Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 295 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

manfredonia“Il collegamento Manfredonia-Isole Tremiti sia parte di un nuovo sistema logistico finanziato con la nuova programmazione europea e il PNRR”
Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale

Il 29 luglio parte la motonave che collega Manfredonia alle Isole Tremiti, 14 anni dopo l’ultimo viaggio della ‘Pacinotti’, offrendo la possibilità, si spera a molti, di visitare l’area marina protetta a costi ridotti, 12,50 euro a tratta, grazie al finanziamento della Regione Puglia per l’attivazione del servizio di trasporto pubblico locale.
Lo stanziamento è stato provocato da un mio emendamento alla legge di bilancio per il 2022 accolto dal vicepresidente della Giunta regionale Raffaele Piemontese, reso operativo dall’assessore regionale ai Trasporti Anita Maurodinoia e finalizzato dalla Provincia di Foggia.
Una sinergia istituzionale che pone le premesse alla prosecuzione del servizio oltre la sperimentazione di quest’estate, che terminerà il 28 agosto, e che dobbiamo rendere ancora più fruttuosa definendo, una volta per tutte, come realizzare la connessione veloce e sostenibile tra Manfredonia e Foggia, che sia treno-tram o bus rapid transit, e ripristinando l’operatività della tratta ferroviaria di collegamento dell’area ex Enichem all’area industriale di Foggia-Borgo Incoronata.
Questa programmazione logistica è indispensabile alla rigenerazione urbana della zona compresa tra la vecchia stazione ferroviaria e la villa comunale, fondata sulla rimozione dei binari e il ricongiungimento della città con il water front.
L’attivazione del collegamento con le Isole Tremiti asseconda e valorizza la vocazione turistica di Manfredonia, che abbiamo l’opportunità di trasformare in lavoro e impresa con i fondi della nuova programmazione europea e del PNRR. Questo è il tempo delle scelte, da compiere e realizzare.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

celleNuova illuminazione artistica ed efficientamento energetico anche per Via Fontanelle
Tra gli interventi, anche la messa in sicurezza del ponticello sul canale

Il castello di Celle di San Vito si illumina con i colori verde, bianco e rosso della bandiera italiana. Il progetto è stato finanziato grazie al contributo a fondo perduto pari a 50.000 euro ottenuto dal Capo del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno. Contributo stanziato con una legge del 2019 del Viminale e destinato ai piccoli comuni con meno di 5.000 abitanti. “Dovevamo illuminare il nostro castello e la relativa via sulla quale si affaccia – ha dichiarato la sindaca di Celle di San Vito, Palma Maria Giannini – e, per fare questo, abbiamo pensato ai colori della nostra bandiera per vivere, anche nel nostro piccolo centro, sentimenti di orgoglio, di identità e di appartenenza alla nostra nazione”.
Ma il progetto per l’efficientamento energetico non prevedeva solo interventi sul Castello. Grazie ai 50.000 euro ottenuti, infatti, sono stati effettuati interventi di illuminazione su Via Fontanelle e la messa in sicurezza del caratteristico ponticello sul canale Fontanelle, a ridosso del Centro Visite.
Su via Fontanelle sono stati ripristinati la funzionalità e l’efficientamento dell’illuminazione di un tratto stradale a valle della stessa via. Invece, sul ponte in legno situato sul canale Fontanelle è stata installata una superficie rigata (mediante l’inserimento di listelli in legno) per rendere più stabile la sua attraversata, poiché l’inclinazione sia in salita sia in discesa del ponte poneva problemi di instabilità e di equilibrio per le persone che lo attraversavano.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

disabileCONSEGNATO AL COMUNE DI SAN SEVERO IL VEICOLO ATTREZZATO PER IL TRASPORTO DEI DIVERSAMENTE ABILI DA PARTE DELLA P.M.G. ITALIA S.P.A.

Sobria cerimonia questa mattina in Piazza Municipio a conclusione di un progetto di alta finalità sociale, il “Progetto di Mobilità Garantita”, promosso dal Comune di San Severo in collaborazione con la ditta P.M.G. ITALIA S.p.A.

E’ stato ufficialmente consegnato il veicolo attrezzato per il trasporto dei diversamente abili da parte della ditta PMG Italia SpA. con l’obiettivo di favorire la mobilità delle persone disabili. Il “Progetto di Mobilità Garantita” ha l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone in situazione di disagio e garantire i diritti dei cittadini diversamente abili, anche attraverso una più concreta possibilità di movimento e spostamento in città.
Successivamente il Sindaco Francesco Miglio e l’Assessore alle Politiche Sociali Simona Venditti hanno consegnato attestati di ringraziamento agli sponsor che hanno partecipato alla realizzazione dell’importante progetto.

Responsabile Ufficio Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

mediciNUOVI GINECOLOGI PER L’OSPEDALE MASSELLI MASCIA DI SAN SEVERO. SOTTOSCRITTA CONVENZIONE TRA ASL FOGGIA E CASA SOLLIEVO DI SAN GIOVANNI ROTONDO.


E’ stata sottoscritta ieri pomeriggio a San Giovanni Rotondo una importante e fondamentale convenzione tra ASL Foggia e IRCCS di San Giovanni Rotondo che riguarda la Struttura Complessa di “Ginecologia e Ostetricia” del Presidio Ospedaliero Teresa Masselli Mascia di San Severo. All’incontro hanno preso parte il Commissario Straordinario della ASL Foggia Antonio Nigri, il Direttore Generale dell’IRCCS Michele Giuliani e il sindaco di San Severo Francesco Miglio.
“La sottoscrizione dell’accordo è il frutto di una intensa azione sinergica tra Comune di San Severo, ASL Foggia, Regione Puglia e Casa Sollievo della Sofferenza – dichiara il Sindaco Francesco Miglio – per venire incontro alle difficoltà di reclutamento del personale medico che riguarda molti ospedali italiani. La convenzione prevede che i ginecologi di Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo supporteranno la Struttura Complessa di “Ginecologia e Ostetricia” del Presidio Ospedaliero di San Severo. “Casa Sollievo della Sofferenza” si è impegnata a mettere a disposizione della ASL Foggia e quindi dell’Ospedale di San Severo i propri medici specialisti che potranno svolgere, fuori dal regolare orario di servizio, attività sanitaria e assistenziale nel Presidio Ospedaliero di San Severo. E’ un notevole successo di squadra che giunge in una fase delicata relativa al reclutamento del personale medico e che consentirà di ridurre la criticità attualmente esistente anche in considerazione del periodo estivo. Esprimo, a titolo personale e per conto di tutto il Comune di San Severo, il più profondo e sentito GRAZIE al Presidente Michele Emiliano, il quale ha svolto un ruolo attivo e fondamentale di grande vicinanza alla nostra realtà, al Commissario Straordinario della ASL Foggia Antonio Nigri e al Direttore Generale dell’IRCCS Michele Giuliani. La convenzione sottoscritta consentirà alla struttura complessa di Ginecologia e Ostetricia di affrontare con maggiore serenità i prossimi mesi, assicurando un servizio importante per la comunità non solo di San Severo, ma dell’intero Alto Tavoliere e del Subappennino Dauno che ha quale punto nascita di riferimento proprio l’Ospedale Teresa Masselli Mascia”.

Il Responsabile Ufficio Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

baraccopoli
Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale

Oggi siamo di nuovo annichiliti di fronte ai resti fumanti della bara di legno e plastica che si è accartocciata sui resti carbonizzati di un migrante. Un’altra morte causata dalla povertà, lo sfruttamento, i ritardi.
Questi ultimi sono, oggi più che mai, inammissibili. Il Governo, per mano del ministro Andrea Orlando, ha stanziato 200 milioni di euro dei fondi del PNRR per cancellare la vergogna dei ghetti disseminati nelle nostre campagne e nelle periferie di tante altre città d’Italia.
Alla provincia di Foggia è stato assegnato il finanziamento più cospicuo, 103,5 milioni, che quantificano tanto il necessario a cancellare per sempre baraccopoli e insediamenti rurali abusivi che la vergognosa prassi dello sfruttamento dei migranti nei campi e non solo.
Soldi che devono essere spesi presto e bene. Consultazioni, condivisioni, partecipazioni sono tutte procedure e prassi corrette e necessarie, perché i ghetti saranno cancellati quando l’integrazione sarà realizzata per davvero nelle città e nei paesi, non ai loro margini o in mezzo alle campagne.
Nella provincia di Foggia, ciò vale per Carapelle, Carpino, Cerignola, Lesina, Poggio Imperiale, San Marco in Lamis e Manfredonia. Soprattutto Manfredonia, il cui Comune è beneficiario di 53,6 milioni di euro. Bisogna elaborare progetti e un programma utile a cancellare il ghetto della “pista”, riqualificare l’area di Borgo Mezzanone e avviare l’integrazione tra poche centinaia di residenti e migliaia di migranti.
Il cronoprogramma imposto dal PNRR è stringente, bisogna agire, rapidamente e con efficacia; è necessario mettersi subito al lavoro.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)