Condividi con

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Chi c'è online

Abbiamo 140 visitatori e nessun utente online

Spettacolo, cinema, arte e cultura

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

vicoSabato 29, domenica 30 e lunedì 1 maggio tre giorni di musica, sapori, teatro, visite guidate
Cinque piazze coinvolte, artisti di strada, rievocazioni storiche, spettacoli per bambini

VICO DEL GARGANO Sarà il “ponte” più bello e gustoso dell’anno: per tre giorni, da sabato 29 aprile a lunedì 1 maggio, a Vico del Gargano sarà di scena “Artstreet nel Borgo”. Si tratta di un vero e proprio Festival itinerante e diffuso che mette in primo piano il arte e food, i giovani musicisti, gli artisti di strada, le rievocazioni storiche, le passeggiate guidate alla scoperta del paese. L’evento è organizzato dall’Amministrazione comunale, con Onlyfood, Pro Loco di Vico del Gargano e CNA.
Sabato 29, domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio, dalle 10 alle 13 e poi dalle ore 19 fino a tarda notte, tutte le principali piazze di Vico del Gargano saranno animate da postazioni per lo street food, spettacoli per bambini, dj set, teatro e artisti di strada.
Per le visite guidate, è necessario prenotare contattando la Pro Loco di Vico del Gargano al 346.0901463. “Ancora una volta, come in tante altre occasioni negli ultimi cinque anni”, ha dichiarato il sindaco Michele Sementino, “Vico del Gargano promuove il territorio partendo da arte, cultura, gusto e talenti, innovando quella che è una delle nostre caratteristiche più moderne e antiche allo stesso tempo, vale a dire la nostra vocazione all’accoglienza, all’espressione culturale della nostra identità storica”. “Lo facciamo”, ha aggiunto il primo cittadino, “mettendo insieme le forze più attive del tessuto sociale vichese, come sempre, creando sinergie e dando valore e concretezza al concetto di Comunità”.
Sulla stessa lunghezza d’onda le dichiarazioni di Porzia Pinto, assessore al Turismo e a I Borghi più belli d’Italia: “Siamo felici di inaugurare la stagione turistica, che porterà a Vico e nelle sue frazioni balneari migliaia di persone, con un evento che vede una partecipazione importante di molti talenti artistici e musicali provenienti da tutta la provincia di Foggia e da altri territori”. “L’intento è quello di destagionalizzare il turismo e consolidare la caratterizzazione di Vico del Gargano quale destinazione turistica”. “Tutte le manifestazioni dell’ultimo lustro hanno un comune denominatore, quello di proiettare Vico del Gargano ben oltre i confini provinciali e regionali, con eventi capaci di regalare esperienze autentiche, divertimento, ma anche l’occasione di un’interazione e una conoscenza più approfondita del territorio”.
L’Info Point su Corso Umberto, nel cuore di Vico del Gargano, sarà il primo punto di riferimento per cittadini e visitatori. Gli spettacoli e tutte le altre iniziative avranno luogo in Largo Fuori Porta, Piazza Castello, Largo del Conte, Piazza I Du Port, luoghi strategici per dare modo a chi verrà da fuori di attraversare e conoscere alcuni dei posti più belli di Vico del Gargano.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

GAL tavoliereIl Gal Daunia Rurale e 7 comuni, insieme, promuovono la propria offerta turistico-culturale
Due press tour e sette eventi dal 29 aprile al 9 ottobre 2023, temi centrali il viaggio e il food
Primo appuntamento a Chieuti il 29 aprile: show cooking, musica popolare, mostre, visite guidate

SAN SEVERO Sette comuni e il Gal Daunia Rurale, insieme, per promuovere il territorio, i borghi, la cultura e le eccellenze agroalimentari del vasto territorio dell’Alto Tavoliere. Promuove il territorio attraverso due press tour e ben sette eventi che si terranno dal 29 aprile al 9 ottobre 2023. E’ questo, in estrema sintesi, il programma di “Divini Sapori”, progetto che vede San Severo quale comune capofila, finanziato dal Gal Daunia Rurale con fondi FEASR, il cui svolgimento sarà coordinato da Doc Servizi con la piena collaborazione di tutti gli attori istituzionali.
"La destagionalizzazione del turismo", dichiara Francesco Miglio, sindaco di San Severo, "è uno degli obiettivi del progetto. Puntiamo a realizzare un'offerta turistico-culturale di rete, che integri i nostri territori e gli ambiti plurali che rappresentano le nostre eccellenze produttive, artigianali e culinarie, le vocazioni, le tradizioni e i talenti di un'intera area".
"Con il Piano di Azione Locale, il nostro Gal”, aggiunge Pasqua Attanasio, presidente Gal Daunia Rurale 2020, “ha puntato molto sulla cooperazione e sulla creazione di sinergie sia tra produttori che tra enti locali, anticipando le direttive della prossima programmazione. In particolare la rete tra i Comuni del nostro territorio servirà a valorizzare la cultura, il turismo e l'enogastronomia dell'Alto Tavoliere, ma anche a lanciare un importante messaggio di promozione condivisa".
“Per i visitatori, conoscere l’Alto Tavoliere”, spiega Celeste Iacovino, assessore a Cultura e Turismo del Comune di San Severo, “è un viaggio ricco di gusto e di scoperte, tra arte, paesaggi naturali e architettonici, tradizione culinaria, tradizione e innovazione del settore agroalimentare legato a produzioni di assoluta eccellenza quali i vini, gli olii extravergine d’oliva, il grano duro e molti altri ancora. Con Divini Sapori vogliamo rafforzare la riconoscibilità di un territorio vasto e plurale come l’Alto Tavoliere, creando un’offerta turistico-culturale ampia, lunga 365 giorni l’anno, diversificata, e allo stesso tempo ben identificabile attorno ai valori del viaggio esperienziale e del food in ogni stagione”.
Proprio sul cibo e il suo ruolo nel raccontare e far ‘gustare’ un territorio, “Divini Sapori” potrà giovarsi della collaborazione di Nick Difino, food journalist tra i più apprezzati e conosciuti: “Con Sapori Divini abbiamo fatto due operazioni principali: dare spazio a luoghi e persone delle cosiddette aree interne, custodi di realtà paesaggistiche e enogastronomiche iconiche ma poco spesso raccontate – e come sappiamo, le storie non raccontate non esistono -, e poi abbiamo voluto prendere queste tipicità e spingerle verso la contemporaneità attraverso chef nazionali e influencer. Le tradizioni sono come la lingua, cambiano forma nel tempo e si propongono affinché possano sopravvivere. Più che chiuderle sotto una teca di vetro per farle resistere al tempo, al contrario vogliamo – attraverso il loro racconto - che vivano liberamente sulle tavole e nella quotidianità di tutti”.
Gusti, dunque, e non solo, perché gli eventi offriranno anche l’incontro con la musica popolare, le visite guidate per conoscere paesaggi naturali e borghi, le mostre fotografiche che mettono insieme talento e narrazione del territorio. I primi tre eventi si terranno a Chieuti (29 aprile), San Severo (13 maggio) e Torremaggiore (10 giugno). I due press tour, invece, si svolgeranno dall’8 all’11 giugno e dal 6 al 9 ottobre: il primo sarà dedicato al viaggio, il secondo al food. L’Alto Tavoliere è un’area della provincia di Foggia che mette insieme i comuni di San Severo, Apricena, Chieuti, Poggio Imperiale, San Paolo Civitate, Serracapriola e Torremaggiore. Si tratta di un’area particolarmente ricca di storia, uno dei territori più amati da Federico II di Svevia. Centri storici ricchi d’arte e di storia, mare e siti naturalistici, cave di marmo monumentali, cantine ipogee e immense distese di grano, uliveti e vigneti fanno dell’Alto Tavoliere una delle destinazioni più interessanti e sorprendenti da scoprire.
L’obiettivo di “Divini Sapori” è di mettere in evidenza ciascuno degli elementi che, insieme, rappresentano la bellezza e l’unicità di un territorio tutto da scoprire e da gustare.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

orsaraOrganizzato da Orsa Maggiore è il primo e unico festival di musica elettronica della Capitanata
La quinta edizione sarà quella della ripartenza dopo lo stop imposto dall’emergenza Covid
I complimenti del sindaco per gli 8 anni del sodalizio tra musica, cultura, volontariato e accoglienza

ORSARA DI PUGLIA Il Wild Fest, primo e unico festival della musica elettronica in Capitanata, ha ottenuto il patrocinio di Puglia Promozione (Agenzia Regionale del Turismo), per la prossima edizione che si terrà in agosto ma che è già partita con una serie di iniziative di avvicinamento e di preparazione all’evento finale. “Complimenti all’associazione Orsa Maggiore, il sodalizio culturale che organizza un evento innovativo, che coinvolge moltissimi giovani da tutta Italia”, questo il commento del sindaco Mario Simonelli alla notizia del patrocinio.
IL WILD FEST. Quest’anno, il festival celebrerà la sua quinta edizione. La location, ancora una volta, sarà lo spazio antistante Torre Guevara, storico edificio la cui costruzione risale al 1680: “E’ un modo per valorizzare un luogo che non è soltanto crocevia storico e artistico, tra passato e futuro, ma anche punto d’incontro strategico nella piana a pochi chilometri da Orsara, Troia, Foggia e Bovino”, dichiara Paolo Scoglietti, uno degli organizzatori. Il nome del festival si ispira proprio a questo luogo immerso nella natura. Nei primi 4 anni, il Wild Fest ha portato in provincia di Foggia alcuni dei maggiori protagonisti italiani e internazionali della musica elettronica. “La musica techno è circondata da diversi pregiudizi, tra cui quello che la lega all’assunzione di droghe. E’ uno stereotipo che rigettiamo completamente”, dicono gli organizzatori. “Noi vogliamo valorizzarne il potere di aggregazione, la storia e un bagaglio culturale ricchi di trasformazioni tecnologiche e innovazioni strumentali”.
ORSA MAGGIORE. L’associazione è attiva dal 15 giugno 2015. A breve, festeggerà il suo ottavo compleanno. Prese vita sulla scorta dell’esperienza della Consulta Giovanile Orsarese. In otto anni, è stata promotrice diretta o collaboratrice di 60 eventi e iniziative sociali, didattiche, musicali e culturali. L’ambito delle sue attività è piuttosto ampio, perché l’associazione è attiva non solo nella formazione musicale e nell’organizzazione del Wild Fest, ma anche nella collaborazione a manifestazioni teatrali, cinematografiche, letterarie e nelle attività formative per l’integrazione degli immigrati. Nell’ambito del progetto SPRAR di accoglienza ai richiedenti asilo e ai rifugiati politici, l’associazione Orsa Maggiore ha offerto un servizio di doposcuola gratuito e volontario per i minori delle famiglie accolte in paese, al fine di favorirne l’integrazione ed il rendimento scolastici.
LINGUAGGI UNIVERSALI. “La musica e tutte le arti in generale rappresentano un linguaggio universale capace di unire, di superare gli steccati, e dunque di creare benessere, crescita, felicità”, spiega Paolo Scoglietti. Un linguaggio che, concretamente, Orsa Maggiore da otto anni sta declinando in una lunga serie di attività. L’esordio assoluto dell’associazione, ad esempio, vide collaborare i soci del sodalizio all’organizzazione della Festa del Vino di Orsara, una delle manifestazioni di promozione enogastronomica più longeve della Puglia. Mentre la prima edizione del Wild Fest risale al 12 agosto 2016, con band e dj provenienti da tutta la Puglia.
Gli anni dell’emergenza pandemica hanno impedito di dare continuità, nell’ultimo biennio, a un percorso che adesso ricomincia più forte e determinato di prima.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

comunesanseveroLa Festa Maria SS. del Soccorso 2023 inserita dall’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale (Ministero della Cultura), nel Progetto "Legami intangibili nei paesaggi festivi".

L’Amministrazione Comunale è lieta di comunicare alla cittadinanza che la Festa Maria SS. del Soccorso 2023 è stata inserita dall’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale (MIC), nel Progetto "Legami intangibili nei paesaggi festivi". Il progetto, candidato dall’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale, è risultato vincitore di Strategia Fotografia 2022, bando pubblico volto a promuovere e a sostenere la ricerca, i talenti e le eccellenze nel campo della fotografia italiana e che si inserisce nel quadro delle azioni istituzionali della Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiC. Il progetto di documentazione fotografica toccherà tutte le regioni italiane e San Severo è l’unico Comune in Puglia ad essere stato selezionato.
“Siamo molto felici che l’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale del Ministero della Cultura – dichiarano il Sindaco Francesco Miglio e l’Assessore alla Cultura Celeste Iacovino – abbia dato interesse alla Festa della Madonna del Soccorso 2023 in programma dal 19 al 23 maggio e ai complessi elementi culturali riconducibili alla sfera del patrimonio culturale immateriale. Siamo orgogliosi di questo importante risultato che bene si inquadra nelle azioni intraprese dalla nostra amministrazione, perché la ricerca visuale che sarà condotta - proprio nei giorni della Festa - dal noto fotografo e antropologo Francesco Faraci, riuscirà a dare risalto agli elementi socio-culturali, ai legami tradizionali e agli aspetti rituali che costituiscono e rendono unica la nostra Festa. Il reportage che ne seguirà rappresenta una risorsa importante per avviare processi di tutela, di studio, di trasmissione e di analisi di tutto questo nostro importante patrimonio”.
La documentazione prodotta a San Severo - grazie al coordinamento del direttore ICPI Prof. Leandro Ventura e del funzionario demoetnoantropologo Fabio Fichera, referente del progetto - incrementerà il nutrito fondo dell’Archivio Fotografico dell’Istituto. Le opere che ritrarranno la città e la Festa Patronale 2023 saranno valorizzate attraverso una mostra fotografica di interesse nazionale, nelle collane editoriali “Visioni d’Archivio” e “Ricerche” curate dall’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale e in pubblicazioni di carattere scientifico nel campo dell’antropologia visuale e della fotografia etnografica. Una selezione delle stesse sarà inoltre esposta nella sezione fotografica della mostra internazionale “Racconti Invisibili”, percorso espositivo itinerante destinato alla diffusione del patrimonio immateriale italiano nel mondo.
Questa importante campagna fotografica si avvarrà delle preziose collaborazioni con le comunità patrimoniali territoriali, con gli Uffici Periferici del MIC, con la Confraternita, con la Pro Loco, con le Associazioni dei Fuienti e organizzatrici degli spettacoli pirotecnici e con esperti e profondi conoscitori della storia della Festa, e costituirà un punto di partenza per ulteriori studi, ricerche e percorsi di patrimonializzazione.

Il Responsabile dell’Ufficio Stampa
Michele Princigallo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)

celleCELLE DI SAN VITO Il comune di Celle di San Vito ha aderito al progetto “Turismo delle Radici” gestito dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale nell’ambito del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

Nei giorni scorsi, il vice-presidente del Consiglio dei Ministri e responsabile della Farnesina, Antonio Tajani, aveva scritto al piccolo comune cellese per chiedere l’adesione a questo importante progetto. “Il Turismo delle Radici costituisce un’offerta turistica strutturata per i borghi italiani – ha scritto nella missiva Tajani – l’iniziativa consente di coniugare l’offerta di beni e servizi (alloggi, enogastronomia e artigianato) con la conoscenza della storia familiare e della cultura di origine delle nuove generazioni di italiani e italo-discendenti residenti all’estero”.

Solo due comuni in tutta la provincia di Foggia aderiranno al progetto: oltre a Celle di San Vito ha dato la sua adesione il comune di Celenza Valfortore.

“Questo progetto è una grande opportunità, sia in termini di visibilità sia per ciò che attiene allo sviluppo di presenze turistiche – ha dichiarato la sindaca di Celle di San Vito, Palma Maria Giannini – sarà realizzata una rete di comunicazione e verrà stipulata una convenzione con lo stesso Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale”

Grazie al progetto “Turismo delle Radici” sarà possibile organizzare eventi e attività di interesse per gli italiani all’estero. Allo stesso tempo saranno individuati presso il comune strutture adatte all’accoglienza e soggetti disposti ad aderire al programma di scontistica in favore dei discendenti degli emigrati italiani all’estero.

L’obiettivo finale del progetto è la riscoperta dei luoghi di provenienza consentendo ai visitatori di rivivere le tradizioni accompagnati anche da momenti musicali che coinvolgano le associazioni di musica popolare e amatoriale, le bandi musicali, i cori e i gruppi folkloristici residenti nei singoli comuni.

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)