Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 214 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vico Numero verde, personale specializzato e interventi mirati per dare aiuto a chi ne ha bisogno
I servizi saranno attivati a Vico, Cagnano, Carpino, Ischitella, Tremiti, Peschici, Rodi e Vieste
Giovedì 19 ottobre, ore 10, l’illustrazione del progetto nell’aula consiliare di Vico del Gargano

VICO DEL GARGANO In tutti i comuni del Distretto Sociosanitario n.53 sarà presto attivato il PrIns-Pronto Intervento Sociale. L’iniziativa riguarda, dunque, Vico del Gargano (comune capofila), Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Isole Tremiti, Peschici, Rodi Garganico e Vieste. Il progetto sarà illustrato ai cittadini giovedì 19 ottobre 2023, alle ore 10, nell’aula consiliare del Comune di Vico del Gargano. A presentare il progetto e i servizi che saranno attivati ci saranno i responsabili del Consorzio Aranea e della Cooperativa Sociale “Le Radici e Le Ali”.
IL SERVIZIO. L’attivazione del Pronto Intervento Sociale permetterà di garantire interventi urgenti rivolti a ogni area di emergenza sociale. Il PrIns sarà attivo su tutti i comuni dell’Ambito del Gargano. Sarà gestito dal Consorzio Aranea e dalla cooperativa sociale “Le radici e le ali”. Il servizio, attraverso la risposta a un numero verde attivo 24 ore su 24, opererà in regime di emergenza con interventi a favore di persone in condizione di povertà e marginalità. Il personale del PrIns non si sostituisce ai Servizi Sociali Territoriali, alle Forze dell’Ordine e ai Servizi Sanitari locali ma interagisce e collabora in accordo con ciascuno di questi organismi e in sinergia con le Parrocchie e tutte le realtà del volontariato e del terzo settore operanti sul territorio.
UN AIUTO A CHI NE HA BISOGNO. “Si tratta di un servizio molto importante”, spiega Raffaele Sciscio, sindaco di Vico del Gargano, “per questo invito i cittadini a partecipare all’incontro di giovedì. Promuoveremo tra i cittadini di Vico e dell’intero ambito la conoscenza di tutte le informazioni relative a come fruire del Pronto Intervento Sociale, chiarendo a chi è rivolto, come richiederne il sostegno e per quali tipologie di necessità, posto che il PrIns opera su ogni area delle emergenze sociali. Negli ultimi anni, anche a causa delle conseguenze di lungo corso della pandemia da Covid-19, l’area del disagio e delle problematiche legate a povertà e marginalità è diventata molto ampia, coinvolgendo tante famiglie ma anche persone che vivono da sole e che, quindi, non hanno nemmeno il sostegno materiale e morale di una rete familiare. Dare un aiuto a chi ne ha bisogno è doveroso da parte delle istituzioni, occorre dunque dotarsi di strumenti, progetti e azioni adeguate. In tal senso, il Pronto Intervento Sociale può certamente contribuire ad alleviare e in molti casi a risolvere problemi e disagi di tante persone”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

autovelox
ALTA INCIDENTALITÀ’: DAL 21 OTTOBRE INSTALLATO UN AUTOVELOX SULLA S.S. 16 NEL TRATTO SAN SEVERO – FOGGIA.

Il Comune di San Severo – Assessorato alla Polizia Locale e Sicurezza – e il Comando della Polizia Locale informano la cittadinanza che da sabato 21 ottobre sarà installato un dispositivo di rilevazione di velocità – autovelox – sulla strada statale 16.
Il dispositivo sarà installato al km 656+100, tipologia Velomatic 512 D, ai sensi dell’art. 4 comma 2 decreto legislativo 121/02 convertito in Legge 168/02.
La Prefettura di Foggia ha autorizzato la predetta installazione a causa dell’alta incidentalità che si verifica sul tratto di strada della statale 16 che collega San Severo a Foggia. Il dispositivo, installato in direzione sud al km 656 in agro del Comune di San Severo, sarà in postazione temporanea per entrambi i sensi di marcia, in ossequio alle vigenti disposizioni in materia.

Il Responsabile dell’Ufficio Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

tortacompleannoCARLANTINO Ha compiuto 100 anni Maria Rosina Coscia e Carlantino ha avuto modo di festeggiare un’altra centenaria. Maria Rosina è nata a Carlantino il 9 ottobre del 1923. Non si è mai sposata, ha lavorato nei campi per una vita, riuscendo sempre a provvedere a se stessa in totale e piena autonomia. Ha sempre vissuto a Carlantino, tranne in quest’ultimo periodo in cui vive a Foggia assieme a una nipote che le dà un po’ di assistenza e le fa compagnia.
Ha festeggiato i suoi 100 anni assieme a parenti e amici. É andato a festeggiarla anche il sindaco di Carlantino, Graziano Coscia, che le ha consegnato dei fiori e una targa celebrativa “con i migliori auguri di tutta la comunità”. Nonostante qualche acciacco, lo stato di salute di Maria Rosina è complessivamente buono. É riuscita a godersi la festa ed è stata felice per gli attestati di affetto e gli auguri che le sono giunti da tutto il paese.
“Per me”, ha dichiarato il sindaco Graziano Coscia, “festeggiare un centenario è sempre una grande emozione oltre che un onore. Gli anziani sono molto importanti per la nostra comunità. Sono l’affetto dei nostri nonni, la memoria collettiva del paese, hanno lavorato e vissuto in epoche in cui occorreva misurarsi con grandi difficoltà materiali. Possono insegnarci sempre moltissimo”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

schermaCAMPIONATI DEL MONDO MASTER DAYTONA BEACH 2023, GABRIELLA LO MUZIO DEL CIRCOLO SCHERMISTICO DAUNO MEDAGLIA DI BRONZO NELLA SCIABOLA FEMMINILE A SQUADRE

DAYTONA BEACH – La sciabolatrice Gabriella Lo Muzio del Circolo Schermistico Dauno conquista la medaglia di bronzo nella sciabola femminile a squadre ai Mondiali Master in corso di svolgimento a Daytona Beach, negli Stati Uniti, assieme alle compagne Maria Teresa Conconi, Iris Gardini, Marinella Garzini, Nellina Minto e Rosangela Topatigh.
Il team azzurro, seguito dal Maestro Giovanni Sirovich, ha sconfitto nei quarti la Francia col punteggio di 30-24. In semifinale è arrivato lo stop per 30-18 per mano della fortissima squadra di casa, non a caso vincitrice della medaglia d’oro nella finale con la Gran Bretagna: alle Azzurre non sono bastati i successi nei due assalti condotti da Gabriella Lo Muzio, unica a chiudere le sue frazioni con un saldo positivo. Netta invece l’affermazione nella finale per il bronzo contro l’Austria, vinta per 30-16, con Lo Muzio ancora grande protagonista con un doppio successo sull’austriaca Dorothea Tanzmeister.
Per la scherma pugliese il bronzo di Lo Muzio è la terza medaglia della rassegna iridata Master dopo l’oro a squadre e il bronzo nell’individuale della fiorettista Francesca Zurlo dell’Olympia Fencing Club. Nell’individuale Gabriella Lo Muzio ha invece chiuso all’11° posto, fermata all’ultima stoccata negli ottavi dalla tedesca Nicole Thome, poi medaglia di bronzo.

 

Per conto di:
Ufficio Stampa
Federazione Italiana Scherma

 

 

 

 

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

campo
Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale

Migliorare la qualità della vita e degli spazi pubblici è l’obiettivo della proposta di legge che vuole istituire gli ‘Orti di Puglia’ approvata oggi, all’unanimità, dalla V Commissione Ambiente.
Aree in cui “coltivare frutta e verdura, far crescere fiori e piante aromatiche” e, mentre lo si fa si possono seminare e far radicare “buone relazioni, inclusione e integrazione” tra persone di età e culture diverse tra loro che collaborano alla cura di aree comuni, trasmettono saperi e tradizioni da una generazione all’altra, contribuiscono a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.
Toccherà ai Comuni individuare le aree destinate ad ospitare gli orti urbani, collettivi, didattici e socio-terapeutici. Ed è auspicabile lo facciano tra quelle residuali tra una costruzione e l’altra, spesso abbandonate al degrado, ricettacolo di rifiuti, potenzialmente pericolose per la salute pubblica. Al contrario, grazie agli Orti di Puglia potrebbero diventare luoghi di aggregazione e fattori di miglioramento del contesto urbano.
Ad avvalorare la proposta di legge del collega Cristian Casili, ci sono anche i non marginali temi della promozione dell’autoconsumo di cibo e dell’educazione all’alimentazione sana e sostenibile, come dell’utilizzo della pratica agricola a scopo terapeutico.
Una volta che il Consiglio regionale avrà approvato la legge, la Giunta regionale avrà 90 giorni per adottare le linee guida che regolano la creazione degli Orti di Puglia e fissano i criteri di distribuzione dei fondi stanziati con il bilancio per il 2023 che ammontano a 200mila euro l’anno per il 2023-24-25

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)