Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 742 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroAVVISO PUBBLICO: PROGETTO SPERIMENTALE DI “AGRICOLTURA SOCIALE” PER LA FORMAZIONE ED INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO DI N. 10 GIOVANI “NEET” di età fino ai 35 anni. PRESENTAZIONE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE.

Il Sindaco avv. Francesco Miglio, l’Assessore alle Politiche Sociali avv. Simona Venditti ed il Dirigente Area II ing. Francesco Rizzitelli comunicano quanto segue:
In attuazione della Delibera di Giunta Comunale n. 20 del 23.01.2019, con cui l’Amministrazione ha inteso per l’anno 2019, implementare ulteriormente gli interventi di inclusione socio-lavorativa già sperimentati dei “cantieri di cittadinanza”, dando avvio ad un progetto sperimentale di “agricoltura sociale della durata di un anno, finalizzato alla formazione e all’inserimento socio-lavorativo di n. 10 giovani “NEET”, per prevenire o recuperare situazioni di disagio e/o devianza sociale, da realizzarsi in convenzione, presso i terreni e le strutture trasformative e ristorative dell’Ente Morale “Michele di Sangro” di San Severo – contrada Santa Giusta, che saranno resi disponibili all’impresa sociale che avvierà il percorso sperimentale;
SI INFORMA CHE
con il presente Avviso, viene indetta la SELEZIONE PUBBLICA per individuare n. 10 giovani di età fino ai 35 anni, aventi le caratteristiche dei cosiddetti giovani “NEET”, e cioè che siano in possesso delle seguenti caratteristiche:
REQUISITI DI ACCESSO
Il richiedente deve essere in possesso delle seguenti condizioni: cittadinanza italiana o comunitaria ovvero possesso del permesso di soggiorno da almeno 12 mesi; residenza da almeno un anno nel Comune di San Severo alla data della domanda; età non inferiore ai 18 anni e non superiore ai 35 anni; disoccupato e non percettore di trattamenti ASDI, NASPI ecc. ed iscrizione presso Centro per l’impiego; ovvero, inoccupato (non aver mai avuto accesso al mercato del lavoro); ovvero, persona in condizione di specifiche fragilità economica e sociale, già presa in carico dal Servizio Sociale Professionale del Comune; non essere titolare di partita IVA attiva negli ultimi 12 mesi;
ed inoltre: non essere iscritto a scuola, né all’Università e non seguire corsi di formazione o aggiornamento professionale; non essere inserito in progetti di Servizio Civile; essere motivato a partecipare ed impegnarsi nel progetto sperimentale per tutta la durata di un anno, avente le caratteristiche di formazione e di inserimento socio-lavorativo nel campo dell’agricoltura sociale in qualità di addetto alle attività agricole e/o produttive, trasformazione e somministrazione degli alimenti;
PUNTEGGI E FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA
Alle domande presentate entro il termine di scadenza, verranno assegnati i seguenti punteggi per la formazione della graduatoria per la selezione dei n. 10 giovani “NEET” beneficiari, con priorità a giovani che provengono da contesti familiari di disagio socio-economico:
a) punteggio in base all’ ISEE del proprio nucleo familiare:
 ISEE da € 0,00 ad € 5.000,00 = punti 3
 ISEE da € 5.000,01 ad € 10.000,00 = punti 2
 ISEE da € 10.000,01 ad € 15.000,00 = punti 1
 ISEE oltre € 15.000,00 = punti 0
b) punteggio in base alla propria condizione socio-familiare:
 giovani genitori con figli, coppia senza figli oppure giovani che vivono da soli = punti 1
 giovani conviventi nel nucleo familiare di origine = punti 0
c) punteggio in base alla condizione disagio sociale:
 giovani che appartengono a nuclei familiari in carico al Servizio Sociale Professionale = 2 punti
d) punteggio in base al risultato del colloquio motivazionale:
I giovani che hanno presentato regolare domanda, verranno convocati per un colloquio motivazionale volto a verificare l’attitudine personale ad impegnarsi nel campo dell’agricoltura sociale in qualità di addetto alle attività agricole e/o produttive, manipolazione e trasformazione e somministrazione degli alimenti, e l’effettiva volontà di portare a termine il progetto per l’intera durata di un anno, con le modalità che saranno previste dal progetto operativo:
 punti = da 0 a 4
Per la graduatoria di accesso, in caso di parità di punteggio:
 verrà data precedenza ai giovani che appartengono a nuclei familiari in carico al Servizio Sociale Professionale;
 in caso di ulteriore parità, verrà data precedenza in base alla data di presentazione della domanda.
In data 18 marzo 2019 sara’ pubblicato sul sito web del Comune, il calendario dei colloqui motivazionali che si svolgeranno nei giorni seguenti, senza ulteriore avviso.
Si precisa che i giovani che non si presenteranno al colloquio avranno punteggio 0 rispetto al punto d).
La graduatoria dei punteggi assegnati alle domande, sarà definita dalla commissione ah hoc costituita e verrà pubblicata in apposita sezione, per 15 giorni sito web del Comune di San Severo: www.comune.san-severo.fg.it
Ai giovani che hanno presentato domanda, verrà dato riscontro dell’esito, mediante la sola pubblicazione sul sito ufficiale del Comune di San Severo: www.comune.san-severo.fg.it.
MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL PROGETTO
• Verranno inseriti nel progetto, quali beneficiari, i primi n. 10 giovani “NEET”, come risultanti nella graduatoria in ordine di punteggio decrescente;
• Eventuali sostituzioni, a seguito di rinunce, potranno essere effettuate solo entro i primi tre mesi di operatività del progetto;
• il progetto è finalizzato alla formazione e all’inserimento socio-lavorativo di n. 10 giovani “NEET” di età fino ai 35 anni;
• il progetto avrà la durata di un anno e verrà espletato, tramite apposita convenzione, presso i terreni e le strutture trasformative e ristorative dell’Ente Morale “Michele di Sangro”, ubicato in contrada Santa Giusta a San Severo, per produrre ed attivare il consumo di prodotti agricoli a km zero, presso le strutture ristorative dello stesso Ente Morale ed eventualmente, anche per fornirli ai servizi mensa scolastica e mensa domiciliare anziani;
• verrà attuato da un impresa sociale del territorio che verrà individuata attraverso un bando pubblico di coprogettazione, la quale si impegnerà a prendere in carico i n. 10 giovani “NEET” beneficiari;
• i giovani beneficiari, si vincoleranno all’accettazione del progetto esecutivo che verrà presentato dall’impresa sociale;
• per l’attività espletata nel progetto, i beneficiari riceveranno una indennità di partecipazione;
• i beneficiari saranno anche coinvolti e si devono impegnare a partecipare alle attività di formazione dei laboratori interattivi, seminari, iniziative ed incontri di cittadinanza attiva organizzati con il progetto “Made in San Severo”, al fine di costruire maggiore interazione tra le attività promosse dall’Ente ed in una logica di intersettorialità, promosso mediante i Cantieri Innovativi di Antimafia sociale, giusta delibera Giunta Comunale n° 235 del 09.10.2017;
• “la partecipazione al progetto sperimentale di “agricoltura sociale” non configura alcun rapporto di lavoro ed è accompagnata da azioni di orientamento e di formazione finalizzate a favorire l’occupabilità dei soggetti coinvolti”;
TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La domanda di partecipazione va presentata su apposito modello, debitamente sottoscritto e compilato e consegnata entro e non oltre le ore 12,00 di VENERDI 8 MARZO 2019, all’Ufficio Protocollo del Comune – P.za Municipio n. 1, o trasmessa alla seguente PEC: protocollo@pec.comune.san-severo.fg.it, allegando la seguente documentazione, pena esclusione dal bando:
• Copia del documento di riconoscimento del richiedente, in corso di validità;
• Attestazione ISEE corrente completa di D.S.U. del proprio nucleo familiare, in corso di validità per l’anno 2019
• Autocertificazione stato di famiglia;
Al fine di valutare meglio i candidato, in sede di colloqui motivazionale, è importante allegare alla domanda anche il proprio curriculum vitae.
Il modello di domanda ed il bando sono scaricabili dal sito web del Comune di San Severo: www.comune.san-severo.fg.it
Si precisa che la responsabilità dell’esatta compilazione e trasmissione della domanda è esclusivamente a carico del richiedente.
Per informazioni e assistenza alla compilazione della domanda, i giovani potranno rivolgersi:
- presso la nuova sede dell’Ufficio Servizi Sociali - Sportello di cittadinanza – viale Padre Matteo D’Agnone/ang. Via Mascagni: orario dal lunedì al venerdì ore 9 – 11;
Il Comune si riserva la possibilità di non procedere all’inserimento dei beneficiari nel progetto, nel caso di mancata approvazione del bilancio di previsione in corso di formazione 2019-2021, annualità 2019 o per insufficiente capienza del capitolo di spesa.


Il Portavoce
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroAVVISO PUBBLICO: PRESENTAZIONE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE AI PROGETTI COMUNALI “CANTIERI DI CITTADINANZA” ANNO 2019.


Il Sindaco avv. Francesco Miglio, l’Assessore alle Politiche Sociali avv. Simona Venditti ed il Dirigente Area II ing. Francesco Rizzitelli comunicano quanto segue:
in attuazione della Delibera di Giunta Comunale n. 20 del 23.01.2019, con cui l’Amministrazione ha inteso dare continuità alla progettualità dei “cantieri di cittadinanza” comunali per promuovere, in un quadro di politiche integrate, l’inserimento al lavoro nonché sostenere l’inclusione sociale e l’autonomia delle persone in condizioni di fragilità economica e vulnerabilità sociale del nostro territorio, per accogliere anche le istanze dei cittadini, che pur versando in uno stato di difficoltà socio-economica, non possono accedere agli interventi RED e/o REI:
SI INFORMA CHE:
il COMUNE indice la selezione pubblica per individuare n. 20 beneficiari da inserire in 2 progetti della durata di tre mesi ciascuno (10 soggetti per ogni progetto), da predisporre nelle seguenti aree tecniche comunali:
- Area Ambiente (es. pulizia dei giardini, piantumazione, cura del verde, sfasciamento);
- Area Edilizia/Manutenzioni (es. piccole manutenzioni, portierato, facchinaggio, pulizie); REQUISITI MINIMI DI ACCESSO La domanda di inserimento nei progetti può essere presentata dal cittadino, limitata ad un solo componente per nucleo familiare, in possesso di:
o cittadinanza italiana o comunitaria ovvero di permesso di soggiorno da almeno 12 mesi; o residenza da almeno un anno nel Comune di San Severo alla data della domanda; o età non inferiore ai 18 anni; o ISEE corrente del proprio nucleo familiare, in corso di validità, inferiore o uguale ad € 8.154,00 e, che rientri, inoltre, in una delle seguenti condizioni:
o disoccupato e non percettore di trattamenti ASDI, NASPI ecc. ed iscritto presso il Centro per l’impiego; o inoccupato (non aver mai avuto accesso al mercato del lavoro); o persona in condizione di specifiche fragilità economica e sociale, già presa in carico dal Servizio Sociale Professionale del Comune.
SONO ESCLUSI, invece, dalla partecipazione ai suddetti progetti, i soggetti che:
ü siano già coinvolti attivamente come beneficiari in percorsi di lavoro socialmente utile (LSU); ü ovvero, in percorsi di formazione-lavoro di cui al programma nazionale GARANZIA GIOVANI; ü ovvero, in progetti di SERVIZIO CIVILE; ü ovvero in percorsi per l’autonomia e la vita indipendente (PROVI); ü ovvero in nuclei percettori di assegno di cura avendo dichiarato di svolgere la figura del care giver familiare di riferimento per la persona non autosufficiente.
ü INOLTRE, saranno esclusi coloro che siano o abbiamo, nel proprio nucleo familiare componenti che stanno beneficiando della misura RED regionale e/o REI nazionale e del previsto “reddito di cittadinanza” al momento dell’avviamento al progetto; GRADUATORIE DI ACCESSO AI PROGETTI Saranno predisposte n. 5 graduatorie per l’inserimento nei progetti, corrispondenti ai seguenti gruppi prioritari:
a) donne con figli a carico, nel cui stato di famiglia risultino sole e coabitanti con figli;
b) genitori con figli a carico;
c) persone sole;
d) adulti con età superiore ai 55 anni inoccupati o disoccupati da almeno 12 mesi e che non si trovino in una delle condizioni precedenti;
e) persone conviventi con i propri famigliari o con altre persone adulte; Le graduatorie di accesso verranno modulate in base al progressivo ammontare dell’ISEE, presentato all’atto della domanda:
ü in caso di parità di ISEE, verrà data precedenza ai richiedenti con l’indicatore sui redditi ISRE inferiore; ü in caso di ulteriore parità, verrà data precedenza ai soggetti che non hanno mai beneficiato della misura comunale “Cantieri di cittadinanza”; ü in caso di ulteriore parità, verrà data precedenza in base alla data di presentazione della domanda.
Saranno inseriti nei due progetti, le prime 4 persone selezionate idonee per ciascuna delle 5 graduatorie, che hanno presentato regolare domanda di partecipazione al presente Avviso Pubblico.
MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEI PROGETTI
ü i progetti saranno attuati nel corso dell’anno 2019; ü i progetti saranno espletati mediante soggetti terzi, cooperative sociali di tipo B e/o loro Consorzi previste ai sensi della Legge 381/1991 e/o cooperative; ü i soggetti ospitanti dovranno garantire l’assegnazione di un tutor per progetto per azioni di orientamento, accompagnamento e formazione dei beneficiari; ü l’inserimento dei beneficiari avverrà per un solo progetto, per il periodo di TRE mesi, con orario settimanale di 25 ore, collocate nella fascia diurna e distribuite nell’arco della settimana; ü ai beneficiari inseriti verrà corrisposta un’indennità di partecipazione non superiore all’importo mensile di € 485,00 (al lordo delle ritenute di legge), oppure in misura proporzionalmente ridotta in base alle effettive giornate di presenza; ü i beneficiari saranno coinvolti e si impegneranno anche a partecipare alle attività di formazione dei laboratori interattivi, seminari, iniziative ed incontri di cittadinanza attiva organizzati con il progetto “Made in San Severo”, al fine di costruire maggiore interazione tra le attività promosse dall’Ente ed in una logica di intersettorialità, promosso mediante i Cantieri Innovativi di Antimafia sociale, giusta delibera Giunta Comunale n° 235 del 09.10.2017.
ü la partecipazione ai progetti, NON configura alcun rapporto di lavoro ed è integrata da azioni di orientamento e di formazione finalizzate a favorire l’occupabilità dei soggetti coinvolti (ai sensi dell’art. 2 L.R. 7 aprile 2015 n. 14).
COME PRESENTARE LA DOMANDA
La domanda di partecipazione va presentata su apposito modello, debitamente sottoscritto e compilato e consegnata entro e non oltre le ore 12,00 di VENERDI’ 8 MARZO 2019, all’Ufficio Protocollo del Comune – P.za Municipio n. 1, o trasmessa alla seguente PEC: protocollo@pec.comune.san-severo.fg.it, allegando la seguente documentazione, pena esclusione dal bando:
• Copia del documento di riconoscimento del richiedente, in corso di validità; • Attestazione ISEE corrente completa di D.S.U. del proprio nucleo familiare, in corso di validità per l’anno 2019, inferiore o uguale ad € 8.154,00; • eventuale, copia del permesso di soggiorno; N.B. Per poter usufruire di una delle n. 5 condizioni di priorità di accesso, è necessario allegare alla domanda, anche la specifica documentazione attestante la propria situazione, ad es.: autocertificazione stato di famiglia, certificato di disoccupazione e/o inoccupazione da almeno 12 mesi.
Per informazioni, ritiro del modello di domanda e assistenza alla compilazione, i cittadini potranno rivolgersi:
- presso la nuova sede dell’Ufficio Servizi Sociali - Sportello di cittadinanza – viale Padre Matteo D’Agnone/ang. Via Mascagni: orario dal lunedì al venerdì ore 9 – 11;
- oppure, presso le sedi dei CAF del territorio; Si precisa che la responsabilità dell’esatta compilazione e trasmissione della domanda è esclusivamente a carico del richiedente.
Il modello di domanda ed il bando sono scaricabili dal sito web del Comune di San Severo: www.comune.san-severo.fg.it.
ESITI DELLA SELEZIONE
Le n. 5 graduatorie di accesso, saranno definite dall’Equipe integrata di supporto al Servizio Sociale Professionale istituita per il “servizio di assistenza economica” ed approvate ed approvate con Determinazione Dirigenziale del Dirigente dell’Area II – Servizi Sociali e alla Persona.
Ai soggetti ammessi, verrà dato riscontro mediante la sola pubblicazione sul sito ufficiale del Comune di San Severo: www.comune.san-severo.fg.it Il Comune si riserva la possibilità di non procedere all’inserimento dei beneficiari nei progetti, nel caso di mancata approvazione del bilancio di previsione 2019-2021, annualità 2019 o per insufficiente capienza del capitolo di spesa.

Il Portavoce
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

ataf busUna decisione che agevola la mobilità di studenti e pendolari

Rinnovato l’accordo commerciale tra Ferrovie del Gargano e ATAF. I possessori di un titolo di viaggio ferroviario di FerGargano potranno utilizzare la rete dei servizi urbani del comune capoluogo effettuati nell’ambito cittadino. È quanto stabilito nell'incontro tra i vertici delle FerGargano e dell'ATAF: una decisione che sostiene e agevola la mobilità di studenti e pendolari che, ogni giorno, raggiungono la città per i propri impegni. L'obiettivo è soddisfare le esigenze di mobilità dei viaggiatori, favorendone gli spostamenti.
«Un servizio che sempre più viene incontro alle esigenze dei viaggiatori – commenta il dott. Vincenzo Germano Scarcia, Presidente di Ferrovie del Gargano – perché da tempo sposiamo la filosofia di modalità di trasporto integrato per offrire maggiori servizi alla nostra clientela. Esperienza che a Foggia si rinnova ormai da circa un decennio e che i nostri viaggiatori continueranno a fruire per il futuro. Migliorare l’offerta di mobilità per i viaggiatori è il primo obiettivo di una azienda di trasporto. Una proposta che colloca Foggia nel ristretto novero delle città italiane in cui tale agevolazione è già in essere. Crediamo molto in questo genere di offerta, ecco perché abbiamo rinnovato l'Accordo con ATAF che si è sempre dimostrata un partner affidabile».
A Foggia ma anche a San Severo: sugli autobus urbani si viaggia possedendo un titolo di viaggio ferroviario FerGargano. «È vero – aggiunge il dott. Germano Scarcia – chi ha un abbonamento o un biglietto ferroviario potrà viaggiare anche sulla rete dei servizi urbani di San Severo gestita da FdG».

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

strada statale 30Mercoledì 6 febbraio assemblea aperta di presentazione del progetto definitivo di ammodernamento della SS. 16 San Severo – Foggia.


Mercoledì 6 febbraio 2019, presso la Sala Consiliare “Luigi Allegato” di Palazzo Celestini – Residenza Municipale – con inizio alle ore 17,30, si terrà una assemblea aperta alla cittadinanza di presentazione del progetto definitivo di ammodernamento della SS. 16 tratto San Severo – Foggia.
Intervengono:
avv. Francesco Miglio – Sindaco di San Severo;
ing. Matteo Castiglioni – Responsabile Coordinamento territoriale ANAS SPA;
ing. Carmine Marro – Responsabile Unico del procedimento.
All’Assemblea sono invitati tutti i componenti della Giunta Municipale, tutti i consiglieri comunali, il mondo associazionistico locale, la cittadinanza tutta.
“ANAS ha pianificato un intervento, per una spesa di 130 milioni di euro, finalizzato a migliorare la sicurezza – dichiara il Sindaco Miglio -, nonché i livelli di servizio della S.S. 16 “Adriatica”, mediante adeguamento del tratto compreso tra Foggia e San Severo dal km 670+500 (allaccio tangenziale di Foggia) al Km 650+000 (allaccio tangenziale di S. Severo). L’intervento si sviluppa per circa 20,5 km. Il progetto prevede un adeguamento in sede, con la scelta di una sezione trasversale ad una corsia per senso di marcia. Inoltre al fine di migliorare gli standard di sicurezza è stata prevista la realizzazione di viabilità di servizio in affiancamento all’asse viario principale per consentire l’accesso ai fondi da parte dei privati che, pertanto, avranno piena autonomia negli spostamenti locali senza interferire con il traffico della S.S. 16. Il progetto preliminare era stata già presentato nel mese di ottobre del 2017”.

Il Portavoce
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

uniIl M.I.U.R. ne ha autorizzato il conferimento, da stabilire la data in cui l’ex campione mondiale e olimpionico sarà a Foggia per la cerimonia.
Su iniziativa del corso di laurea in “Scienze delle attività motorie e sportive”, accolta dal Ministero la proposta di riconoscere l’impegno
«che l’atleta ha profuso anche in favore di giovani socialmente a rischio».

«Per il profilo agonistico che ne ha caratterizzato la carriera in ambito nazionale e internazionale; per il notevole contributo reso allo sport sia come atleta che come allenatore; quindi per l’importante impegno profuso in favore dei giovani socialmente a rischio». Questa la motivazione alla base dell’autorizzazione ufficiale, rilasciata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, al conferimento della laurea honoris causa in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate (Classe LM-67) all’ex pugile Patrizio Oliva.
Proposta dal prof. Pietro Mango (in qualità di professore associato di Metodi e didattiche delle attività sportive), il conferimento della honoris causa a Patrizio Oliva ha osservato il consueto iter accademico e amministrativo, venendo approvata prima dal consiglio del Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale nella seduta del 29 marzo 2018, e successivamente dal Senato accademico dell’Università di Foggia l’11 aprile 2018. Infine, lo scorso 18 dicembre, il decisivo pronunciamento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Dunque Patrizio Oliva sarà dottore in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate, la stessa laurea conseguita dall’ex calciatore e oggi allenatore Antonio Conte (che però ha compiuto regolare carriera universitaria, laureandosi all’Università di Foggia il 23 ottobre 2008 con valutazione finale di 110 e Lode). Cavaliere dell’Ordine di Malta e Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, Patrizio Oliva è stato soprattutto un grande pugile: probabilmente uno dei più grandi nella storia della boxe italiana. Dopo una brillante carriera da dilettante culminata nel titolo europeo della categoria “Leggeri” (1978), due anni dopo ha conquistato la medaglia d’oro e il titolo di campione olimpionico a Mosca (1980) della categoria “Superleggeri”. Diventato pugile professionista, dopo aver conseguito 93 vittorie in 96 incontri Patrizio Oliva è stato anche campione europeo (1983) della categoria “Superleggeri”, quindi campione del mondo (1986) della categoria “Superleggeri” e, infine, campione europeo (1990) della categoria “Welter”. Abbandonato il ring con un palmares da professionista di 57 vittorie in 59 incontri, come allenatore è stato a lungo Commissario tecnico della nazionale italiana di pugilato, ottenendo il grande risultato – tra i molti altri successi conseguiti – di ben 5 medaglie d’oro, 2 d’argento e 2 di bronzo ai Giochi del Mediterraneo di Bari (1997). Molto attivo anche al di fuori del ring, Oliva si è distinto per il recupero di giovani atleti dalle possibili devianze sociali e dal consumo di sostanze stupefacenti: un’attività che, molto spesso, l’ha portato nelle scuole e nelle università a parlare del profilo più nobile dello sport, del suo aspetto aggregante, formativo ed educativo anche in assenza di risultati, vittorie e profitti. «Sarà un’importante occasione di confronto anche per i nostri studenti – spiega il prof. Lorenzo Lo Muzio, direttore del Dipartimento Medicina clinica e sperimentale – una giornata in cui saranno al centro i valori dello sport e la sua straordinaria forza rivoluzionaria, ovviamente intesa in senso positivo. Gli studenti in “Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate” saranno contenti di ascoltare, dalla viva voce di un campione come Patrizio Oliva, la testimonianza di chi ha inseguito un sogno fino a raggiungerlo, fino a realizzarlo. L’amore per lo sport ha segnato gran parte della sua vita, ma altrettanto lodevole è stato il suo impegno sociale concretizzatosi nel recupero di ragazzi difficili attraverso la boxe e lo sport in genere, dimostrazione concreta dell’amore per la sua terra. La sua vita è un esempio di come lo sport possa essere uno dei più efficaci mezzi di inclusione e aggregazione per i ragazzi, soprattutto per quelli che sono cresciuti in un ambiente povero e governato, direttamente o indirettamente, dalla criminalità. Lo sport e la cultura possono salvare i giovani dalla strada».
Resta da stabilire, insieme al neo laureato dell’Università di Foggia, la data della cerimonia del conferimento, che potrebbe verosimilmente avvenire entro la prossima primavera.«Abbiamo fatto diversi investimenti per il corso di laurea in “Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate”, a cominciare dalla ristrutturazione dei luoghi in cui lezioni e attività si tengono ogni giorno. Abbiamo investito risorse che forse mai prima erano state investite, a conferma del fatto che abbiamo compreso pienamente le potenzialità di un corso di laurea che attrae studenti anche da altre regioni italiane. La giornata con Patrizio Oliva rientra in una serie di iniziative collaterali a questo impegno, nella speranza che questo corso possa essere definitivamente valorizzato, come merita, anche dalle istituzioni locali e territoriali: “Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate” è un corso di laurea che non tutte le università possono vantare di avere, rappresenta dunque una prerogativa che dev’essere sfruttata al meglio anche dalla componente sociale che circonda l’istituzione accademica. Il nostro impegno, a sostegno di questo corso, è dimostrato dalle molte iniziative, come il riconoscimento della doppia carriera Studente/Atleta che consente a diversi universitari, per la più parte iscritti proprio a “Scienze motorie”, di continuare a coltivare anche a livello agonistico gli sforzi e gli impegni che profondono nello sport senza per questo dover rinunciare al loro desiderio di studio».

Davide Grittani

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)