Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 156 visitatori e nessun utente online

Primo piano

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vicoChiuso dalla Regione Puglia il Laboratorio di Analisi, potenziato il servizio relativo ai prelievi
Entro l’estate, l’inizio dei lavori che consegnerà ai vichesi il loro nuovo Ospedale di Comunità
I servizi di specialistica ambulatoriale dal 16 giugno comprenderanno anche reumatologia
L’ambulatorio infermieristico è un fiore all’occhiello, modello Vico replicato anche a Rodi

VICO DEL GARGANO Il servizio relativo ai prelievi per le analisi del sangue, a Vico del Gargano, è stato potenziato: i prelievi, infatti, possono effettuarsi dal lunedì al venerdì, vale a dire cinque giorni su sette, mentre prima i giorni a disposizione erano soltanto tre. Lo stesso servizio provvederà a fare analizzare le provette a San Marco in Lamis e i risultati degli esami saranno comunicati via email alle persone che si sono sottoposte al prelievo. Infatti, non per volontà delle Amministrazioni comunali, ma in esecuzione della deliberazione della Regione Puglia numero 985 del 20 giugno 2017, e adesso in via di attuazione su tutto il territorio regionale, i Laboratori di Analisi della maggior parte dei comuni pugliesi sono stati trasformati in semplici punti di prelievo. A Vico del Gargano, dunque, così come in tutti gli altri comuni della Capitanata e dell’intera Puglia in cui i Laboratori di Analisi sono stati chiusi o lo saranno a breve, si potranno svolgere regolarmente tutti i prelievi relativi a ogni tipo di analisi, ad eccezione della curva da carico glicemico e del cosiddetto ‘emocromo a caldo’, per i quali è necessaria una processazione contestuale al prelievo.
“La chiusura dei Laboratori di Analisi”, spiega il sindaco Raffaele Sciscio, “è una decisione della Regione Puglia: farla ricadere sull’Amministrazione comunale, che invece si è adoperata e si adopera per il potenziamento di tutti i servizi, significa fare strumentalizzazioni e produrre allarmismi, anziché lavorare per la Comunità”.
“A Vico del Gargano”, aggiunge l’assessore Rita Selvaggio, “sia la precedente che l’attuale Amministrazione hanno potenziato significativamente i servizi attinenti al diritto alla salute e alle cure dei cittadini. Entro l’estate, inizieranno i lavori che consegneranno ai vichesi il nuovo Ospedale di Comunità: lo sgombero dei locali destinati ad accogliere la nuova funzione sono già in atto. La Continuità assistenziale è sempre coperta. I servizi di specialistica ambulatoriale funzionano al meglio e, dal 16 giugno, comprenderanno anche la reumatologia. La psicologa è operativa per 38 ore settimanali. L’ambulatorio infermieristico è un fiore all’occhiello, funziona benissimo, tanto da essere stato replicato nel modello anche a Rodi Garganico”.
Il sindaco Raffaele Sciscio: “Le nostre sollecitazioni, le interlocuzioni quotidiane, gli incontri con i responsabili locali, provinciali e regionali della Sanità e l’ascolto attento e continuo delle istanze provenienti dai cittadini sono l’unico modo proficuo e costruttivo per riuscire a ottenere risultati utili alla Cittadinanza. Polemiche, strumentalizzazioni e allarmismi ‘gridati’ su un manifesto non producono nulla a vantaggio della Comunità, ma evidentemente servono a qualcuno per farsi notare gettando fango su chi lavora ogni giorno per Vico e i vichesi”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

sport

Un’aula consiliare gremita e festante quella che si è registrata oggi pomeriggio a Palazzo di Città per l’evento “Eccellenze dello Pport – first round”. Sono stati, infatti, 96 gli atleti di diverse discipline sportive premiati in Comune. Si tratta di un primo appuntamento, voluto dall’assessorato allo sport guidato da Domenico Di Molfetta per presentare e far conoscere alla città i risultati di spicco, con eccellenze di livello nazionale tanto negli sport individuali che in quelli di squadra, che sono stati ottenuti da foggiani in questi primi mesi della stagione sportiva 2024. Una sorta di numero zero di un evento che è volontà dell’Amministrazione Episcopo consolidare e rendere un appuntamento fisso, per riconoscere il giusto valore al meritorio impegno, corredato di successi, di centinaia di atlete e atleti foggiani di diverse età, in attività sportive che non sempre riescono a raggiungere gli onori della cronaca che meriterebbero.
A fare da testimonial a questo primo appuntamento due riconosciute eccellenze nazionali dello sport cittadino: il pilota automobilistico Lucio Peruggini, più volte campione italiano Gran Turismo, e l’olimpionica della sciabola Martina Criscio.
“Quella di oggi è una involontaria ma significativa coincidenza – ha rimarcato l’assessore Di Molfetta nel corso del suo intervento introduttivo. Questa manifestazione giunge nelle stesse ore in cui tutta la città è in apprensione per le sorti della squadra di calcio. Come Amministrazione siamo impegnati senza sosta per assicurare la continuità sportiva al Foggia Calcio, ma al tempo stesso oggi, come città, tributiamo il doveroso riconoscimento a questi atleti, che portano in alto il nome di Foggia e che lavorano e fanno spesso sacrifici certo non inferiori a quelli di altri sport più celebrati”.
“Ogni vittoria, ogni podio e ogni riconoscimento conquistato - afferma la sindaca Maria Aida Episcopo - è un traguardo che rende onore alla nostra comunità. È la dimostrazione che con passione e determinazione si possono superare tutte le sfide. A tutti gli sportivi della nostra città, ai loro allenatori, alle famiglie e a tutti coloro che li sostengono va il plauso e la gratitudine della nostra città. L’esempio di queste ragazze e di questi ragazzi deve essere un faro di speranza e di orgoglio per tutta Foggia”.
Alla manifestazione, acconto agli atleti premiati, anche i dirigenti delle società sportive e i rappresentanti delle federazioni sportive, degli enti di promozione e del Coni.
Gli sport presi in considerazione in questo primo appuntamento sono: atletica leggera; automobilismo; basket; calcio femminile; ginnastica; karate; lotta; nuoto; pugilato; scacchi; scherma; taewkondo; tiro con l’arco. Premiazione anche per gli atleti che hanno ottenuto risultati nelle discipline paralimpiche.

Elenco Premiati
ATLETICA SOCIETA'
SAVERIO STELLATO US FOGGIA SNA
STEFANO DANIELLO
LUIGI GIAMBATTISTA
LOSURDO LEANDRO
ELISABETTA SILVESTRIS TECNICO
MARTINA LUSACHEK US FOGGIA
IVANO DEL GROSSO TECNICO
GENTILE VITTORIO US FOGGIA
MIMMO DI MOLFETTA TECNICO
ROMEO TIGRE US FOGGIA
ROMEO BRUNO PODISTI DI CAPITANATA
AUTOMOBILISMO
LUCIO PERUGGINI ACI SPORT- FERRARI TEAM
BASKET
NICOLA PADALINO, CUS FOGGIA
EUGENIO PADALINO, CUS FOGGIA
MARCO DELL’AQUILA, CUS FOGGIA
GIOVANNI CHIAPPINELLI, CUS FOGGIA
ENRICO LIOCE, CUS FOGGIA
CRISTIAN MARINELLI, CUS FOGGIA
GIUSEPPE ALIBERTI, CUS FOGGIA
FRANCESCO MORELLI, CUS FOGGIA
ANDREA DELL’AQUILA, CUS FOGGIA
KEVIN PODIO, CUS FOGGIA
DAVIDE OLIVIERI, CUS FOGGIA
FRANCESCO IANZANO, CUS FOGGIA
JACOPO SEBASTIO, CUS FOGGIA
CARLO ZAGNI. CUS FOGGIA
SANDRO CICCONE " CUS FOGGIA
CALCIO FEMMINILE
CALITRI ANNA

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

ciaUna decisione che andrebbe contro gli interessi di cerealicoltori e consumatori
Sicolo: “Siamo sorpresi e sconcertati per l'ennesimo rinvio”

“Siamo sorpresi e sconcertati per l'ennesimo rinvio di Granaio Italia che rappresenta la vera urgenza per la salvaguardia della sovranità alimentare”. Gennaro Sicolo, presidente regionale e vicepresidente nazionale CIA, esprime con chiarezza la sua preoccupazione su una possibile proroga a scapito delle imprese della filiera cerealicola e dei consumatori. “C’è ancora qualche oscura organizzazione agricola o industriale o politica che rema contro? E vorrebbe procrastinare l’avvio del Registro Telematico per il grano e l’attivazione di Granaio Italia? Sarebbe sbagliato e gravissimo oscurarlo nel D.L. Agricoltura, perché tutto questo andrebbe contro gli interessi e le battaglie portate avanti dagli agricoltori. Proprio quando l’attivazione di Granaio Italia sembrava finalmente vicina, non vorremmo che qualcuno voglia far slittare tale importante provvedimento. Chi punta su una proroga deve essere consapevole che sta agendo contro i cerealicoltori e i consumatori. Basta rinvii o ripensamenti rispetto a quanto già concordato nei tempi e nelle sedi opportune”.
Si rischia di cancellare in un solo colpo l’ottimo lavoro di raccordo e di mediazione compiuto a livello istituzionale e all’impegno continuo e determinato proprio di CIA Agricoltori Italiani.
“Nessuno remi contro l’attivazione di Granaio Italia, perché è una misura fondamentale per tracciare con precisione tutto il grano prodotto sul suolo nazionale e anche quello che arriva dall’estero, analizzando e stabilendo l’identità, la provenienza e la salubrità del frumento immesso sul mercato”, spiega Sicolo.
“Migliaia di agricoltori, nelle scorse settimane, sono scesi in piazza in Italia e in tutta Europa. Gli agricoltori italiani hanno chiesto l’immediata attivazione di Granaio Italia. L’attesa e le aspettative di quegli agricoltori che si sono mobilitati, promuovendo una petizione popolare condivisa da tanti firmatari e che hanno visto l'adesione delle amministrazioni comunali e di rappresentanti istituzionali ad ogni livello, non vanno tradite”.

Ufficio Stampa Cia Puglia
Francesco Quitadamo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

cgil

Apprendiamo dalla stampa di un recente sgombero di un insediamento informale di lavoratori stranieri presso la masseria Frangipane a Stornara.
È evidente, e forse superfluo, sottolineare che come CGIL e come ARCI da sempre ci battiamo per il superamento di questi ghetti che non hanno, va ripetuto con fermezza, i requisiti minimi di decenza e vivibilità per chi in tali contesti ci vive, o per meglio dire ci sopravvive. Ma va altresì sottolineato che dovrebbe prevalere uno spirito di concertazione e condivisione dei percorsi nell’affrontare tali problematiche.
Il senso della concertazione è farsi carico, tutti insieme, di una condizione e dare ognuno un contributo fattivo per individuare soluzioni che da un lato siano dignitose per chi viene sgomberato, e che dall’altro evitino uno spostamento meramente geografico di un ghetto.
La domanda che ci poniamo e che poniamo agli Amministratori di Stornara, in primis al Sindaco, che ha sottolineato soddisfatto il grande risultato, è: adesso quelle persone dove si sono accampate? il nuovo ghetto dove è sorto?
Domande che non sono polemiche e le risposte tutt'altro che scontate.
In passato abbiamo già assistito a sgomberi forzosi di ghetti (per citarne il più importante, quello del Gran Ghetto) che dopo l'intervento delle ruspe e dell’esercito, spenti i riflettori, è rinato, si è rinforzato ed oggi conta molte più persone di quante ce ne fossero all’inizio.
Le nostre osservazioni, quindi, non sono fuori luogo e sono poste nell’interesse della collettività e della comunità dei 5 Reali Siti.
Pensiamo che la concertazione sia un ottimo esercizio di democrazia applicata e che serva proprio per risolvere i problemi e non spostarli temporaneamente o fisicamente in altri luoghi. Auspichiamo che tutti gli Amministratori locali (non solo quelli di Stornara) valutino positiva la concertazione e che finalmente si inizi ad esercitare per il bene di tutti.
Daniele Calamita, coordinatore Cgil 5 Reali Siti
Domenico Rizzi, Presidente provinciale ARCI

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

galleriaRichiesta urgente di verifica della compatibilità della chiusura al traffico della galleria PASSO DEL LUPO con le molteplici esigenze del territorio.
I Sindaci dei comuni interessati e sopraelencati, sottoscrittori della presente richiesta, in riferimento all’ultima ordinanza ANAS del 22.04.2024 che dispone nuovamente la chiusura della galleria “PASSO DEL LUPO” (dal 07/05/2024 al 03/08/2024 e dal 09/09/2024 al 30/11/2024), avvertono l’esigenza di esporre quanto segue, in difesa e nell’interesse delle comunità che hanno l’onore e l’onere di rappresentare, interpretando disagi ed esigenze che interessano direttamente e di riflesso i territori amministrati dislocati tra le regioni Puglia, Molise, e Campania.
Gli scriventi ben comprendono l’esigenza di continuare i lavori avviati al fine di completare le lavorazioni improcrastinabili ed indispensabili alla messa in sicurezza della galleria Passo del Lupo. Al contempo COMUNE DI SAN BARTOLOMEO IN GALDO Protocollo Partenza N. 4760/2024 del 04-05-2024 Doc. Principale - Class. 2.1 - Copia Del Documento Firmato Digitalmente apprezzano l’impegno assunto dall’ANAS di procedere con lavorazioni su due turni per complessive 20 ore di lavoro al giorno per 7 giorni a settimana, al fine di ridurre in modo significativo i tempi delle lavorazioni.
Comprendono, altresì, che dette lavorazioni non possono avvenire lasciando la strada aperta al traffico veicolare.
Tuttavia, le chiusure di cui all’attuale ordinanza confliggono gravemente con le molteplici esigenze del territorio. Sfuggono i motivi e le ragioni poste alla base della individuazione dei periodi di chiusura che si rivelano fortemente penalizzanti. Si fa fatica a comprendere il procrastinarsi di dette lavorazioni, la frequente diluizione dei vari cronoprogrammi e di conseguenza, il mancato rispetto dei tempi stabiliti.
Ogni volta abbiamo comunicato ai nostri concittadini i tempi di chiusura e di riapertura, a volte disattesi. Quotidianamente, da tempo, cerchiamo di sedare gli animi di comunità esasperate, di lavoratori pendolari a dir poco arrabbiati e di imprese economicamente messe a dura prova.
In un territorio che vive principalmente di agricoltura, la chiusura nel periodo di maggiori spostamenti necessari per completare il ciclo produttivo, le lavorazioni colturali, rappresenta una grave limitazione. Ma una corretta analisi costi benefici, ha mai preso nella giusta considerazione il sacrificio (economico, ambientale, energetico, etc…) richiesto alle nostre comunità e alle nostre economie chiudendo la galleria da maggio ad agosto?
L’anno scorso, durante una video conferenza, ANAS PUGLIA nel presentarci i lavori a farsi, affermò che occorrevano 4-5 mesi di tempo per installare le centine. Tempi che, sostenne ANAS, potevano ridursi raddoppiando i turni di lavoro. E questo, esattamente questo, abbiamo comunicato alle nostre comunità. Salvo poi ritrovarci a Natale scorso, alla riapertura al traffico della galleria, con meno di 1/3 di centine montate.
E’ reale la preoccupazione, nostra e dei cittadini, per la durata dei lavori ed i conseguenti disagi. È per questo che, con la presente, i suddetti sindaci CHIEDONO A GRAN VOCE:
- Di convocare, presso il Ministero delle Infrastrutture, un tavolo tecnico con i soggetti in indirizzo per concordare un nuovo cronoprogramma compatibile con le esigenze del territorio innanzi riferite, anche al fine di individuare percorsi alternativi, esistenti e da allestire all’uso, a ridosso della galleria, da destinarsi al transito dei mezzi agricoli e del traffico veicolare leggero.
- Nelle more, chiedono di non dar seguito all’ordinanza in questione. La presente richiesta appare equilibrata e mediata tra esigenze del territorio ed esigenze di cantiere e consentirebbe, a parere degli scriventi, di sedare nuovamente gli animi di un territorio di per sé già martoriato e sicuramente non aiutato da lavorazioni a singhiozzo che, per quanto necessarie, fino ad oggi hanno prodotto pesanti penalizzazioni.
COMUNE DI SAN BARTOLOMEO IN GALDO
Protocollo Partenza N. 4760/2024 del 04-05-2024
Doc. Principale - Class. 2.1 - Copia Del Documento Firmato Digitalmente
Confidando in un positivo accoglimento, anche al fine di scongiurare inevitabili proteste, in attesa di un riscontro,
si porgono distinti saluti.
Dalle rispettive Residenze Municipali, 04/05/2024
F.to
Carmine Agostinelli Sindaco di S. Bartolomeo in Galdo
Angelo PEPE Sindaco di Apice
Lucio FERELLA Sindaco di Baselice
Michele GAMBAROTA Sindaco di Buonalbergo
Andrea GIALLONARDO Sindaco di Castelfranco in M.
Gianfranco MOTTOLA Sindaco di Castelvetere in Valf.
Giuseppe RUGGIERO Sindaco di Foiano di Valfortore
Edi BARILE Sindaco di Ginestra degli Schiavoni
Giuseppe ADDABBO Sindaco di Molinara
Leonardo SACCHETTI Sindaco di Montefalcone in Valf.
Domenico VESSICHELLI Sindaco di Paduli
Nicola DE VIZIO Sindaco di San Giorgio La Molara
Angelo MARINO Sindaco di San Marco dei Cavoti
Zaccaria SPINA Presidente Comunità Montana del Fortore
Giuseppe PITTA Sindaco di Lucera
Vincenzo ZIBISCO Sindaco di Volturara Appula
Mimmo IAVAGNILIO Sindaco di Motta Montecorvino
Luigi PIACQUADIO Sindaco di San Marco La Catola
Pasquale MARCHESE Sindaco di Castelluccio V.
Domenico ZUPPA Sindaco di Pietramontecorvino
Michele PAVIA Sindaco di Faeto
Lucilla PARISI Sindaco di Roseto Valfortore
Noè ANDREANO Sindaco di Casalvecchio di Puglia
Pasquale CODIANNI Sindaco di Casalnuovo Monterotaro
Leonardo CAVALIERI Sindaco di Troia
Stefania RUSSO Sindaco di Bovino
Leonardo DE MATTHAEIS Sindaco di Alberona
Giovanni N. FRANCESCO Sindaco di Castelluccio dei S.
Gianfilippo MIGNOGNA Sindaco di Biccari
Pasquale BIZZARRO Sindaco di Deliceto
Massimo VENDITTI Sindaco di Celenza Valfortore
Pompeo CIRCIELLO Sindaco di Rocchetta Sant’ Antonio
Amedeo DE COTIIS Sindaco di Panni
Vincenzo SARCONE Sindaco di Ascoli Satriano

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)