Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 187 visitatori e nessun utente online

L'abito della sposa.

 

La scelta  dell’abito è uno dei momenti più importanti per la futura sposa perché l’abito è uno delle attrattive nel giorno del matrimonio. Romantico o austero? Bianco o colorato? Lungo o corto? Con velo o senza? In organza, tulle, georgette, mikado, raso, shantung o taffettà?

Bisognerà scegliere con calma documentandosi  con riviste specializzate in abiti da sposa, guardando le vetrine e informazioni preziose si trovano in internet ma la decisione si prenderà nell’atelier dopo aver misurato diversi modelli di abiti, durante le prove saranno valutati: taglio, foggia, tessuto, dettagli, acconciatura.
Bisogna fare attenzione a tante cose per la scelta poichè non sempre è facile.
Si dovrà scegliere in base non tanto a ciò che piace, che spesso è deludente, ma in base al modello che sta  meglio  alla propria figura, ci sono alcuni modelli tra cui scegliere ad esempio quello a balze, quello principessa, quello impero o quello sottoveste e bisognerà scegliere quello più giusto per sé.
La tradizione vuole che l’abito sia bianco ma ci sono tante varianti che vanno dal ghiaccio al panna all’avorio; ma se non si vuole essere conservatrici si possono scegliere abiti dai colori pastello o dai colori sgargianti: l’importante è che sia un colore che metta in risalto la propria carnagione. I tessuti vanno scelti in base anche alla stagione.

L'abito a balze:
Il movimento delle balzecrea l’illusione ottica di un corpo più formoso, con fianchi e vita al punto giusto.
E’ lo stile perfetto perle donne non proprio mediterranee, che hanno la necessità di ricreare delle curve oppure in generale per tutte quelle che non hanno un punto vita ben definitivo, che pertanto rientrano nella categoria “rettangolo”. Questo modello viceversa è da evitare per le ragazze dalle linee morbide, perché i volumi delle balze accentuano le rotondità del corpo. Sconsigliato anche per quelle dalla statura più bassa, perché le sovrapposizioni di stoffa creano dei tagli orizzontali che otticamente accorciano la figura.

Modello Principessa:
E' il più romantico dei vestiti da sposa ed è un modello praticamente intramontabile: spalle scoperte, senza spalline,  gonna ampia da principessa delle fiabe.
E’ perfetto per le donne dal fisico cosiddetto a “pera” o “triangolo”, con busto sottile e fianchi importanti, che saranno ben nascosti sotto la gonna ampia. In generale ha il vantaggio di bilanciare tutta la figura e valorizzare il vitina da vespa.
Solitamente si sconsiglia per le spose pétite, perché l’ampiezza dei volumi non slancia e, anzi, fa sembrare più basse. Inoltre, restando in tema di proporzioni, meglio evitare se abbiamo un busto corto, perché questo abito ne accentuerebbe il difetto. Idem se abbiamo spalle troppo larghe, perché il bustino senza maniche le metterebbe in evidenza, dando l’effetto “nuotatrice”.

Modello a sirena:
Tra gli abiti da sposa è decisamente il più sexy, perché fascia il corpo e mette ben in evidenza le curve. Spesso si accompagna a veli molto lunghi e dall’effetto spagnoleggiante.
Ha un impatto mozzafiato indossato da donne sinuose e dalla tipica forma a clessidra, con vita stretta e curve al posto giusto. Non essendo un abito ampio, tende ad allungare la figura, in modo che la sposa appaia otticamente più alta. Se la gonna si apre all’altezza del ginocchio, dando appunto l’effetto “a sirena”, allora è ideale per quelle che hanno un busto più “forte”, perché il volume della parte inferiore va a bilanciare l’ampiezza delle spalle.
Inutile dire che non è un abito facile da portare: si deve essere formose, ma non troppo, e bisogna avere un punto vita sottile e definito, per accentuare l’effetto “curvy”.
Non dimenticate di abbinare a questo abito un tacco importante, non sotto gli 8 centimetri.

Modello a sottoveste:
Questo modello altro non è che un abito da sera, in versione sposa. La linea semplice e morbida risulta molto elegante ed è ideale per un matrimonio di sera.
Non c’è niente di meglio se si vuole mettere in mostra un fisico perfetto, visto che fascia praticamente tutta la figura. Quanto all’altezza della sposa, possiamo dire che dona sia alle ragazze più slanciate, sia a quelle più piccole di statura, perché l’effetto “colonna” senza volumi allunga le proporzioni.
Considerando il tessuto morbido e avvolgente di cui é fatto, basta poco a “segnare”, quindi si esige un fisico asciutto e proporzionato. In particolare, le braccia devono essere molto toniche, perché saranno in primo piano.
Infine attenzione alla postura: bisogna mantenere un portamento regale altrimenti si rischia l’effetto sciatto, da camicia da notte!

Modello Impero:
E'un modello molto elegante, dalla linea ricadente e sinuosa, che si rifà allo stile neoclassico in voga tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’Ottocento. Il vantaggio di questo abito è la vita alta, che fa subito sembrare più slanciate: ottimo dunque per le spose non proprio altissime. Inoltre è ideale per coloro che hanno un bel decolleté, visto che l’attaccatura sotto al seno ne valorizza le forme e lo porta subito in primo piano. Allo stesso tempo ha il merito di nascondere vita e fianchi, che sono spesso il cruccio di tante donne (e non solo delle spose).
Difetti non sembra averne, ma attenzione al volume della gonna: che non sia troppo ampio, per evitare l’effetto premaman.
Care amiche l'unico consiglio che ci sentiamo di darvi è ..... PROVATENE TANTI!!!!

Gli abiti da sposa

Fiocchi, dettagli colorati e pizzi  gli abiti per le nozze si allontanano dal tradizionale, con qualche eccezione per le spose più classiche. Dobbiamo anche dire che va molto di moda  l'abito corto con variante.. lungo in chiesa che dopo la cerimonia si può trasformare in un abito corto. Si deve anche considerare che con l’abito ci si deve sentire disinvolte e anche gli accessori devono essere abbinati allo stile dell’abito, così come l’acconciatura e il make- up. Il segreto per essere al top è la semplicità come punto di arrivo che non va mai persa di vista tanto per ricordare Oscar Wilde.
Non scegliamo nulla che non ci renda belle.
Sono tornati alla grande sulle passerelle del pret-à-porter  il pizzo, i decori, strass, gioielli, fiocchi e naturalmente i fiori.
Il velo è un dettaglio importante per quello che ha simboleggiato nelle diverse culture ma è anche un segno di romanticismo. Esiste quello a voliera, che copre il viso e viene alzato dallo sposo quando la sposa raggiunge l’altare; quello a cattedrale con lunghezza non meno di tre metri e quello fermato ai polsi che fa da copri spalle: tutti modelli molto suggestivi.
Il cappello: anche il cappello rende la sposa trés chic!