Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 422 visitatori e nessun utente online

Attualità

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

parcocittà copiaOggi a Parcocittà si è tenuto il presidio cittadino per lo sciopero globale per il clima. 100 tra studenti e studentesse si sono riuniti per parlare della questione climatica e per chiedere un intervento forte delle istituzioni.

"Nessuno deve sentirsi escluso: studentesse e studenti, cittadine e cittadini, docenti, tutti devono attivarsi per contrastare i cambiamenti climatici. Il tempo è poco: ci sono rimasti 11 anni per invertire la rotta. La nostra è l'ultima generazione che ha la possibilità di attivarsi per ottenere un miglioramento concreto, per ritornare almeno alla normalità" dichiarano i ragazzi e le ragazze.

"È urgente che ci attiviamo nei luoghi che viviamo comunemente: scuole, università e città. Dobbiamo chiedere l'impegno delle istituzioni che ci rappresentano nell'affrontare la questione: questo vale per le istituzioni scolastiche, universitarie, cittadine, nazionali ed europee." Continuano i ragazzi di Fridays For Future Foggia.

"Chiederemo a tutte le scuole e all'università di dichiarare l'emergenza climatica, e di predisporre interventi attivi per rendere questi spazi sostenibili. Senza l'impegno delle istituzioni la strada sarà più dura, ma non smetteremo di parlare e di attivarci in città. La mobilitazione sul clima non si ferma, né su Foggia né nel resto del mondo. Riprendiamoci il nostro futuro!" Concludono.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

118DAL 15 GIUGNO, UNA POSTAZIONE 118 A TROIA!
Finalmente giunge a conclusione il percorso iniziato 5 anni fa per l'attivazione di una postazione di emergenza del 118 a Troia a servizio anche dei comuni limitrofi.

“Accolgo con infinita gioia la notizia che dal prossimo 15 giugno ci sarà una postazione attiva del 118 presso il San Raffaele a Troia!”, queste le parole con cui il sindaco di Troia, Leonardo Cavalieri, ha salutato stamane la notizia riguardante l’attivazione del servizio giunta dall’ASL.
Un percorso lungo quasi 5 anni, arrivato dopo numerosi incontri, manifestazioni di sensibilizzazione e persino una conferenza di servizi convocata per l’attivazione del servizio 118 a Troia, di modo che potessero beneficiarne anche gli abitanti del comprensorio dei comuni limitrofi di Ascoli Satriano, Biccari, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Faeto e Orsara di Puglia.
Un intervento che potrà garantire una più efficace gestione delle emergenze, in un territorio orograficamente difficile e con un sistema complessivo della viabilità in pessime condizioni.
“Ringrazio tutti per l’attivazione di quello che sarà un servizio di importanza vitale per il nostro territorio, ubicato in un'area vastissima con una rete viaria e infrastrutturale assai carente, con un crescente e costante aumento dell'indice di vecchiaia della popolazione” ha affermato Leonardo Cavalieri, “Un presidio fondamentale per le popolazioni dei Monti Dauni, considerata la situazione critica in cui versa il territorio del Subappennino Dauno, per il quale il riscontro di oggi è il coronamento di un lavoro durissimo”.
Un provvedimento che interessa direttamente la salute di numerosissimi cittadini, una ulteriore garanzia riguardo la sicurezza sanitaria delle popolazioni dei comuni dei Monti Dauni.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

forza italia

Amara sorpresa nella mattinata di sabato 18 maggio 2019 per i viaggiatori e i pendolari che da Monte Sant’Angelo raggiungono le diverse località della provincia di Foggia e oltre, tutto a causa del mancato avviso del trasferimento del capolinea da Piazza Duca d’Aosta a Viale Kennedy, avviso che l’Amministrazione PD era obbligato a fare visto che c’è un’ordinanza della Polizia Municipale affissa all’Albo on line del Comune e di cui non si è avuta traccia con un manifesto pubblico.
Come certamente ricorderanno i cittadini, è prassi che, a seguito dello spostamento del capolinea, deciso con ordinanza comunale, l’Amministrazione, l’Assessore preposto – in questo caso ne sono due, quello alla Polizia Municipale e quello al Commercio – avrebbe dovuto avvisare la città con regolare manifesto pubblico da affiggere in città e con avviso sui canali social e sul sito internet del Comune. Ebbene, ad oggi, di questa notizia non c’è traccia. Infatti, ne sono venuti a conoscenza solo alcuni pendolari, grazie ad un avviso affisso nei mezzi da SITA e Cotrap, mentre i viaggiatori occasionali non ne sapevano nulla.
Ancora una volta l’Amministrazione d’Arienzo/PD ha perso un’occasione per dimostrare di essere vicina ai cittadini.
FORZA ITALIA chiede all’Amministrazione d’Arienzo/PD:
• Come mai l’Amministrazione più bella di sempre, più social di sempre e che posta sui canali social e sui canali informativi notizie a volte inutili non si è preoccupata di avvisare i cittadini?
• Perché di questa notizia non c’è traccia neppure sulla home page del sito internet del Comune?
• Forse gli Assessori preposti erano impegnati in selfie o nella caccia alle streghe?
• Forse l’Amministrazione più bella di sempre era impegnata a stanare coloro che la criticano?
Una cosa è certa: l’arroganza, la superficialità, la negligenza dell’Amministrazione d’Arienzo/PD non può essere pagata da chi la mattina è costretto a viaggiare e ad andare fuori città per lavoro!

Forza Italia Monte Sant’Angelo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

link copiaIl 24 maggio in tutto il mondo studenti, studentesse e cittadini scenderanno in piazza contro il cambiamento climatico. A Foggia si terrà un presidio in piazza Italia a partire dalle ore 10.00.

“Non c'è più tempo da perdere: alcuni governi e diversi comuni e scuole hanno già dichiarato l'emergenza climatica, a fronte di una situazione sempre meno sostenibile che sta togliendo possibilità alla nostra generazione di sperare in un futuro migliore”, dichiarano gli attivisti di Fridays For Future Foggia.

“Il nostro territorio è da anni martoriato da scarichi abusivi di rifiuti tossici, che stanno avvelenando il suolo e vanno a finire nelle cose che mangiamo. È necessario prendere provvedimenti, bonificare le aree interessate e prevenire i rischi! Mafie e devastazione ambientale ci stanno rubando il futuro” continuano i ragazzi.

“Nelle ultime settimane è stato al centro del dibattito pubblico il taglio di numerosi alberi nella nostra città: una scelta assolutamente fuori luogo, che non deve dare il via ad una politica contraria al verde pubblico.” proseguono.

“Il 24 maggio scendiamo in piazza per dare un segnale: ci è rimasto poco tempo per invertire la rotta. Nessuno si deve sentire escluso, occorre l'impegno di tutti e tutte per contrastare i cambiamenti climatici e le devastazioni del territorio che viviamo ogni giorno. Venerdì 24 maggio scenderemo in piazza per il nostro futuro!”

Legambiente - circolo Gaia di Foggia ha aderito alla manifestazione.

Link Foggia - Sindacato Universitario

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

disperata 2Nominata responsabile nazionale settore psicosociale delle Camere Minorili d’Italia
Ieri l’annuncio sul palco di OpenFoggia, l’iniziativa di Arena per rilanciare la città
“Chiusura dell’oratorio San Michele è un campanello d’allarme che non smette di suonare”

FOGGIA – E’ la foggiana Maria Emilia De Martinis la nuova responsabile nazionale del settore psicosociale delle Camere Minorili. Maria Emilia De Martinis, avvocato 43enne, guida la Camera Minorile di Capitanata da 5 anni e da un anno è presidente del Comitato provinciale Unicef Foggia. “Sono contenta”, ha dichiarato Maria Emilia De Martinis. “Si tratta di un ruolo delicato e importante, di grande responsabilità, che arriva dopo tanti anni in cui, grazie ai colleghi e alle colleghe della Camera Minorile, è stato fatto un grande lavoro sui temi del disagio minorile”. Martedì 14 maggio, Maria Emilia De Martinis è stata una delle personalità foggiane scelte da Massimiliano Arena, anch’egli avvocato da anni impegnato sul versante dei diritti dei minori e delle famiglie, per l’evento OpenFoggia, iniziativa incentrata su 7 proposte con cui rilanciare Foggia.
“La chiusura dell’oratorio di San Michele, a Foggia, è un campanello d’allarme che non smette di suonare”, ha spiegato la presidente della Camera Minorile. “Nella società dell’odio, cresce un vuoto educativo che deve far crescere la consapevolezza di quanto sia importante rimettere al centro la formazione, il gioco, la cultura, gli spazi e i progetti che aiutano i bambini a diventare cittadini e adulti migliori”, ha aggiunto De Martinis.
LA CITTA’ DEI GHETTI. Ci sono bambini, con le loro famiglie, che crescono in abitazioni al limite dell’invivibilità, case che sono poco più che baracche, con freddo e umidità d’inverno, caldo infernale d’estate. I quartieri popolari sono poco più che dormitori, privi di centri di aggregazione, piste ciclabili e parchi realmente fruibili e manutenuti, strutture pubbliche per il tempo libero con programmi e materiali ludico-educativi.
“L’osservatorio della realtà” registra un ampliamento della città dei ghetti, di tutti i ghetti possibili, quelli che accomunano famiglie e bambini italiani e stranieri. “Il nostro è un osservatorio privilegiato e doloroso: privilegiato perché siamo a contatto quotidiano con i problemi, doloroso perché constatiamo giornalmente la disperazione e la necessità di aiuto che non trovano risposte adeguate”, ha spiegato Maria Emilia De Martinis. C’è una forte discrepanza tra i servizi sulla carta e quelli effettivamente messi a disposizione di chi ne ha bisogno. A Foggia, bambini e anziani sono costretti a fare la gimcana tra immondizie di ogni tipo. I marciapiedi ne sono pieni. Spesso proprio i più piccoli e gli over65enni, oltre ai disabili di ogni età, hanno le maggiori difficoltà a poter percorrere liberamente e in tutta sicurezza le vie della città, anche a causa del dissesto di pavimentazioni e manto stradale, per non parlare delle barriere architettoniche e di quelle rappresentate dalla maleducazione degli automobilisti. Se non fosse per alcune parrocchie, e quella di San Michele è una delle più attive, non ci sarebbero luoghi di aggregazione, soprattutto d’estate. “Ci stiamo assuefacendo al degrado e questo non è accettabile”, ha dichiarato Maria Emilia De Martinis, “ormai fa parte del nostro paesaggio urbano. La cosa più triste è pensare che anche i nostri bambini possano abituarsi a questo stato di cose, come se fosse normale. Non è normale e non possiamo assuefarci. Tutto questo fa bene ai bambini? Possiamo accettare che continuino a vivere in una situazione così degradata? Il mio impegno, anche come responsabile nazionale del settore psicosociale delle Camere Minorili, continuerà proprio nella direzione di costruire risposte positive a un malessere crescente”.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)