Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 401 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vicoLo storico edificio tra i 41 siti italiani che partecipano al Global Greening

VICO DEL GARGANO Il Palazzo della Bella, a Vico del Gargano, sarà tra i 41 siti monumentali d’Italia (e i 400 luoghi di tutto il mondo) a rappresentare il Bel Paese durante il “Global Greening 2021”, evento mondiale promosso dal Turismo Irlandese per festeggiare San Patrizio, patrono dell’Irlanda. Il Palazzo della Bella, mercoledì 17 marzo, dalle ore 21 sarà illuminato di verde. Vico del Gargano parteciperà all’iniziativa poiché il paese è parte integrante de I Borghi più belli d’Italia, l’associazione che promuove il pregio storico-architettonico e l’interesse turistico-naturalistico delle località italiane d’eccellenza. Lo scopo dell’iniziativa, che si svolge da 11 anni, è di consolidare i rapporti di amicizia con l’Irlanda. L’adesione del Comune di Vico del Gargano all’evento e l’organizzazione delle attività inerenti all’illuminazione dello storico palazzo vichese sono stati coordinati da Porzia Pinto, consigliera comunale con delega a “I Borghi più belli d’Italia”. “In questi giorni”, ha dichiarato Porzia Pinto, “grazie al Global Greening e alla comunicazione che sta lanciando l’evento in ogni parte del mondo, anche Vico del Gargano e Palazzo della Bella saranno promossi e menzionati come luoghi d’interesse storico-architettonico da scoprire e ammirare. L’evento è stato organizzato prima che in Puglia e in gran parte dell’Italia fossero applicate le restrizioni della zona rossa per contrastare l’aumento dei contagi da Covid-19, dunque illumineremo Palazzo della Bella come segno di speranza, con l’auspicio che la campagna vaccinale e i sacrifici delle prossime settimane siano il viatico per arrivare realmente a vedere la luce alla fine di una lunga e dolorosissima emergenza pandemica”, ha spiegato Porzia Pinto. Le foto e i video del palazzo illuminato saranno pubblicati sui canali social ufficiali del Comune di Vico del Gargano.
“Abbiamo aderito”, ha aggiunto il sindaco Michele Sementino, “perché la promozione del nostro patrimonio culturale e il turismo sono estremamente importanti per Vico del Gargano. Viste le restrizioni da zona rossa, in pochi potranno vedere Palazzo della Bella illuminato di verde per l’occasione, ma l’iniziativa conserva un significato simbolico e augurale molto importante”. Costruito ad opera di Ignazio Della Bella, lo storico palazzo vichese ripropone l’architettura neo-gotica di Palazzo Vecchio a Firenze. Si sviluppa su due piani, delimitati da due torri circolari più piccole e dalla maestosa Torre che domina il palazzo. Si tratta di uno dei simboli di Vico del Gargano, posto nel cuore del borgo.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

orsara
Pavimentazione con basolato in pietra lavica, interventi su due fontane monumentali

ORSARA DI PUGLIA Corso della Vittoria, a Orsara di Puglia, avrà una nuova pavimentazione, quella vecchia sarà sostituita da basolato in pietra lavica più resistente e in grado di stabilire una migliore continuità e uniformità sia con le tipologie che caratterizzano la parte alta della stessa arteria e Corso Vittorio Emanuele. I lavori cominceranno lunedì 15 marzo. In questa opera di riqualificazione, che riguarderà anche la Fontana dell’Angelo e quella di piazza San Pietro, saranno utilizzati 359.585 euro rinvenienti dall’accordo di compensazione ambientale sottoscritto con la società Margherita. “Il tratto interessato dai lavori”, ha spiegato il sindaco Tommaso Lecce, “è quello compreso tra l’incrocio con via XX Settembre e via Borgo Nuovo. Saranno sistemate e riqualificate anche le aree adiacenti”. Da lunedì 15 marzo, il tratto interessato dai lavori di ripavimentazione sarà chiuso al transito. In prossimità del cantiere, inoltre, divieti di sosta e di fermata permetteranno a tecnici e operai di lavorare senza intralci. Saranno invece garantiti i percorsi pedonali lungo tutta la zona interessata. Corso della Vittoria è una delle vie principali di Orsara di Puglia. E’ la via lungo la quale si trovano bar, locali della ristorazione, esercizi commerciali di ogni tipo. Essa, inoltre, conduce alla Chiesa Valdese e alla Chiesa di San Nicola, fino a trovare sbocco in Piazza Municipio, laddove sorgeva l’antico palazzo municipale di Orsara di Puglia. “I lavori per la ripavimentazione e la riqualificazione del principale asse viario del nostro centro storico, che cominceranno lunedì, assicureranno a Corso della Vittoria un aspetto e una percorribilità migliori. Un aspetto importante riguarda anche la sicurezza dei pedoni, poiché in diversi punti la vecchia pavimentazione cominciava a presentare criticità. L’intervento sarà importante anche dal punto di vista dell’arredo urbano e dell’aspetto complessivo di una delle zone più importanti del paese. Anche la Fontana dell’Angelo e quella di Piazza San Pietro saranno oggetto di un intervento di riqualificazione”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

campo
Dichiarazione del presidente della Commissione Ambiente Paolo Campo

La vigilanza ambientale è una funzione essenziale su cui investire attenzione istituzionale e risorse. È l'unanime orientamento emerso nel corso della riunione della Commissione Ambiente svoltasi ieri e conclusasi, su mia proposta, con la richiesta di audizione dell'assessore al Personale per promuovere il riallineamento degli organici degli uffici territoriali, l'implementazione della dotazione tecnica, l'organizzazione di corsi professionali.
Come in tante aree della pubblica amministrazione, il blocco del turn over ha impedito la sostituzione puntuale degli ex dipendenti delle Province trasferiti nell'organico della Regione Puglia e andati in pensione.
Di qui la difficoltà a garantire livelli adeguati di efficienza ad un servizio sempre più decisivo a tutela dell'ambiente, di sostegno alle istituzioni territoriali e di ausilio alle associazioni e alle organizzazioni di rappresentanza di interessi diffusi.
Con spirito costruttivo e collaborativo, i consiglieri regionali che compongono la Commissione Ambiente intendono affiancare la Giunta nella ricerca dell'indispensabile soluzione strutturale ad un problema che sarà inevitabilmente aggravato dai pensionamenti già programmati.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA L’INSTALLAZIONE DI TRE PANCHINE LETTERARIE NEI PRESSI DELLA BIBLIOTECA MINUZIANO.

La Giunta Comunale, presieduta dal Sindaco Francesco Miglio, ha da poco deliberato l’installazione di tre panchine letterarie da posizionare nei pressi della nostra Biblioteca Comunale “Alessandro Minuziano” in Largo Sanità. La proposta dell’Assessore alla Cultura e Pubblica istruzione Celeste Iacovino prevede una personalizzazione delle tre panchine: la prima sarà dedicata all’opera di Nino Casiglio, scrittore e già Sindaco di San Severo, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita; la seconda a Dante Alighieri di cui ricorre quest’anno il settecentenario dalla sua scomparsa; la terza sarà realizzata con il progetto grafico che risulterà vincitore del concorso che viene istituito per gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, dal titolo “Il futuro che vorrei”.
“Siamo particolarmente felice del concetto di realizzazione di queste panchine – dichiara il Sindaco Miglio – in un’area, come quella di Largo Sanità che si caratterizza come quella della Cultura. Non poteva, inoltre, passare inosservata la ricorrenza dei cento anni della nasciata di un grande ed illustre figlio di San Severo come Nino Casiglio”.
“L’installazione di queste panchine - dichiara l’Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione Iacovino - ha un valore simbolico molto importante, in quanto oltre all’aspetto estetico e funzionale, esse rappresentano un valido strumento di promozione culturale e del territorio. Inoltre, l’invito rivolto ai nostri studenti a partecipare ad un concorso per realizzare un progetto grafico di una panchina diventa un modo costruttivo per coinvolgere i nostri giovani cittadini nell’arredo urbano, rafforzandone il senso civico e di appartenenza”.

l’Addetto Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

morte
L’ultimo saluto a Rocco Accettullo, vera istituzione del Complesso Bandistico S.Cecilia
Aveva rilanciato la Banda nel dopoguerra, ha formato generazioni di musicisti

ORSARA DI PUGLIA “Con Rocco Accettullo se ne va un pezzo di storia del nostro paese. Lui ha fatto ed è stato la storia del Complesso Bandistico Santa Cecilia. Zi’ Rocc, come lo chiamavano affettuosamente in tanti, è stato un uomo eccezionale, un’istituzione culturale di Orsara di Puglia”. Sono parole commosse quelle di Tommaso Lecce, sindaco di Orsara di Puglia, nel dare l’addio al “Capobanda”, anima e simbolo della Banda musicale del paese, una delle più antiche del Sud Italia. Rocco Accettullo, i cui funerali si svolgeranno oggi, il prossimo 19 marzo avrebbe compiuto 94 anni. Fin da giovanissimo, le sue passioni erano state due: la musica e il complesso bandistico orsarese. Storico “Capobanda”, ha formato musicalmente generazioni e generazioni di orsaresi. E’ stato tra gli artefici della rinascita della “Banda” dopo la seconda guerra mondiale. Nel 1980, a due secoli dalla fondazione del complesso bandistico orsarese nato nel 1780, assieme a don Michele Pepe fu il “motore” della costituzione dell’Associazione Musicale Santa Cecilia. Il legame con quel sodalizio non si è mai interrotto. Anche oggi, nel giorno più triste, tutti i componenti dell’associazione e della banda hanno voluto rendergli omaggio, tributandogli l’ultimo saluto “a distanza”, oltre a mille pensieri sui social. Se Orsara, ancora oggi, ha una formazione bandistica di tutto rispetto, apprezzata ovunque in Italia e all’estero, lo deve in gran parte proprio alla passione e all’intelligenza trascinanti di Zi’ Rocc, colui che negli ultimi anni non ha mai rinunciato ad aspettare il passaggio della ‘sua’ banda durante tutte le occasioni civili e religiose che vedevano impegnati i musicisti della Santa Cecilia a portare musica nelle strade di Orsara di Puglia. Nel 2021 il Complesso Bandistico Santa Cecilia Città di Orsara di Puglia ha compiuto i suoi primi 241 anni di storia. La banda musicale di Orsara di Puglia, tra mille vicissitudini e ben due guerre mondiali continua a essere un presidio di formazione musicale e culturale anche nel terzo millennio, innovando una tradizione che trae linfa vitale dall’integrazione tra vecchia e nuova guardia. Il Complesso Bandistico di Orsara di Puglia, secondo la documentazione conservata negli archivi dell’associazione, è una delle bande più antiche della Puglia, se non la più antica in assoluto e una delle più longeve d’Italia. Rocco Accettullo ne era particolarmente fiero. Ne è andato orgoglioso per una vita intera, fino alle ultime note che oggi rimandano la melodia di un grato e commosso addio di un’intera comunità per il suo caro Zi’ Rocc.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)