideologiche ad essere le vere protagoniste del PD e non i personalismi di correnti o singoli emergenti che hanno drasticamente segnato il nostro partito. La nostra è una posizione fuori dagli schemi ma radicata in un terreno solido che è coerente con le nostre battaglie di sempre e con le nostre posizioni assunte già su molti temi come l’emergenza energetica e la guerra in Ucraina. Una posizione che vede non pochi Circoli e soprattutto dirigenti del Pd aderire alla mozione Cuperlo. Con orgoglio possiamo dire che non siamo gli unici a sostenere Gianni Cuperlo nel nostro territorio e molti stanno seguendo le nostre orme. Oggi non serve un nuovo segretario ma un nuovo Partito; come sempre noi ci siamo!

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)