Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Traduzione

Chi c'è online

Abbiamo 760 visitatori e nessun utente online

Spettacolo, cinema, arte e cultura

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)


gargano2Parte il press tour che racconterà la bellezza di Vieste, Mattinata e Monte Sant’Angelo
Dal 14 al 19 marzo, un itinerario tra natura e cultura seguito da giornalisti e blogger

VIESTE Un gruppo di giornalisti, influencer, food e travel blogger provenienti da tutta Italia, dal 14 al 19 marzo, racconterà con parole e immagini il press tour che li condurrà alla scoperta di Vieste, Mattinata e Monte Sant’Angelo. Il press tour su “Il Fuoco e la Montagna Sacra” è promosso dal Comune di Vieste, con l’adesione dei comuni di Mattinata e Monte Sant’Angelo. L’iniziativa è finanziata dalla Regione Puglia, nell’ambito del Programma operativo Regionale FESR-FSE 2014-2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo”, Asse VI-Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali – Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche.
LA FANOJA DI SAN GIUSEPPE. L’evento centrale del press tour è la Fanoja di San Giuseppe, la tradizione millenaria dei falò, che sabato 16 marzo a Vieste sarà al centro di un ricchissimo programma di iniziative con sfilate in costume dei gruppi folk, musica e danze della tradizione, il grande concerto dell’Orchestra Notte della Taranta di Melpignano, l’apertura di stand enogastronomici e mercatini dell’artigianato locale. La Fanoja di San Giuseppe è il perpetuarsi di una tradizione antichissima, un rito collettivo attraverso il quale si salutava l’inverno e ci si preparava alla primavera, una stagione di rinascita e rinnovamento. L’evento, a partire dal 2011, è stato riscoperto e valorizzato in chiave turistica. Marina Piccola, spettacolare “palcoscenico” sul mare nel cuore di Vieste, per un giorno si veste d’antichità, facendo compiere a cittadini e visitatori un viaggio indietro nel tempo, con allestimenti, costumi e attrezzi da lavoro ispirati a quelli in uso nell’Ottocento.
LA MONTAGNA SACRA. Prima e dopo il suggestivo accendersi della Fanoja nel cielo di Vieste, i giornalisti, gli influencer e i travel blogger giunti da tutta Italia visiteranno i luoghi d’interesse storico, culturale e ambientale della Montagna Sacra, la Montagna del Sole, gigante verde che abbraccia il mare, creando uno dei paesaggi più rari e straordinari del mondo, un ampio fazzoletto di terra dove alberga uno degli ambienti più ricchi di biodiversità di tutto il pianeta. Natura e cultura, la storia e le testimonianze di un incredibile caleidoscopio di civiltà, fedi e tradizioni culturali: il press tour metterà in evidenza e promuoverà anche le chiese, i santuari, i luoghi sacri del Gargano, meta non solo dei fedeli di tutto il mondo, ma anche di turisti affascinati dal racconto millenario di luoghi capaci di restituire il significato universale della spiritualità e della bellezza.
IL RACCONTO SOCIAL. Oltre che sui blog, le testate giornalistiche e gli account social di giornalisti e blogger ospiti del press tour, la settimana de “Il Fuoco e la Montagna Sacra” sarà seguita e raccontata giorno per giorno dalla pagina https://www.facebook.com/ilfuocoelamontagnasacra/, “diario digitale” quotidiano che attraverso foto e video promuoverà l’itinerario costruito attorno all’antica tradizione della Fanoja.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroL’universitario sanseverese Michele Baldassarre con l’Università di Tor Vergata vince il prestigioso Amazon Innovation Award 2018.

Un giovane universitario sanseverese, Michele Baldassarre, nel team dell'Università di Tor Vergata, ha vinto l'Amazon Innovation Award 2018, il concorso ideato dalla multinazionale di Seattle per lanciare nuovi progetti e idee in grado di rivoluzionare le imprese e l'economia del futuro.
Michele Baldassarre, in un team di quattro ragazzi dell'importante ateneo romano (con lui anche Miriam di Mario, Giulia Di Prospero e Claudia Costanzo, guidati da Massimiliano Schiraldi, professore di Operation management della facoltà di Ingegneria), ha vinto il contest con il progetto di Xiva, un robot magazziniere in grado di fare operazioni di carico e scarico delle merci interagendo con l'uomo in tutte le attività di magazzino e logistica. Michele Baldassarre è stato ricevuto in Comune dal Sindaco avv. Francesco Miglio e dal Vice Sindaco Francesco Sderlenga cui ha voluto comunicare l’importante notizia: “Michele ci ha voluto raccontare la sua bella storia – dichiarano il Sindaco Miglio ed il Vice Sderlenga – il successo conquistato con la sua università, in cui si è aggiudicato una grande sfida sul piano dell'innovazione tecnologica e dell'industria del futuro: i ragazzi hanno creato uno strumento per aiutare gli operai a svolgere le mansioni più pesanti e complesse che sicuramente sarà molto utile in futuro. A Michele Baldassarre nei prossimi giorni, non appena i suoi impegni universitari lo consentiranno, consegneremo in una pubblica cerimonia un encomio ufficiale del Comune di San Severo. A Michele, capace di emergere con i propri compagni in un contest cui hanno partecipato circa 400 studenti di tutta Italia, ribadiamo le più vive felicitazioni da parte di tutta l’Amministrazione Comunale”. L’Amazon Innovation Award è un concorso promosso da Amazon riservato ai Politecnici di Milano e Torino e all’Università di Roma Tor Vergata. Consiste nel formulare e presentare progetti innovativi che possono migliorare le condizioni di lavoro, processi aziendali e la consegna di prodotti acquistati online. Il team vincitore con Michele Baldassarre volerà a Seattle, sede del colosso dell’e-commerce, ad inizi aprile per presentare il progetto ai vertici dell’azienda.
Michele Baldassarre è nato nel 1993. Diplomato al Liceo Scientifico “Giuseppe Checchia Rispoli”, poi la laurea triennale conseguita in Economia presso l’Università degli Studi di Foggia, Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari. Laurea Magistrale (in corso) in Economia dei Mercati e degli Intermediari Finanziari presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Gestione Intermediari Finanziari.

Il Portavoce
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

uniTredici ricerche accettate dal congresso più prestigioso, l’équipe UniFg guidata dal coordinatore della Medicina legale prof. Pietrantonio Ricci.

Diversi i casi analizzati: dalla mafia garganica al crescente fenomenodei suicidi, dall’odore dei soggetti che potrebbero aver commesso
dei reati alla balistica delle mitragliette “modello Kalshnikov”.

Da domani gli interventi della delegazione UniFg, si rinnova l’appuntamento con la vetrina scientifica che in passato aveva collocato la nostra Medicina Legale ai vertici in Italia .

Una delegazione dell’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Foggia ha raggiunto gli USA per partecipare al 71esimo congresso annuale AAFS (American Academy of Forensic Sciences), quest’anno in programma a Baltimora (Maryland) fino al 23 febbraio. Una partecipazione, quella dell’equipe foggiana coordinata dal prof. Pietrantonio Ricci, che non passerà inosservata grazie alle tredici ricerche scientifiche che saranno presentate a una platea di scienziati, investigatori, medici legali, biologi, genetisti ed operatori forensi che da tutto il mondo parteciperanno al più importante e prestigioso congresso della disciplina.
Tra i casi proposti dall’équipe UniFg – i cui interventi cominceranno domani – un focus sarà dedicato a un importante problema sociale: il dott. Giuseppe Bertozzi esporrà i risultati di uno studio sperimentale con lo scopo di individuare una possibile predisposizione genetica correlata ai casi di suicidio “complesso”, al fine di identificare le persone ritenute potenzialmente a rischio. La dott.ssa Francesca Maglietta, invece, presenterà i risultati della analisi degli elementi caratterizzanti gli omicidi perpetrati dalla mafia garganica, che dagli inquirenti viene definita come «la mafia più cruenta d’Italia». E ancora il dott. Francesco Sessa presenterà, insieme al dott. Marcello Rendine, uno studio sperimentale volto a dimostrare come, una certa predisposizione genetica degli individui, possa modificare completamente il loro odore in presenza di fattori stressogeni: condizione, questa, con risvolti di grandissimo interesse per la preparazione di unità cinofile specializzate nella ricerca di persone scomparse (che, da circa dieci anni, rappresentano un’eccellenza a disposizione dell’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Foggia). Sempre il dott. Sessa illustrerà la difficoltà di identificazione di soggetti rinvenuti in mare, anche alla luce degli intensi flussi migratori, evidenziando insieme al dott. Emilio Nuzzolese, odontoiatra forense, l’importanza di un approccio multidisciplinare. Plurimi lavori saranno presentati anche durante la sessione “poster”. In questa vetrina la prof.ssa Irene Riezzo illustrerà le evidenze di uno studio condotto sulla balistica terminale e sulle lesioni provocate dall’impiego della storica mitraglietta “modello Kalshnikov”, che per l’appunto sarebbe l’arma maggiormente utilizzata dai clan della mafia garganica. A tal proposito, il dott. Rendine illustrerà, in un altro studio condotto con la preziosa collaborazione del famoso perito balistico Gianfranco Guccia, le potenzialità olfattive dei cani impiegati nell’individuazione e segnalazione dei gunshot residues (GSR), argomento di grande interesse per la comunità scientifica forense da sempre coinvolta in questo tipo di accertamenti. La dott.ssa Stefania De Simone, presenterà la proposta dell’Istituto foggiano alla definizione di un protocollo per la diagnosi di ipertermia mortale. Il dott. Bertozzi presenterà, inoltre, un caso particolare di “morte da colpo di frusta”, la cui diagnosi è stata possibile solo introducendo nella dissezione autoptica tecniche di neurochirurgia; ed insieme alla dott.ssa Maglietta un inusuale caso di morte da confinamento a seguito di fuoriuscita accidentale di anidride carbonica da estintori; quest’ultima presenterà un caso relativo ad un decesso da serotoninergici e, ancora, con il dott. Bertozzi e il dott. Sessa, la complessa analisi di un omicidio, risoltosi come legittima difesa. Infine il dott. Sessa presenterà un importante studio di ricerca sperimentale sull’identificazione di nuovi marcatori molecolari presenti in soggetti utilizzatori di sostanze dopanti, tema quest’ultimo finito spesso alla ribalta delle cronache locali e nazionali.
Un’equipe di alto profilo scientifico per presentare tredici lavori di ricerca che, ancora una volta, collocano l’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Foggia nelle posizioni di vertice della medicina legale italiana.
Questi, di seguito, gli studi che saranno presentati .

• ORAL PRESENTATIONS
Giovedì 21 febbraio|1.45 p.m. – 2.00 p.m.
Complex Suicides and Where to Find Them: Disclosing the Mystery.
Giuseppe Bertozzi, MD*; Francesca Maglietta, MD*; Mauro Ciavarella; Carmela Fiore, MD; Irene Riezzo, MD, PhD; Pietrantonio Ricci, MD, PhD; Francesco Sessa, MS
Giovedì 21 febbraio|4.00 p.m. – 4.15 p.m.
Gargano Mafia: The Fifth Italian Mafia With an Analysis of 129 Murders.
Francesca Maglietta, MD*; Mauro A. Ciavarella; Giuseppe Bertozzi, MD;Giuseppe Davide Albano, MD; Angelo Montana, MD; Anna Cornacchio;Pietrantonio Ricci, MD, PhD; Monica Salerno, MD, PhD*
Venerdì 22 febbraio|9.00 a.m. – 9.15 a.m.
The Smell of DNA: How Genetics and Fear Influence the Human Scent. Francesco Sessa, MS*; Marcello Rendine, QEFD, DBA*; Carmela Fiore, MD; Stefania De Simone, MD; Pietrantonio Ricci, MD, PhD; Irene Riezzo, MD, PhD
Venerdì 22 febbraio|3.00 a.m. – 3.15 a.m.
A Cemetery Named the Mediterranean Sea: Best Practice in Human Identification.
Francesco Sessa, MS*; Stefania C. Bello, MD; Giuseppe Bertozzi, MD;Francesca Maglietta, MD; Emilio Nuzzolese, PhD*

• POSTER SESSION
Mercoledì 20 febbraio|11.30 a.m. – 1.00 p.m.
The Strange Trajectories of Death: Avtomat Kalashnikov – The New Weapon of the Garganic Mafia.
Irene Riezzo, Md, PhD*; Mauro A. Ciavarella, MD; Lorenzo Spagnolo, MD; Santina Cantatore; Gianfranco Guccia; Marcello Rendine, QFED, DBA; Pietrantonio Ricc, MD, PhD.
Funny Games: Homicide Among Neighbors.
Francesco Sessa, MS*; Michela Ferrara, MD; Francesca Maglietta, MD*; Giuseppe Bertozzi, MD*; Irene Riezzo, MD, PhD; Marcello Rendine, QFED, DBA; Pietrantonio Ricci, MD, PhD; Natascha Pascale, MD.
A Mafia Ritual of Hiding Murders: Sheep in Boots!
Francesco Sessa, MS*; Elena Varotto*; Laura Landini, MS; Francesca Maglietta, MD*; Santina Cantatore; Pietrantonio Ricci, MD, PhD.
“Hot Deaths”: A Review of Foggia Hyperthermia Cases.
Stefania De Simone, MD*; Francesca Maglietta, MD; Lorenzo Spagnolo, MD; Santina Cantatore; Pietrantonio Ricci, MD, PhD; Monica Salerno, MD, PhD; Francesco Sessa, MS; Giuseppe Bertozzi, MD*.
Which Came First, the Chicken or the Egg? A Key to Shed Light on a “Road Murder”.
Giuseppe Bertozzi, MD*; Stefania De Simone, MD; Michela Ferrara, MD;Lorenzo Spagnolo, MD; Giuseppe Davide Albano, MD; Pietrantonio Ricci, MD, PhD;Francesca Maglietta, MD; Monica Salerno, MD, PhD
Gone in 60 Seconds: A Fatal Case of Asphyxiation in a Confined Working Space.
Giuseppe Davide Albano, MD; Giuseppe Bertozzi, MD*; Mauro A. Ciavarella; Stefania De Simone, MD; Pietrantonio Ricci, MD, PhD; Irene Riezzo, MD, PhD; Francesca Maglietta, MD*.
The Faithless Nurse: A Strange Case of Hyperthermia.
Francesca Maglietta, MD*; Lorenzo Spagnolo, MD; Michela Ferrara, MD; Dania De Carlo, MD; Giuseppe Davide Albano, MD; Mauro Ciavarella, MD.
Venerdì 22 febbraio|11.30 a.m. – 1.00 p.m.
Anabolic Androgenic Steroids Abuse: New Molecular Biomarkers.
Francesco Sessa, MS*; Monica Salerno, MD, PhD; Pietrantonio Ricci, MD, PhD; Cristoforo Pomara, MD, PhD.
Canine Detection of Organic and Inorganic Gunshot Residues (GSR) on the Suspected Shooters.
Marcello Rendine, QFED, DBA*; Irene Riezzo, MD, PhD; Carmela Fiore, MD; Michela Ferrara, MD; Francesco Sessa, MS; Gianfranco Guccia; Pietrantonio Ricci, MD, PhD.


Davide Grittani

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

calcioIn programma domenica 24 febbraio a San Marco in Lamis


Un incontro di calcio ad 11 che vede coinvolti giovani scout dell’Agesci e cittadini migranti ospiti presso la Casa di Accoglienza Santa Elisabetta d'Ungheria della Chiesa di Gesù e Maria di Foggia. Una partita in cui si affronteranno due squadre miste per vivere insieme una giornata all'insegna dell'incontro, della conoscenza, dell’accoglienza e della festa. L'Agesci Zona Daunia domenica 24 febbraio 2019 promuove “La Partita dei Popoli”, in programma presso il campo sportivo “A. Parisi” di San Marco in Lamis. E lo fa nel corso della Settimana Internazionale dello Scoutismo in cui si ricorda il “World Thinking Day” – la Giornata del Pensiero – che ogni anno si celebra il 22 febbraio, giorno della nascita di Robert Peter Baden Powell, fondatore del movimento scout. Nella tradizione scout questa giornata diventa l’occasione ideale per vivere la fratellanza internazionale e per riflettere sul Movimento, agire per rafforzarlo e sostenerlo.
L'evento in programma vede coinvolti nella cittadina garganica già da sabato 23 febbraio circa 350 scout tra adulti e ragazzi dell’Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani. Il fischio di inizio alla partita di calcio ad 11 che vedrà impegnati i ragazzi scout ed i migranti sarà dato alle ore 11. Il tema scelto dalla Zona Daunia quest’anno è "IO SONO perché NOI SIAMO". Durante la “Giornata del Pensiero”, infatti, tutti gli scout si impegnano a raccogliere fondi a sostegno di programmi e progetti che interessano 10 milioni di ragazze e giovani donne in tutto il mondo. Quest'anno la Zona Daunia vivrà il suo gemellaggio internazionale con gli scout di Korogocho in Kenya, sobborgo di Nairobi, a cui saranno destinati parte dei fondi raccolti con i contributi volontari offerti dagli spettatori della partita. Un’altra parte del ricavato sarà invece devoluto ad iniziate in favore dei senza fissa dimora, in particolare per il progetto di accoglienza promosso da oltre vent’anni presso la Casa di Accoglienza Santa Elisabetta d'Ungheria della Chiesa di Gesù e Maria di Foggia.
Con questa iniziativa, quindi, continua l'impegno a favore di una cultura dell'accoglienza che l'Agesci Zona Daunia ha assunto per il 2019 e che ha già visto un primo momento in autunno nel corso del quale è stato proiettato il documentario dal titolo “Vision with Ambition”, ideatore e regista Luciano Toriello scritto da Annalisa Mentana, vincitore del "Premio Anno del Patrimonio Culturale MigrArti 2018", promosso dal MIBACT.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vicoI commenti di blogger e giornalisti presenti alla settimana valentiniana: “Indimenticabile”
Sui social, le foto, i like, i commenti e le condivisioni di circa 80mila persone

VICO DEL GARGANO Un successo oltre ogni più rosea aspettativa: il press tour su “San Valentino e il cuore del Gargano”, dal 12 al 17 febbraio, ha interessato e coinvolto migliaia di persone sui social. Sono state particolarmente apprezzate le tipicità enogastronomiche e agroalimentari: dalle arance all’olio extravergine d’oliva di Vico del Gargano, dai dolci tipici alla cucina proposta dai ristoratori vichesi. Un vero e proprio trionfo per la paposcia, il pan focaccia tipico di Vico, protagonista – assieme alla marmellata di agrumi - di un meraviglioso educational tour in un suggestivo aranceto del paese, condotto magistralmente da Francesco e Giovanni Canestrale. Ha suscitato emozioni e ammirazione l’arte di Maria Voto, una delle ultime tessitrici della Puglia a utilizzare gli antichi telai in legno. Le chiese del borgo, Palazzo della Bella, il centro storico di Vico, le tradizioni della Settimana Valentiniana, i laboratori e i mercatini di Terrarancia sono stati il cuore di un press tour durante il quale, in sei giorni, blogger e giornalisti arrivati da tutta Italia sono stati accompagnati a visitare anche Peschici, Carpino e Ischitella. Il press tour, promosso dal Comune di Vico del Gargano, è stato finanziato dal Programma operativo Regionale FESR-FSE 2014-2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo”, Asse VI-Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali – Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche. In poco meno di una settimana, la pagina facebook ufficiale dell’evento (https://www.facebook.com/sanvalentinopresstour) ha ottenuto oltre 1300 follower, raggiungendo 53mila utenti, con più di 25mila interazioni tra commenti, like e condivisioni (14mila su twitter), riuscendo a promuovere il borgo e le località visitate attraverso foto e video.
I COMMENTI DI BLOGGER E GIORNALISTI. Qual è l’immagine di Vico del Gargano che blogger e giornalisti presenti al tour promuoveranno nei loro articoli? “Noi ricorderemo un borgo romantico e le persone dal gran cuore che lo popolano! Grazie per questi giorni felici”, hanno commentato i blogger di “Untrolleyperdue”, che attraverso i loro account ufficiali hanno raccontato la settimana valentiniana minuto per minuto. Roberta Isceri, di “Italiaterapia”: “Abbiamo particolarmente apprezzato il centro storico, vero e proprio gioiello, le eccellenze culinarie, il Castello e il trappeto. Indimenticabile il profumo delle arance di Vico”. Andrea Assenza, di Happily on the road: “Ricorderò la bellezza del centro storico, ma anche e soprattutto le persone che abbiamo incontrato”. Tra i blogger, anche il racconto eccentrico e originale di “Rivoglio la barbie”: “Il profumo degli agrumi è una sensazione davvero inebriante, difficile da descrivere, ma stupenda da vivere”.
Blogger e giornalisti hanno assistito alla processione della statua del Patrono di Vico del Gargano, San Valentino, per poi visitare il Vicolo del Bacio, gli stand della festa, le mostre e gli allestimenti all’interno di Palazzo della Bella, i produttori di arance e di olio di un paese che ha nel comparto agroalimentare una delle sue eccellenze riconosciute in tutto il mondo.
Non solo Rai Uno, le tv regionali e quelle provinciali, anche i social hanno raccontato l’evento. Su Twitter, Facebook e Instagram tantissimi utenti hanno rilanciato le foto scattate e le emozioni provate.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)